Questo sito contribuisce alla audience di

L'integrazione tra qualità e spesa pubblica

Il nostro Paese potrà sì avvicinarsi agli altri Stati europei in termini di risparmio apparente, rischiando però di perdere quel primato in ambito di integrazione che lo contraddistingue da più di trent'anni

Dal sito Superando.it

“Se nel cercare di risolvere i problemi dell’integrazione scolastica si punterà esclusivamente ad un calcolo economico basato sui tagli di spesa, il nostro Paese potrà sì avvicinarsi agli altri Stati europei in termini di risparmio apparente, rischiando però di perdere quel primato in ambito di integrazione che lo contraddistingue da più di trent’anni.

Bimbo in carrozzina con insegnante a scuola
Com’è ben noto a chi segue i nostri periodici approfondimenti su queste colonne, a seguito dell’articolo 35, comma 7 della Legge Finanziaria 289/02, nel 2006 è stato emanato il Decreto del Presidente del Consiglio (DPCM) 185/06 che nel ribadire i criteri di certificazione di handicap ai fini scolastici, ha trasferito ad una non meglio individuata «commissione collegiale» il medesimo compito di certificazione prima attribuito al singolo specialista nella patologia segnalata.

Ciò ha determinato numerose lamentele, soprattutto perché le nuove commissioni, diverse nelle varie Regioni, hanno ridotto il numero delle certificazioni, specie nei confronti dei cosiddetti “disturbi specifici dell’apprendimento”…

Per continuare la lettura, basterà cliccare il link successivo. Ciao, Luigi

Le categorie della guida