Questo sito contribuisce alla audience di

Weekend al Tenax: 12/13 novembre 2004

D'JULZ, LA CERIMONIA DEL TE'... al Tenax

Venerdì 12 novembre 2004 - ore 22
TENAX – via Pratese 46 – Firenze
The Cage
feat.
Filippo Nardi
Filippo Nardi, di certo uno dei protagonisti delle ultime stagione televisive, è tornato a tempo pieno alla sua attività preferita, quella di Dj. E’ lui il resident del MuM Tenax, al venerdì The Cage. In consolle Filippo mostra una spiccata vocazione per i nuovi confini dell’house, con la presenza anche di musicisti. Un’energia pazzesca: rallentare, accelerare e spezzare il suono… Al suo fianco, neanche a dirlo, le più belle ragazze dell’animazione.
Sempre per The Cage Tenax ricordiamo “Tenax on the Fly”, l’iniziativa promossa in collaborazione con portale internet Saimicadove.it che, ogni venerdì, regala due biglietti aerei a/r Ryanair con partenza da Pisa.
Last but not least la Tenax Nightlife Barman School: l’arte del drinking in dieci lezioni, un corso dedicato ai clienti Tenax sotto la guida attenta di Samuel Menghetti (info www.tenax.org).

Sabato 13 novembre 2004 - ore 22
TENAX - via Pratese 46 – Firenze
N o b o d y ’ s P e r f e c t
D’JULZ
Dj set + NeverDogs @MuM +
La Cerimonia del Tè
(Mamasan) con il maestro Soucho della Scuola di Enshuryu
Un angolo d’Oriente nel tempio dell’house. Si chiama Mamasan ed è il nuovo spazio al primo livello Tenax: un privè dedicato all’asian style contemporaneo, con le sue contraddizioni, le sue genialità ed il suo carico di shock culturale.
Dopo le performance e le esposizioni delle settimane scorse, l’appuntamento di sabato 13 novembre di Mamasan/Tenax sarà dedicato alla celebre Cerimonia del Tè: una vera e propria arte della cultura giapponese, tramandata nei secoli, che rivivrà nel Mamasan attraverso uno dei suoi massimi cultori, il maestro Soucho della Scuola di Enshuryu.
Grandi ospiti anche per quanto riguarda la colonna sonora, del Nobody’s Perfect di sabato prossimo: da Parigi approda alla consolle della main-room D’Julz, tra i più creativi e geniali esponenti di quel “French Touch” (Daft Punk, Cassius, Dimitri From Paris…) che ha cambiato – e arricchito – il mondo della dance. It’s Wonderful, it’s Tenax!
LA CERIMONIA DEL TE’ - Quello che fa della cerimonia del tè qualcosa di cosi complesso e’ soprattutto lo stato d’animo. Quello che realmente conta non e’ certo preparare una ciotola di te’, ma farlo nella giusta disposizione di spirito. Il raggiungimento di questo risultato e’ un impegno che dura tutta la vita. Come nello Zen, gli utensili, le procedure e gli aspetti esoterici hanno valore solo come stimoli verso uno scopo più elevato, e nel tè lo scopo consiste, molto semplicemente, nel saper offrire agli invitati la massima ospitalità.
Per creare un’atmosfera in cui gli ospiti si sentano a loro agio e privi di ogni imbarazzo, sono necessari anni di allenamento, perché il corpo possa eseguire tutti i movimenti in maniera del tutto naturale, in modo che la mente possa essere pronta a ogni tipo di improvvisazione creativa e appaia immediata e spontanea. Solo cosi l’invitato non si sentira’ in debito o a disagio.
Ovviamente la Via del Te’ non e’ un’arte a sé, isolata e indipendente, basti pensare che per il raggiungimento dell’armonia fisica nel chashitsu (stanza/casa del te’) e’ necessaria una certa competenza per tutte le arti tradizionali (ikebana, sho, ceramica, ecc…).

D’JULZ - In attività dal 1992, D’julz è uno dei più originali Dj della scena underground francese, resident de La Terrazza/Discotheque da due anni. La sua musica è un mix di house e techno, con influenze tribal, dub e funk.
Assolutamente potenti i suoi set, da cui traspare l’abilità e l’eclettismo del grande Dj. D’julz è tra i protagonisti dei primi rave parigini (Soma, Lunacy, Borealis), con frequenti collaborazioni con i migliori club francesi: Rex, Queen, Palace, Gibus, L’Enfer…
Nel 1993 si sposta a New York, dove diventa uno dei principali ambasciatori del French Sound. Nella grande mela D’julz partecipa ai celebri Nasa Raves e suona in club come The Loaft, Nell’s, Club Usa, Tunnel, Limelight…
Tornato in Europa, D’julz è di scena in grandi club: Café d’Anvers, Fuse, Food, Mirano, La Rocca (Belgio),Plastic People, The End (Inghilterra), Planet (Germania), Chemistry, Mazzo, Nighttow (Olanda) e Space, Pacha, Km5 (Ibiza, Spagna).
Nel 1997 inizia a collaborare con il Rex, dove propone (ogni mese) la serata “Bass Culture”. D’julz diventa quindi uno dei punti di riferimento per Magic Garden e Scream (due dei principali promoter francesi), con frequenti set alla Respect Night del Queen e agli After del Batofar.
D’julz ha partecipato per tre anni di fila alla Paris Techno Parade (200.000 persone). Di recente è anche tornato a New York, al Twilo.
Il 2000 è l’anno della definitiva consacrazione internazionale : D’julz è di scena a New York, Toronto, Tel Aviv, Atene, Londra, Helsinki, Praga, Tokyo, Canton.
Attualmente D’julz ha un proprio appuntamento mensile alla La/Terrazza/Discoteque di Barcellona e al Hi-tech Soul Movement@ More di Amsterdam. Molto frequenti anche le sue session al Fabric, il miglior club di Londra. D’julz conduce da tempo anche un programma radiofonico sulle onde dell’emitente francese numero uno in ambito house/techno: F.G.
Quest’anno D’julz ha conquistato il settimo posto nella classifica mondiale dei migliori Dj stilata dalla prestigiosa rivista Trax.
Nelle vesti di producer, D’julz collabora da tempo con prestigiose etichette come Maya (l’etichetta di Joeski), Serial, Ovum, 20/20 Vision (l’etichetta di Ralph Lawson), Paper e Ovum (l’etichetta di Josh Wink)… per cui ha relizzato diverse produzioni e remix.
Dai suoi dischi attingono personaggi come Josh Wink, Laurent Garnier, Darren Emerson, Carl Cox, Layo & Bushwaka, Mr C, Sneak, Derrick Carter, Ralph Lawson, Doc Martin, Silicone Soul and H-Foundation… solo per citarne alcuni.
Nel novembre 2001 D’julz ha pubblicato “Magic Garden D’julz Boxes”, la sua nuova compilation mixata da Magic Garden. Il disco è stato distribuito in 26 paesi. Per La Terrazza/Discotheque, D’Julz ha dato alle stampe inoltre la compilation “Nights in Red Satin”. Tra le sue hit più recenti le ballatissime “Burning Up” e “Dragon Dub”.

ULTIMORA
Venerdì 31 dicembre 2004, al Tenax
ROGER SANCHEZ
Fino a sabato 13 novembre
Artube/Mamasan
in collaborazione con Fondo Giovani Artisti del Comune di Firenze
presenta
Anonymous ArtStudio
Continua la collaborazione tra Tenax e FGA - Fondo Giovani Artisti del Comune di Firenze (www.fga.fi.it) - un progetto di lungo periodo che vuole dare strumenti concreti a giovani artisti, gruppi e associazioni per sostenere lo scambio artistico nel territorio fiorentino e per dare occasioni di visibilità.
Da venerdì 29 ottobre a venerdì 12 novembre ’04 presso la gallery Artube Tenax è in programma l’esposizione di Anonymous ArtStudio, il progetto artistico ideato da Elena Bertoni e Simone Romano. La ricerca di Anonymous ArtStudio invade i vari campi della comunicazione artistica, spaziando dalla fotografia al video, dalla performance all’installazione. Una poetica dove la realtà e la sua crudezza sono esaltate e ridicolizzate allo stesso tempo, dove l’ironia gioca una parte fondamentale nella lettura dei progetti.

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti

Link correlati