Questo sito contribuisce alla audience di

LEGGE 27 febbraio 2003, n.33

function Go(value) { if (value==’null’) { var url=document.URL; } else { var url=’http://www.comune.jesi.an.it/’+value; } window.self.location.href=url; } LEGGE 27 febbraio[...]

function Go(value)
{
if (value==’null’)
{
var url=document.URL;
}
else
{
var url=’http://www.comune.jesi.an.it/’+value;
}
window.self.location.href=url;

}

LEGGE 27 febbraio 2003, n.33 - Disposizioni in favore delle famiglie delle vittime del disastro aereo di Linate.

LEGGE 27 febbraio 2003, n.33

in Gazzetta Ufficiale N. 55 del 07 Marzo 2003

Disposizioni in favore delle famiglie delle vittime del disastro aereo di Linate.
La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno

approvato;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Promulga

la seguente legge:

Art. 1.

(Disposizioni a favore delle vittime

del disastro aereo di Linate).

1. E’ assegnata al prefetto di Milano la somma di 12.500.000 euro

per un’equa elargizione a favore dei componenti le famiglie delle

vittime del disastro aereo di Linate dell’8 ottobre 2001, tenuto

conto anche dello stato di effettiva necessita’, nonche’ per il

finanziamento di altre iniziative proposte dal “Comitato 8 ottobre

per non dimenticare “, costituito dai familiari delle vittime.

2. Il prefetto di Milano adotta i provvedimenti di elargizione e

finanziamento sentito il parere del Comitato di cui al comma 1.

3. Le elargizioni ed i finanziamenti di cui alla presente legge

sono esenti da ogni imposta o tassa. Le elargizioni sono attribuite

in aggiunta a qualsiasi altra somma cui i soggetti beneficiari

abbiano diritto a qualsiasi titolo secondo la normativa italiana.

Art. 2.

(Disposizioni finanziarie).

1. All’onere derivante dall’attuazione della presente legge, pari

a 12.500.000 euro per l’anno 2003, si provvede mediante

corrispondente riduzione dell’autorizzazione di spesa di cui al

decreto legislativo 25 luglio 1997, n. 250, come determinata dalla

tabella C della legge 28 dicembre 2001, n. 448.

2. Il Ministro dell’economia e delle finanze e’ autorizzato ad

apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.

La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sara’ inserita

nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica

italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla

osservare come legge dello Stato.