Questo sito contribuisce alla audience di

La guida risponde

0 Vota

Richiesta legge

Domanda

Egr. Sigg. è possibile avere il testo del R.D. 827 del 23.05.1924 art. 73 e 76. Grazie

Risposta

Art 75

Quando l'asta si tiene col metodo delle offerte segrete di
cui all'art. 73, lettera b), il limite massimo o minimo che deve
essere almeno raggiunto per potersi procedere all'aggiudicazione,
viene stabilito preventivamente dal ministro o dall'ufficiale da lui
delegato, e indicato in una scheda segreta, chiusa con sigillo
speciale.
In tale scheda l'amministrazione può anche prefissare il limite di
aumento o di ribasso che le offerte non devono oltrepassare.
La scheda viene deposta dall'autorità che presiede l'asta, alla
presenza del pubblico, sul banco degli incanti, all'apertura
dell'adunanza e deve restare sigillata sin dopo aperte e lette le
offerte dei concorrenti.
Le offerte, unitamente con la prova dell'eseguito deposito, possono
essere mandate all'ufficio che tiene l'asta, a rischio dei
concorrenti, per mezzo della posta o di terze persone, quando ciò non
sia inibito dall'amministrazione nell'avviso d'asta: ma tali offerte
per essere valide devono pervenire in piego sigillato, non più tardi
del giorno precedente a quello in cui si tiene l'asta.
Per le offerte inviate per posta o a mezzo di terze persone, che
non siano pervenute o siano pervenute in ritardo non sono ammessi
reclami.
Aperta l'asta, il presidente, dopo deposta la scheda segreta,
enumera e depone sul banco senza aprirle, le buste contenenti le
offerte già pervenute in uno dei modi di cui ai commi precedenti e
invita gli istanti a presentare le loro offerte.
Le offerte mandate o presentate non possono essere più ritirate
dopo aperta l'asta, ma lo stesso offerente può presentarne altre
prima che sia cominciata l'apertura dei pieghi.
Ciascun offerente rimette in piego chiuso al presidente la sua
offerta, presentando a parte e contemporaneamente la prova
dell'eseguito deposito.
Il presidente, ricevute tutte le offerte, del che si accerta
richiedendone ad alta voce gli astanti, e trascorsa l'ora di cui
all'art. 69, apre i pieghi in presenza del pubblico e legge ad alta e
intelligibile voce le offerte.
Iniziatasi l'apertura dei pieghi non è ammessa la presentazione di
altre offerte.
Dopo lette tutte le offerte, l'autorità che presiede l'asta prende
cognizione del prezzo stabilito nella scheda segreta e del limite di
cui al comma secondo del presente articolo, se tale limite sia stato
stabilito, ed eliminate dalla gara le offerte che lo abbiano
oltrepassato, aggiudica il contratto al migliore offerente, senza
palesare il prezzo stabilito nella scheda.
Ove nessuna offerta abbia raggiunto tale prezzo l'asta viene
dichiarata deserta, e viene comunicato ai concorrenti il prezzo
indicato nella scheda segreta

Art. 76.

Quando l'asta si tiene col metodo di cui alla lettera c)
dell'articolo 73, si osservano, quanto al modo di invio o di
presentazione delle offerte, le disposizioni del precedente articolo.
L'autorità che presiede l'asta, aperti i pieghi ricevuti o
presentati e lette le offerte, aggiudica il contratto a colui che ha
presentato l'offerta più vantaggiosa e il cui prezzo sia migliore o
almeno pari a quello fissato nell'avviso d'asta.
Se non sono state presentate offerte, l'asta è dichiarata deserta.
L'amministrazione può, anche in questa forma di incanto, prefissare
il limite di aumento o di ribasso che le offerte non devono
oltrepassare. In tale caso il limite suddetto sarà indicato in una
scheda segreta sigillata da deporsi ed aprirsi con le modalità di cui
al precedente articolo, e dopo l'apertura saranno eliminate dalla
gara le offerte che abbiano oltrepassato il limite segnato nella
scheda.

gvi*** - 20 anni e 7 mesi fa
Registrati per commentare