Questo sito contribuisce alla audience di

L'Inter deve risarcire un tifoso napoletano

La vicenda oggetto della pronuncia in esame trae origine dalla partita di calcio tra Inter e Napoli disputatasi a Milano il 6 ottobre 2007. Un titofoso della squadra partenopea, rimanendo turbato[...]


La vicenda oggetto della pronuncia in esame trae origine dalla partita di calcio tra Inter e Napoli disputatasi a Milano il 6 ottobre 2007.

Un titofoso della squadra partenopea, rimanendo turbato dall’esposizione di striscioni contenenti espressioni ingiuriose effettuata da parte dei sostenitori della squadra ospitante, oltre che dai cori intonati dai supporters dell’Inter, decideva di adire - con atto di citazione notificato in data 5 novembre 2007 - il Giudice di Pace di Napoli per sentire condannare la F.C. Internazione S.p.A. a risarcirgli il danno esistenziale asseritamente patito in conseguenza del comportamento posto in essere dai tifosi della squadra avversaria.

Il Giudice di Pace di Napoli, destando non poche perplessità sull’iter logico-giuridico seguito nella propria sentenza, stabiliva all’esito del giudizio che: “l’acquisto del biglietto per assistere a una partita di calcio determina l’insorgere di un rapporto contrattuale tra l’acquirente e la sociatà organizzatrice, nel quale il primo assume la veste di “consumatore” rispetto a una controparte professionista e come tale può convenire in giudizio la stessa ex articolo 1469.bis del Cc o in base all’articolo 33, lettera U), del codice del consumo ed essa risponde del danno esistenziale subito dall’acquirente a causa degli striscioni contro la città ospite esisbiti sugli spalti dalla tifoseria di casa“.

Di qui la condanna in via equitativa al pagamento della somma di € 1.500,00 in favore dell’attore.

Giudice di Pace di Napoli - Sezione I civile - Sentenza 16 giugno 2008, n. 47825