Questo sito contribuisce alla audience di

"Corsi intensivi per i prof del sud...

Abbassano la qualità della scuola"

Dal sito Quotidiano.net

“Il ministro dell’Istruzione ha spiegato che il taglio degli insegnanti si è reso necessario: “In Italia la scuola è uno stipendificio”. E spiega: “Combatteremo il bullismo con il 5 in condotta”

Cortina d’Ampezzo, 23 agosto 2008 - Niente reintroduzione del 7 in condotta, si tratta di una cosa diversa. “Non è un 7 in condotta, è l’introduzione alla valutazione del comportamento. È più un 5 in condotta, perchè con il 7 si viene promossi, mentre questa insufficienza fa media e nei casi più gravi viene lasciato alla discrezionalità del consiglio dei docenti prevedere la bocciatura”. Lo ha detto Mariastella Gelmini, ministro dell’Istruzione, a ‘Cortina InConTra’ nel dibattito “Dietro la lavagna”.

“La scuola non deve essere un’appendice del Welfare, non deve avere una funzione sociale, ma deve svolgere una funzione educativa e formativa - ha continuato il ministro - Abbiamo introdotto l’educazione alla cittadinanza perché i ragazzi siano cittadini consapevoli dei propri diritti ma anche dei propri doveri e allo stesso tempo anche l’educazione ambientale, alla salute, ai corretti stili di vita e l’educazione stradale. Tutti i progetti che vanno a correggere l’attuale progetto di educazione, che non è nè condiviso nè esaustivo”.

Per continuare la lettura, basterà cliccare il link successivo. Ciao, Luigi

Le categorie della guida