Questo sito contribuisce alla audience di

Cronache dallo SMAU 2003

Cosa c'è di nuovo, cosa c'è di vecchio ... chi c'è ancora e ...chi non c'è più!

Cominciamo subito con un’impressione a caldo: il Salone di quest’anno si è aperto all’insegna di un generale understatement.
Insomma … è ormai decisamente chiaro a tutti che i tempi d’oro della Net Economy sono solo un pallido ricordo. Spariti gli yuppies arroganti, quasi estinti i rampanti managers delle dot.com, la maggior parte dei visitatori era costituita da vere e proprie orde di rumorosi ragazzotti alla ricerca dell’ultima Play Station.

Tuttavia, nel marasma più totale, qualche novità ha timidamente fatto capolino. Infatti bisogna anche sottolineare che quei pochi che hanno resitito all’onda d’urto della recessione hanno saputo “fare di necessità virtù” riuscendo, anche in un periodo di forte crisi come quello attuale, ad andare avanti con buone idee e solidi progetti.

Tra questi segnaliamo la Bticino che quest’anno, oltre alla Digital Home ha presentato il Digital Shop. Un negozio completamente computerizzato che abbina al movimento delle merci il tracciamento delle stesse grazie a dei microchip intelligenti che – in parole semplici – sono dei codici a barre molto evoluti. Insomma gli oggetti, in questo modo, possono essere controllati, catalogati, comprati e venduti in maniera quasi totalmente automatizzata, con notevole risparmio di energie e di denaro, senza contare la sicurezza in caso di furto…

Molto vitali anche le piccole iniziative di e-commerce: da queste probabilmente partirà la ripresa prossima ventura.

Altra presenza forte è stata quella del Motore di Ricerca Google, forte dei suo consolidato successo e vicino alla quotazione in borsa. Nello stand di Google si è svolta un’interessante conferenza durante la quale sono stati illustrati i prossimi obbiettivi nel campo dell’advertising a pagamento per le aziende.

Infine c’è da dire che si è mossa – e anche parecchio – la Pubblica Amministrazione sul fronte dell’informatizzazione dei servizi destinati ai cittadini. Il padiglione del Governo Italiano era decisamente ricco di iniziative interessanti e ben attrezzato. Notevole anche la documentazione fornita. Lo stesso si può dire dello stand della Polizia, di quello Carabinieri e di quello dell’Esercito Italiano.
La tendenza consoldidata è di portare il servizio a casa del cittadino – via internet – e non più il cittadino…”allo sbando” per uffici, in interminabili giri che richiamano alla memoria certe peripezie – pervase da un sottile sadismo – di tipo kafkiano.