Questo sito contribuisce alla audience di

DECRETO-LEGGE 29 Novembre 2007 , n. 223

Disposizioni urgenti in materia di riparto di risorse finanziarie tra le regioni.

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione;
Ritenuta la straordinaria necessita’ ed urgenza di procedere, con
immediatezza, alle erogazioni di risorse finanziarie spettanti alle
regioni, per gli anni 2005 e 2006, in coerenza con le ripartizioni
approvate in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo
Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano,
anche al fine di consentire il conseguimento degli obiettivi di
finanza pubblica previsti dalla vigente legislazione;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 29 novembre 2007;
Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri e del
Ministro dell’economia e delle finanze, di concerto con il Ministro
per gli affari regionali e le autonomie locali;

Emana

Il seguente decreto-legge:

Art. 1.
1. Fino alla data di entrata in vigore della disciplina di
attuazione dell’articolo 119 della Costituzione, la ripartizione
delle risorse rivenienti dalle riduzioni annuali, di cui all’articolo
1, comma 320, della legge 23 dicembre 2005, n. 266, puo’ essere
effettuata anche sulla base di intese tra lo Stato e le regioni,
concluse in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo
Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano. Tale
disposizione si applica anche in relazione alle ripartizioni di
risorse concernenti gli anni 2005 e 2006 e sono fatti salvi gli atti
gia’ compiuti in conformita’ ad essa presso la predetta Conferenza.

Art. 2.
1. Il presente decreto entra in vigore il giorno successivo a
quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana e sara’ presentato alle Camere per la conversione
in legge.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara’ inserito
nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica
italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo
osservare.
Ricordiamo che l’unico testo definitivo è quello pubblicato sulla Gazzetta
Ufficiale a mezzo stampa.Fonte: http://wwww.gazzettaufficiale.it