Questo sito contribuisce alla audience di

Weekend al Tena x- 11/12 marzo

Dopo Cassius, Mousse T. Ivan Smagghe… viene ancora dalla Francia lo special-guest Tenax di venerdì 11 marzo: Martin Solveig.

venerdì 11 marzo 2005 - ore 22
TENAX – via Pratese 46 – Firenze
The Cage
feat.
Martin Solveig
Carlo Grieco - Filippo Nardi
Dj set
A soli diciotto anni è stato dj resident del Palace, mentre calcava le scene di altri templi della notte parigina come Les Bains Douches, L’Enfer e Queen, a fianco di Todd Terry, Roger Sanchez e altri big del djing internazionale.

Dj e producer, Solveig torna in Italia per presentare il suo nuovo singolo “Everybody”, anteprima del nuovo attesissimo album (dopo lo stratosferico successo di “Sur la Terre”): un beat carico di groove, accattivante e segnato dalla linea vocale di Lee Field.
Il suo dj set conferma la versatilità del nuovo house sound, dichiaratamente aperto alla contaminazione tra generi. Solveig sorprende il pubblico intrecciando melodie solari e danze tribale, classici tagliati e ricuciti su misura, incredibili rivisitazioni e miscelazioni ad arte.
MARTIN SOLVEIG – Già dai tempi della scuola dimostra una grande passione: lavora presso il suo negozio di dischi preferito. Una occupazione che lo spinge a sintonizzarsi con le differenti sensibilità del pubblico e, soprattutto, che gli permette di ampliare lo spettro dei propri gusti musicali: dal funk all’hip hop, dal soul al jazz, dalla musica francese alla world music, dalla disco alla dance.
Dal banco alla consolle il passo è breve: grazie alle relazioni strette in questo periodo, si trova, a soli 18 anni, ad essere dj resident del celebre club Le Palace; nelle stagioni successive suonerà presso Les Bains Douches come partner dj di Todd Terry, Roger Sanchez, Mousse T e poi ancora a L’Enfer ed al Queen.
Parallelamente Martin inizia ad intraprendere l’attività di produzione musicale e, dopo i primi esperimenti, nel 1999 fonda l’etichetta Mixture Stereophonic: Heart of Africa e Come With Me, i primi due singoli, caratterizzati da potenti percussioni, incalzanti linee di basso ed azzeccati riff di sax divengono immediatamente club hit suonate dai più grandi dj del mondo.
Contattato da Bob Sinclar, prende parte al progetto Africanism della Yellow Production. Martin compone per l’occasione il brano Edony clap your hands, che si posiziona nel giro di poche settimane ai primi posti nelle charts internazionali (no.1 in Francia, Italia e Grecia). Ma è l’estate 2003 che consacra questo giovane artista al successo del grande pubblico: la sua rilettura in chiave exotic-disco di Madan, canto della tradizione africana composto da Salif Keita, supera le 70.000 copie e viene licenziata per oltre 120 compilation in tutto il mondo, dominando per un anno intero le airplay dei network radiofonici.
Il suo fortunatissimo album di debutto Sur La Terre (2002), riflette pienamente tutte le influenze musicali e le esperienze lavorative vissute, dimostrando come questo artista sia in grado di apportare nelle produzioni la gioia di una melodia “vivente”, suonata, che sembra nutrirsi della forza, del ritmo e del coinvolgimento della danza tribale.
Il suo recente successo, Rockin’ music, estratto dal suo album di debutto Sur la Terre e promosso con un videoclip in heavy rotation sui circuiti MTV e VIVA, ha amplificato ulteriormente l’interesse dei media su questo artista.
L’estate 2004 lo ha visto protagonista delle serate più incandescenti di Ibiza al fianco di mostri sacri quali Dimitri from Paris, David Guetta, Mousse T. e Little Louie Vega. Queste sue performance gli sono valse la sua nomination mondiale per il “best house set of the season”.

sabato 12 marzo 2005 - ore 22
TENAX - via Pratese 46 – Firenze
N o b o d y ’ s P e r f e c t
VERTIGO PARTY
DAVID PICCIONI + ALEX NERI
+ MuM Privè DJ DIVINITY (The Sage/Berlino) - dj set

Torna il Vertigo Party, la festa promossa in collaborazione con la londinese Vertigo Nite - il party italiano più famoso di Inghilterra - con direttore d’orchestra il grande Dave Piccioni, insieme al resident Nobody’s Perfect Alex Neri.
Artefice di quel miracolo del disco che porta il nome di Black Market - il più rinomato vinyl store d’Oltremanica – Dave Piccioni è anche l’ideatore dell’etichetta discografica Azuli (arrivata a oltre 120 pubblicazioni) che ha permesso al nostro di entrare in contatto, fin dagli inizi, con mostri sacri quali Frankie Knuckles, Francois K e Danny Tenaglia. Dave è oggi una colonna della dance britannica! Sempre sabato 12 marzo, ma al MuM Privè Dj Divinity (The Sage/Berlino).
VERTIGO – Vertigo è l’appuntamento quindicinale ideato da un gruppo di promoter italiani, di scena ogni seconda e quarta domenica del mese presso la discoteca The Cross, nel quartiere King’s Cross di Londra.
In pochi anni Vertigo ha conquistato il pubblico londinese e non solo. I segreti di tanto successo? Innanzitutto la qualità della musica, dal deep al funky house, selezionata e proposta da dj di grande talento, tra cui molti artisti italiani. Una formula che ha guadagnato il titolo di “notte italiana”, radunando un pubblico elegante, allegro e facendo breccia anche nella gay-culture londinese. Un risultato straordinario per un progetto iniziato nel 1998 da due ragazzi italiani, Rosario e Manuela, entrambi residenti a Londra ma con alle spalle una solida esperienza nel nightlife italiano. Il locale che ospita la notte Vertigo, The Cross, quattro anni prima era solo un piccolo club, non la grande disco che è adesso, dopo l’arrivo delle notti Vertigo.
Nel campo dello spettacolo, la filosofia italiana diverge parecchio da quella d’Oltremanica: molti producer inglesi preferiscono l’ambiente underground e i Dj emergenti. Rosario e Manuela, da buoni italiani, amano invece l’eleganza e la qualità, ed è questa l’impronta che hanno dato alla loro serata, dai flyer agli allestimenti, ai Dj.
“Abbiamo puntato molto sui Dj - spiegano i due - e la qualità della musica è sicuramente una caratteristica delle notti Vertigo. Tra i nostri resident ci sono artisti come David Piccioni, Cosmo, Micky, Claudio Basile e Oscar Wilson, affiancati da star internazionali come Kenny Carpenter, Tedd Patterson, Pete Heller, Ashley Beedle, Rocky, Joey Negro, Ricky Morrison… e pure da Dj italiani come Alex Neri, Ralf, Ricky Montanari, Walter S, Flavio Vecchi, Claudio Di Rocco…”
Il successo dei Dj italiani al Vertigo è un dato di fatto.
Vertigo propone due sale con programmazione diversa, ma sempre coerente alla serata.
Il fatto che la Vertigo nite sia stata creata da due ragazzi come Manuela e Rosario non significa che sia frequentata solo da italiani. Anzi, tra le piste del locale si intreccia spesso un folla cosmopolita composta da spagnoli, brasiliani, francesi e giovani di tutto il globo.
“This is house music how they do it abroad.. it has certain flavour and a certain style, and Vertigo captures that style perfectly”
DJ DIVINITY (The Sage/Berlino) - The name Divinity reflects his identity as an artist and musician, was given to him by his audience.
“Divinity - the god-endowed”…and this “alias” stands for what he is famous for:
When Divinity is standing behind the wheels there is an enlightenment that transmits the music’s energy onto the dance floor and to the crowed. He is divine in his doing, his music and emotion. Every time when he plays for an audience he shows real passion for what he is doing. Emotions are music and when he is playing everyone is inspired to go along with his music. The rhythm will not let you go, once it has caught you. To make everybody understand his music, it seems like he is turning on the effect knobs all the time, take out the bass and drop it back in, mixing the bass from one record and another one and another one. He is not interested in blending and mixing cheap and boring records at all. That’s what makes him so divine.
Whoever experienced his show so far, will confirm, “If divinity is playing, emotions overflowing the dance floor.”
Finally you are completely finished and exhausted, but lucky. You will try to reach the bar and request “water”. Why? Because you have danced like a maniac. his message is love!
To hammer this into everyone’s mind, he is twitching the controllers such a long time, presents every effect by turning in it and out, emphasizes every passage every climax and turning point while mixing. There is no second of relaxation, nobody’s bored - only emotions, dancing and fun! The ability taking up the rhythm with the whole body, makes him the eagerest dancer and performer, behind and in front of the turntables and everywhere else.
To put down a final statement: “Music is for the head, as well as for the body and the soul…so let’s get down on the floor!”
Performed at: SAGE Club, GMF @ WMF, Polar.TV, Schwuz, Casino, Pfefferbank, Metropol, Stern Radio (all Berlin),
Rangavilas, Betty Ford & Phonodrome (all Hamburg), Tiefenrausch & Domspatzen (both Cologne)
Parkcafé (Munich), M1 (Stuttgart), Exclusivact @ PRINCE After Concert Party 2002 at 190 east (Frankfurt) ,
CUBE Club (Rheda/Wiedenbrück), Mach 1 (Nürnberg), , MK 2 (Düsseldorf), Joue Joue (Erfurt), German Club (Dresden), Space Club (Ibiza, Spain), Garden Club @ Volksgarten (Vienna) and more…

Da venerdì 4 marzo
Artube
presenta
la personale di
Marco Michelini
Continuano le esposizioni di Artube, la gallery Tenax dedicata agli artisti emergenti. Da venerdì 4 a sabato 12 marzo sono in mostra le opere di Marco Michelini.
Da tempo impegnato come graphic-designer a Firenze, Michelini porta avanti una ricerca che lega vari media come la fotografia, la grafica, la tipografia e il video-making.
Saranno esposte le opere Scambio (2004), Sacrificio (2004), Anima collettiva (2004), Dosis (2004), Declinazioni (2004), Threads – Fili (2004).

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti

Link correlati