Questo sito contribuisce alla audience di

E l'assessore disse: "Basta disabili a scuola..."

Durante un Consiglio comunale l'assessore all'Istruzione di Chieri (To), ha mostrato la sua vera natura. Il sindaco si è dissociato ma... chi ha scelto l'assessore?

bambini a scuola Probabilmente il signor Giuseppe Pellegrino, assessore all’Istruzione di Chieri, comune in provincia di Torino, deve avere qualche anno di troppo e ricorda il periodo in cui a scuola c’erano ancora le “classi differenziali” fortunatamente poi abolite con un’apposita legge.

Un’epoca che io ricordo perché quando frequentavo la scuola elementare (allora si chiamava così) c’erano classi che raccoglievano alunni “particolari”. In un primo momento noi bambini ritenevamo fortunati chi ne facesse parte perché svolgevano prevalentemente attività per noi divertenti quali per esempio disegno e pittura.

Poi però si veniva a sapere che in quelle classi si finiva in caso di notevole ritardo nell’apprendimento e allora, anche dalla bocca dei piccoli, inconsapevoli del significato offensivo, usciva fuori l’aggettivo “ritardato”… se non peggio.

Ricordo che noi bambini una volta capito che facendone parte si diventava bollati dagli stessi coetanei, guardavamo diversamente e non certo in modo positivo chi inizialmente avevamo invidiato. Spero che l’assessore non voglia creare quel clima diseducativo nelle scuole che è chiamato a curare quale amministratore pubblico.

Di questo e altro si parla nel sito RaiNews24.it. Di seguito la parte introduttiva dell’articolo:

‘”Basta disabili a scuola. Non imparano e disturbano. Meglio per tutti una comunita’, dove mandarli seguiti da personale specializzato”. Queste le parole, riportate dal quotidiano ”La Stampa”, dell’assessore all’Istruzione di Chieri (To), Giuseppe Pellegrino, nel corso di un Consiglio comunale.

Parole che hanno scatenato polemiche e pagine di discussione su Facebook. Il sindaco Francesco Lancione, riporta quotidiano, si e’ dissociato dalle dichiarazioni dell’assessore:…’

Per continuare la lettura, basterà cliccare il link correlato. Ciao, Luigi

Le categorie della guida