Questo sito contribuisce alla audience di

"Britney drogata dal manager"

La denuncia della madre: "Britney drogata dal manager"

Mercoledì 6 Febbraio 2008, 10:30 — LosAngeles, 6 febbraio 2008 - La catastrofica epopea di Britney Spears, ricoverata in ospedale psichiatrico dalla settimana scorsa, si arricchisce di un altro capitolo. La madre della cantante, Lynne, ha presentato un pacchetto di documenti in tribunale in cui si sostiene che il manager e amico di Britney, Sam Lufti, la drogasse per impossessarsi dei suoi beni. Lufti “aveva tagliato i fili del telefono di casa di Britney e le aveva sequestrato la batteria del cellulare”, si legge nella dichiarazione spontanea, “le urlava, cercava di controllare tutto: il commercialista, gli avvocati e le guardie del corpo al cancello”. Lynne ha anche raccontato che il 28 gennaio, poco prima che la figlia fosse sottoposta al secondo ricovero coatto in una struttura psichiatrica, si recò a farle visita nella casa di Studio City, dove vive. “Britney era molto agitata non riusciva a stare ferma - si legge - Puliva la casa, si cambiava i vestiti più volte, cambiava i vestiti ai suoi cani altrettanto spesso. Mi parlò con un tono e un livello di comprensione di una bambina piccola”. La signora Spears ha spiegato che Lufti le disse di averle spezzettato nel cibo dei calmanti e che era arrivato a dirle che doveva prendere “dieci pillole al giorno” se voleva rivedere i suoi figli (affidati all’ex marito, dopo la separazione nel 2006). Dopo la mossa della madre, il tribunale di Los Angeles ha emesso un’ordinanza che impone a Lufti di stare lontano dalla cantante e di mettere fine alle molestie nei suoi confronti. Intanto, poco dopo il suo ricovero, un giudice ha disposto che, per il periodo in cui rimarrà in ospedale, i beni di Britney saranno amministrati dal padre Jamie e dall’avvocato, Andrew Wallette. (FONTE : quotidiano.net)