Questo sito contribuisce alla audience di

Essere "partigiani" ora più che mai, iscrivendosi all'ANPI

I valori della Resistenza italiana scompariranno con il venir meno della presenza di coloro che alla guerra partigiana hanno partecipato realmente? A vedere i numeri dei soci dell’ANPI[...]

tessera anpi 2010 I valori della Resistenza italiana scompariranno con il venir meno della presenza di coloro che alla guerra partigiana hanno partecipato realmente?

A vedere i numeri dei soci dell’ANPI fortunatamente si direbbe proprio di no visto che gli iscritti all’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia nel 2009 sono aumentati di molto fino ad arrivare a 110.000.

Questo è stato possibile grazie a una modifica dello statuto che permette di diventare soci con diritto di voto a tutti coloro che condividono il patrimonio ideale, i valori e le finalità dell’associazione. Da sempre l’ANPI si batte per tenere alti e far conoscere alle nuove generazioni i valori della Costituzione ottenuta anche grazie alla Resistenza antifascista.

Questo impegno è stato premiato e ora anche giovano che hanno solo sentito parlare della lotta partigiana, ne condividono le motivazioni. Di questo e altro si parla nel sito ANPI.it. Di seguito la parte introduttiva dell’articolo:

“L’associazione Nazionale Partigiani d’Italia (ANPI) è stata costituita a Roma nel 1944, quando ancora il Nord Italia era sotto l’occupazione nazifascista, dai volontari che avevano partecipato alla guerra partigiana nelle regioni del centro.

Dopo la liberazione di tutto il territorio nazionale essa si estese in tutto il Paese: anche al sud, dove gli episodi di resistenza erano stati sporadici, ma dalle cui regioni provenivano molti dei partigiani che avevano fatto parte delle formazioni del centro-nord e all’estero (Jugoslavia, Albania, Grecia, Francia). Intanto, il 5 aprile del 1945, essa era stata eretta in Ente morale. I suoi scopi - codificati dallo Statuto associativo - sono…”

Per continuare la lettura, basterà cliccare il link correlato. Ciao, Luigi

Le categorie della guida