Questo sito contribuisce alla audience di

D.P.R. 300/1992

untitled Decreto del Presidente della Repubblica 26 aprile 1992, n. 300 (in Gazz. Uff., 27 maggio, n. 123). Regolamento concernente le attività private sottoposte alla disciplina degli articoli 19 e 20[...]

untitled

Decreto del Presidente della Repubblica 26 aprile 1992, n. 300

(in Gazz. Uff., 27 maggio, n. 123).

Regolamento concernente le attività
private sottoposte alla disciplina degli articoli 19 e 20 della legge 7 agosto 1990, n. 241.

Preambolo

Il Presidente della Repubblica: Visto l’art. 87 della Costituzione; Visto l’art. 19, comma 1, della legge 7 agosto
1990, n. 241, che demanda ad un apposito regolamento la determinazione delle attività private, soggette
nella vigente disciplina al previo conseguimento di autorizzazioni o di altri atti di consenso, che possano essere
intraprese a seguito di denuncia di inizio da parte dell’interessato; Visto, altresì, l’art. 20, comma 1,
della legge 7 agosto 1990, n. 241, che demanda ad apposito regolamento la determinazione dei casi in cui la domanda
di rilascio di autorizzazione, licenza, nulla osta, o altro atto di assenso comunque denominato, si considera accolta
qualora all’interessato non venga comunicato il provvedimento di diniego nel termine fissato; Ritenuto a tal fine,
di procedere all’emanazione di un unico regolamento; Visto l’art. 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 4 agosto 1989 con il quale il Ministro per la funzione
pubblica è stato, tra l’altro, delegato ad esercitare le attribuzioni del Presidente del Consiglio dei Ministri
in applicazione alla legge 29 marzo 1983, n. 93, e a provvedere agli adempimenti concernenti il pubblico impiego
attribuiti dalla legge al Presidente del Consiglio dei Ministri; Sentite le competenti Commissioni del Senato della
Repubblica e della Camera dei deputati, rispettivamente in data 22 e 30 gennaio 1992; Udito il parere del Consiglio
di Stato, espresso nell’adunanza generale del 6 febbraio 1992; Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri
adottata nella riunione dell’11 aprile 1992; Sulla proposta del Ministro per la funzione pubblica; Emana il seguente
regolamento:

Art. 1. Definizioni.

1. Ai fini delle disposizioni del
presente regolamento, per <> si intende la legge 7 agosto 1990, n. 241.

Art. 2. Oggetto.

1. Il presente regolamento disciplina, ai sensi degli articoli 19 e 20 della legge, i casi in cui l’esercizio di
un’attività privata può essere intrapreso sulla base della denuncia di inizio dell’attività
stessa, da parte dell’interessato, all’amministrazione competente e quelli in cui la domanda di un atto di consenso,
cui sia subordinato lo svolgimento di un’attività privata, si considera accolta qualora non venga comunicato
all’interessato il provvedimento di diniego entro il termine fissato per categorie di atti.

2. Le attività di cui al comma
1, con l’indicazione della fonte normativa e dell’amministrazione competente, sono elencate nelle allegate tabelle
A, B e C, che costituiscono parte integrante del presente regolamento.

3. Sono elencate nella tabella A le
attività alle quali può darsi inizio immediatamente dopo la presentazione della denuncia. Sono elencate
nella tabella B le attività cui può darsi inizio una volta decorso il termine indicato dalla medesima
tabella per ciascun tipo di attività. Sono elencate nella tabella C le attività al cui svolgimento
si applica il silenzio-assenso ai sensi dell’art. 20, comma 1, della legge.

Art. 3. Domanda del richiedente.

1. I termini di cui agli articoli 19, comma 2, e 20, comma 1, della legge decorrono dalla data di ricevimento della
denuncia o della domanda del privato.

2. La denuncia e la domanda devono
identificare la generalità del richiedente e le caratteristiche specifiche dell’attività da svolgere;
inoltre, alla denuncia o alla domanda deve essere allegata una dichiarazione del richiedente che indichi la sussistenza
dei presupposti, ivi compreso il versamento di eventuali tasse e contributi, e dei requisiti prescritti dalla legge
per lo svolgimento di quell’attività. Quando la legge richieda particolari requisiti soggettivi, la denuncia
e la domanda devono contenere anche i dati necessari per verificare il possesso o conseguimento dei requisiti stessi.

3. Qualora la denuncia o la domanda
del privato non siano regolari o complete, l’amministrazione ne dà comunicazione al richiedente entro dieci
giorni, indicando le cause di irregolarità o di incompletezza. In questi casi, il termine di cui al comma
1 decorre dal ricevimento della denuncia o della domanda regolari.

4. Nel caso in cui l’amministrazione
non provveda alla comunicazione di cui al comma 3, il termine del procedimento decorre comunque dal ricevimento
della denuncia o della domanda.

5. All’atto della presentazione della
denuncia o della domanda sarà rilasciata al soggetto interessato una ricevuta recante le indicazioni di
cui all’art. 8, comma 2, della legge.

6. Per la denuncia o la domanda inviate
a mezzo di plico raccomandato con avviso di ricevimento, la ricevuta è costituita dall’avviso stesso debitamente
firmato. Entro tre giorni dal ricevimento della denuncia o della domanda, l’amministrazione comunica all’interessato
le indicazioni di cui all’art. 8, comma 2, della legge.

Art. 4. Silenzio-assenso.

1. L’atto di assenso di cui all’art. 20, comma 1, della legge si considera formato quando la domanda è conforme
alle disposizioni di cui al comma 2 dell’articolo precedente. Restano ferme le disposizioni legislative che subordinano
la formazione dell’atto di assenso a diverse e/o ulteriori condizioni.

2. Quando sia prescritto il versamento
di un contributo o di una tassa in relazione all’emanazione di un provvedimento, il contributo, o la tassa sono
dovuti comunque per il fatto della scadenza del termine per il silenzio-assenso. L’interessato provvede direttamente
al versamento nella misura che risulti dovuta per legge, fatto salvo il diritto dell’amministrazione competente
di procedere alla riscossione di eventuali differenze o conguagli, nonchè di accessori per interessi, soprattasse,
maggiorazioni, penalità o sanzioni pecuniarie. Fatte salve diverse disposizioni di legge, il versamento
della tassa e del contributo in misura inesatta non priva di efficacia il silenzio-assenso.

Art. 5. Termini.

1. I termini fissati negli allegati B e C possono essere interrotti una volta sola dall’amministrazione, fatto
salvo il disposto dell’art. 3, comma 3, esclusivamente per la tempestiva richiesta all’interessato di elementi
integrativi o di giudizio che non siano già nella disponibilità dell’amministrazione e che essa non
possa acquisire autonomamente. La richiesta di elementi integrativi può avere per oggetto anche la trasmissione,
da parte dell’interessato, di elementi o allegati della domanda o della denuncia, che risultino prescritti dalle
leggi o dai regolamenti vigenti e che siano diversi da quelli contemplati dall’art. 3, comma 2.

2. Nel caso di richiesta di elementi
integrativi, i termini fissati negli allegati B e C iniziano a decorrere nuovamente dalla data di ricevimento,
da parte dell’amministrazione competente, degli elementi richiesti. I termini fissati negli allegati B e C non
sono interrotti da eventuali richieste di nuovi elementi integrativi, successive alla prima.

Art. 6. Integrazioni e modifiche del presente regolamento.

1. Entro due anni dalla data di entrata in vigore, il Governo verifica l’attuazione del presente regolamento e,
tenendo conto delle segnalazioni e delle osservazioni che al riguardo provengano dalle singole amministrazioni,
predispone le modificazioni necessarie.

Art. 7. Pubblicità.

1. Entro trenta giorni dalla data di pubblicazione del presente regolamento nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana, le singole amministrazioni, nelle forme previste dai rispettivi ordinamenti, danno pubblicità
al testo e all’elenco delle attività, assoggettate ai controlli di propria competenza, comprese nelle tabelle
allegate, fornendo contestualmente, per i procedimenti ad esse relativi, le indicazioni di cui all’art. 4 della
legge.

target="_blank">DOWNLOAD ALLEGATI