Questo sito contribuisce alla audience di

La guida risponde

0 Vota

Gentili Signori, gradirei ricevere dettagli sul DPR 633/72 art. 38 bis\nCordiali saluti\nVictor Nicolini

Domanda

Gentili Signori, gradirei ricevere dettagli sul DPR 633/72 art. 38 bis Cordiali saluti Victor Nicolini

Risposta

Art. 38-bis.

Esecuzione dei rimborsi.

I rimborsi previsti nell'articolo 30 sono eseguiti, su richiesta
fatta in sede di dichiarazione annuale, entro tre mesi dalla scadenza
del termine di presentazione della dichiarazione prestando, prima
dell'esecuzione del rimborso e per la durata di due anni dello
stesso, cauzione in titoli di Stato o garantiti dallo Stato, al
valore di borsa, ovvero fideiussione rilasciata da un'azienda o
istituto di credito, comprese le casse rurali e artigiane indicate
nel primo comma dell'articolo 38, o da una impresa commerciale che a
giudizio dell'Amministrazione finanziaria offra adeguate garanzie di
solvibilità o mediante polizza fideiussoria rilasciata da un istituto
o impresa di assicurazione. Sulle somme rimborsate si applicano gli
interessi in ragione del 6 per cento annuo , con decorrenza dal
novantesimo giorno successivo a quello in cui è stata presentata la
dichiarazione, non computando il periodo intercorrente tra la data di
notifica della richiesta di documenti e la data della loro consegna,
quando superi quindici giorni. I rimborsi previsti nell'articolo 30
possono essere richiesti, utilizzando apposita dichiarazione redatta
su modello approvato con decreto dirigenziale contenente i dati che
hanno determinato l'eccedenza di credito, a decorrere dal primo
febbraio dell'anno successivo a quello di riferimento; in tal caso i
rimborsi sono eseguiti entro tre mesi dalla presentazione della
dichiarazione, che vale come dichiarazione annuale limitatamente ai
dati in essa indicati, con le modalità stabilite dal presente
articolo e, agli effetti del computo degli interessi, si tiene conto
della data di presentazione della dichiarazione stessa. I rimborsi di
cui al presente comma possono essere richiesti con apposita istanza,
anche ai competenti concessionari della riscossione secondo le
modalità stabilite dall'articolo 78, commi 27 e seguenti, della legge
30 dicembre 1991, n. 413, e dai relativi regolamenti di attuazione
.
Il contribuente può ottenere il rimborso in relazione a periodi
inferiori all'anno, prestando le garanzie indicate nel comma
precedente, nelle ipotesi di cui alle lettere a) e b) del terzo comma
dell'articolo 30 .
Quando sia stato constatato nel relativo periodo di imposta uno dei
reati di cui all'articolo 4, primo comma, n. 5), del D.L. 10 luglio
1982, n. 429, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto
1982, n. 516, l'esecuzione dei rimborsi prevista nei commi precedenti
è sospesa, fino a concorrenza dell'ammontare dell'imposta sul valore
aggiunto indicata nelle fatture o in altri documenti illecitamente
emessi od utilizzati, fino alla definizione del relativo procedimento
penale .
Ai rimborsi previsti nei commi precedenti e al pagamento degli
interessi provvede il competente ufficio utilizzando i fondi della
riscossione, eventualmente aumentati delle somme riscosse da altri
uffici dell'imposta sul valore aggiunto. Ai fini della formazione
della giacenza occorrente per l'effettuazione dei rimborsi è
autorizzata dilazione per il versamento all'erario dell'imposta
riscossa. Ai rimborsi può in ogni caso provvedersi con i normali
stanziamenti di bilancio .
Con decreto del Ministro delle finanze di concerto con il Ministro
del tesoro sono stabiliti le modalità relative all'esecuzione dei
rimborsi e le modalità ed i termini per la richiesta dei rimborsi
relativi a periodi inferiori all'anno e per la loro esecuzione. Sono
altresì stabiliti le modalità ed i termini relativi alla dilazione
per il versamento all'erario dell'imposta riscossa nonché le modalità
relative alla presentazione della contabilità amministrativa e al
trasferimento dei fondi tra i vari uffici.
Se successivamente al rimborso viene notificato avviso di rettifica
o accertamento il contribuente, entro sessanta giorni, deve versare
all'ufficio le somme che in base all'avviso stesso risultano
indebitamente rimborsate, insieme con gli interessi del 6 per cento
annuo dalla data del rimborso, a meno che non presti la garanzia
prevista nel secondo comma fino a quando l'accertamento sia divenuto
definitivo .

vic*** - 20 anni e 11 mesi fa
Registrati per commentare