Questo sito contribuisce alla audience di

Il mito Buddha Bar Resiste alla crisi discografica

Per fortuna qualche bella notizia arriva: Il mito Buddha Bar Resiste alla crisi discografica

Il chill out - lounge (per chi li creati i due termini si riferiscono alla stessa musica) è probabilmente l’unico ‘nuovo’ genere musicale ad essersi affermato negli ultimi 10 anni. Ovviamente, più che di un genere, si tratta di un mix di suoni etnici, acustici, pop, dance, rilassanti…

E se la serie Buddha Bar ha venduto diversi milioni di copie nel mondo, il chill out è un fenomeno globale, più che di una moda. “Se fosse stato solo un nuovo trend, oggi Aggiungi un appuntamento per oggi non saremmo arrivati a Buddha Bar X”, diceva Ravin qualche tempo. Compilation come Buddha Bar, Hotel Costes, Saint Germain, Cafè del Mar… Raggiungono la testa delle classifiche in tutto il mondo.

Quello che è disponibile nei negozi italiani dalle di fine aprile 2010 è il XII volume della serie Buddha Bar, ma le compilation legate al mito del locale parigino creato da Claude Challe e Raymond Visan conta ben 30 volumi tra cd, dvd, libri più cd. Tutti sono pubblicati da George V Records, una casa discografica che da sempre si dedica alla fashion music. In italia il cd è distribuito dall’indipendente Audioglobe, da sempre sinonimo di qualità musicale, mentre in Francia e in tanti paesi del mondo da Wagram. Citiamo almeno la serie gemella Siddharta, curata ancora da Ravin ma contente un singolo cd, almeno nei volumi più recenti. Il cd più recente è dedicato a Budapest.

PERCHE’ I CD BUDDHA BAR ‘FUNZIONANO’…

Se la crisi discografica attanaglia le grandi major, il successo di Buddha Bar continua perché un cofanetto BB è un regalo piacevole da ricevere. Fa bella mostra di sé in auto o in casa, contiene musica piacevole che mescola ricerca ed intrattenimento. In realtà Buddha Bar non è una vera compilation (ossia un assemblaggio del catalogo di una casa discografica) ma un difficile puzzle musicale di brani di autori e produttori diversi che Ravin seleziona e poi fa licenziare (ossia comprare) alla francese George V Records.