Questo sito contribuisce alla audience di

DECRETO LEGISLATIVO 15 aprile 2003, n. 118

untitled DECRETO LEGISLATIVO 15 aprile 2003, n. 118 in Gazzetta Ufficiale N. 123 del 29 Maggio 2003 Norme di attuazione dello statuto speciale della regione Trentino-Alto Adige che integrano e modificano[...]

untitled

DECRETO LEGISLATIVO 15 aprile 2003, n. 118

in Gazzetta Ufficiale N. 123 del 29 Maggio 2003

Norme di attuazione dello statuto speciale della regione Trentino-Alto Adige che integrano e modificano disposizioni
in materia di concessioni di grandi derivazioni d’acqua a scopo idroelettrico.

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visto l’articolo 87, comma quinto, della Costituzione;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1972, n.

670, che approva il testo unico delle leggi costituzionali

concernenti lo statuto speciale per il Trentino-Alto Adige;

Visto il decreto legislativo 11 novembre 1999, n. 463;

Sentita la Commissione paritetica per le norme di attuazione

prevista dall’articolo 107, comma primo, del citato decreto del

Presidente della Repubblica 31 agosto 1972, n. 670;

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella

riunione del 28 marzo 2003;

Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri e del

Ministro per gli affari regionali, di concerto con i Ministri delle

attivita’ produttive, per le politiche comunitarie e dell’economia e

delle finanze;

E m a n a

il seguente decreto legislativo:

Art. 1.

Disposizioni in materia di concessioni

di grandi derivazioni a scopo idroelettrico

1. Fermo restando quanto disposto dalle leggi provinciali emanate

ai sensi del comma 16 dell’articolo 1-bis del decreto del Presidente

della Repubblica 26 marzo 1977, n. 235, recante norme di attuazione

dello statuto speciale della regione Trentino-Alto Adige in materia

di energia, per le concessioni di grandi derivazioni d’acqua per uso

idroelettrico in scadenza entro il 31 dicembre 2008, il termine di

cinque anni per la presentazione della relativa istanza previsto dal

comma 6 del medesimo articolo 1-bis e’ ridotto a quattro anni.

Art. 2.

Modificazioni all’articolo 1-bis del decreto

del Presidente della Repubblica 26 marzo 1977, n. 235

1. Al comma 5 dell’articolo 1-bis del decreto del Presidente della

Repubblica 26 marzo 1977, n. 235, introdotto dall’articolo 11 del

decreto legislativo 11 novembre 1999, n. 463, e’ aggiunto, in fine,

il seguente periodo:

«Ove, prima del 1° gennaio 1995, fosse gia’ stata autorizzata

l’installazione e l’esercizio provvisorio degli impianti ai sensi

dell’articolo 25 del regio decreto 14 agosto 1920, n. 1285, ovvero ai

sensi dell’articolo 4 della legge 6 dicembre 1962, n. 1643, la

provincia autonoma competente, su istanza degli interessati in

possesso della relativa autorizzazione, puo’, qualora sia accertata

la non sussistenza di un prevalente interesse pubblico ad un diverso

uso delle acque, in tutto o in parte incompatibile con

l’utilizzazione a fine idroelettrico, rilasciare la concessione con

scadenza al 31 dicembre 2010.».

Art. 3.

Ulteriori modificazioni al decreto del Presidente

della Repubblica 26 marzo 1977, n. 235

1. Nel comma 3, lettera c), dell’articolo 01 del decreto del

Presidente della Repubblica 26 marzo 1977, n. 235, introdotto

dall’articolo 9 del decreto legislativo 11 novembre 1999, n. 463, le

parole: «le reti per il trasporto dell’energia elettrica costituenti

la rete di trasmissione nazionale» sono sostituite dalle seguenti:

«le reti per il trasporto dell’energia elettrica costituenti la rete

di trasmissione nazionale con tensione superiore a 150 KV».

2. All’articolo 10, primo comma, del decreto del Presidente della

Repubblica 26 marzo 1977, n. 235, cosi’ come modificato dall’articolo

19 del decreto legislativo 11 novembre 1999, n. 463, sono apportate

le seguenti modificazioni:

a) nell’alinea sono soppresse le parole: «, al fine di concorrere

al conseguimento delle finalita’ di cui al primo comma

dell’articolo 9,»;

b) nella lettera a) sono soppresse le parole: «e coordinamento

tecnico dell’attuazione delle deliberazioni del comitato di cui

all’articolo 9»;

c) nella lettera c) sono soppresse le parole: «ed indicate nel

piano tecnico di cui all’articolo 9, comma terzo, n. 2)».

Art. 4.

Modificazioni all’articolo 5 del decreto

del Presidente della Repubblica 22 marzo 1974, n. 381

1. Il terzo comma dell’articolo 5 del decreto del Presidente della

Repubblica 22 marzo 1974, n. 381, inserito dall’articolo 2, comma 1,

lettera c), del decreto legislativo 11 novembre 1999, n. 463, e’

sostituito dalla seguente:

«c) Le province possono avvalersi del Registro italiano dighe

(RID) per l’identificazione e l’approvazione tecnica dei progetti e

per la vigilanza sulla costruzione e sulle operazioni di controllo

spettanti ai concessionari con riferimento alle dighe di ritenuta,

alle opere di sbarramento o alle traverse inferiori o pari a 15 metri

di altezza e che determinano volume di invaso inferiore o pari a

1.000.000 di metri cubi. Per le medesime opere superiori a 15 metri

di altezza o che determinano invasi di volume superiori a 1.000.000

di metri cubi le province stesse affidano i predetti compiti al RID;

in tale ultimo caso si osserva, altresi’, la normativa tecnica

statale relativa alla progettazione e alla costruzione.».

Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara’ inserito

nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica

italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo

osservare.