Questo sito contribuisce alla audience di

Settantesimo anniversario della morte di Antonio Gramsci

Nel movimento comunista egli fu l’iniziatore della critica più pregnante dello stalinismo e del marxismo sovietico.

Dal sito della Fondazione Gramsci
 
Antonio Gramsci fu un uomo politico e nella politica è da cercare l’unità della sua opera. Anche negli anni del carcere fascista, che ne logorò irrimediabilmente la fibra e ne spense prematuramente la vita, Gramsci fu «un combattente politico», un grande italiano e un  riformatore europeo.
 
Nel movimento comunista egli fu l’iniziatore della critica più pregnante dello stalinismo e del marxismo sovietico.
 
Ma il suo pensiero trascende l’orizzonte storico-politico del suo tempo e, quanto più passano gli anni e le sue opere si diffondono in contesti culturali lontani da quello in cui furono originariamente concepite, tanto più la sua ricerca si afferma come un «crocevia» delle maggiori «quistioni» del nostro tempo: i dilemmi della modernità, la soggettività dei popoli, le prospettive dell’industrialismo, la crisi dello Stato-nazione, il fondamento morale della politica.
G. V.”
 
Per approfondire l’argomento, basterà cliccare il link successivo. Ciao, Luigi
 

Le categorie della guida