Questo sito contribuisce alla audience di

Educare alla diversità, convegno a Torino (22 e 23 ottobre 2007)

Esperienze educative sui temi dell'omosessualità, un primo censimento delle iniziative in Italia e alcune testimonianze europee. Un importante appuntamento per educatori e insegnanti, riconosciuto ai fini della formazione e dell’aggiornamento in servizio.

EDUCARE ALLA DIVERSITA’

Esperienze educative sui temi dell’omosessualità

22 e 23 ottobre 2007

Centro Congressi Lingotto, Torino

 

La scuola, agenzia educativa per eccellenza, è il luogo fondamentale di sperimentazione e verifica di ogni progetto di formazione e trasformazione culturale, anche se molti hanno sottolineato in questi anni come essa abbia perso la capacità d’impatto che aveva, a favore di altre forme di comunicazione audiovisive, potenzialmente attraenti ma che trasmettono messaggi non sempre vagliati criticamente.

 

Ciò ci rende consapevoli della necessità di fornire strumenti e stimoli per far si che i giovani sviluppino capacità proprie per leggere la realtà senza la lente degli stereotipi e dei pregiudizi. In questo senso “educare alla diversità” ha un valore strategico, per la grande potenzialità rappresentata dalla consapevolezza che le differenze costituiscono un elemento di valore.

 

Questo è l’approccio che molti educatori hanno proposto in questi anni, e in questo senso sono andate anche alcune esperienze sviluppatesi sui temi dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere, che possono connettersi a percorsi concettuali anche di carattere più generale. Si tratta per lo più d’iniziative intraprese da associazioni Lgbt (lesbiche, gay, bisessuali e transgender) ma anche da altre realtà che hanno ritenuto necessario inserire questi temi in percorsi didattici più complessivi, senza però negarne il carattere specifico. Tra queste a Torino il Servizio Lgbt del Comune, che in collaborazione con il Gruppo di Formazione del Coordinamento Torino Pride ha sviluppato proposte di attività che hanno incontrato un forte ascolto nel mondo della scuola, con la partecipazione di molti insegnanti. L’esperienza del nostro territorio, dove abbiamo cercato faticosamente di costruire percorsi di comunicazione e diffusione, ha contribuito a far emergere la necessità di un confronto più ampio tra quelle maturate in altre parti d’Italia, spesso valide ma poco conosciute. Da qui, il desiderio di dare forma ad un convegno in cui si potessero incontrare le esperienze fatte nel nostro paese, avviando una sorta di “censimento”, che raccolga e metta in rete il lavoro svolto finora, evidenziandone la ricchezza ma anche i punti critici, elementi necessari per ottenere la necessaria efficacia.

 

Infine per offrire, su questi temi come su altri relativi alle pari opportunità, una contestualizzazione più ampia, abbiamo pensato di rappresentare all’interno del convegno anche alcune tra le più significative esperienze europee. Convinti/e che a questo primo importante momento ne debbano seguire altri per dare continuità alla progettualità educativa su questo terreno.

 

PROGRAMMA:

 

LUNEDI’ 22 OTTOBRE

ore 14,00 - iscrizione partecipanti

ore 14,30 - saluti

Barbara Pollastrini , Ministra per i Diritti e le Pari Opportunità

Un rappresentante dell’ Ufficio Scolastico per il Piemonte

Giuliana Manica, Assessore alle Pari Opportunità di Regione Piemonte

Aurora Tesio, Assessore alle Pari Opportunità della Provincia di Torino

Marta Levi, Assessore alle Pari Opportunità della Città di Torino

Aurelio Mancuso, presidente Arcigay

 

introduzione di Roberta Padovano Coordinamento TorinoPride

 

ore 15,00 – 1° sessione – coordina Gigi Malaroda

Giuseppe Burgio, Rete di educatori Aletheia, Palermo

Ginevra Tomei, “Un mondo arcobaleno” proposta educativa di Amnesty International edito da EGA

Eleonora Dall’Ovo, Seminari su stereotipi e omofobie nei libri di testo scolastici, Prato

Graziella Bertozzo, Progetto Daphne “Chi sono quel ragazzo, quella ragazza”, Firenze

Matteo Martelli, Gruppi scuola Cassero e Arcigay Progetto Schoolmates, Bologna

Alessandro Galvani, Progetto “Nessuno uguale a me” (prevenzione del bullismo) dell’ Agedo di Milano

Maria Teresa Giolito, ginecologa, responsabile Coordinamento regionale piemontese dei consultori familiari

Alberta Basaglia, Osservatorio Lgbt e Politiche Giovanili del Comune di Venezia

Roberto Emprin, Settore Pari Opportunità e Politiche di genere, Servizio Lgbt del Comune di Torino

 

 ore 18,00 chiusura dei lavori

 

MARTEDI’ 23 OTTOBRE

 

Ore 9,00 – 2° sessione, coordina Vanni Piccolo, ex-preside

Tobia Zevi, Forum Nazionale Giovani

Mila Banchi, AGEDO (Associazione di genitori, parenti di omosessuali)

Giuliana Beppato, Associazione Famiglie Arcobaleno

Marco Chiauzza, FNISM , Federazione Nazionale Insegnanti

 

ore 10,30 - 3°sessione, coordina Sergio Lo Giudice, referente del

 progetto Comenius “Towards an inclusive school”, Liceo Copernico, Bologna

 

Tim Bedford, GLEE, GLBT Educational Equity, Oulu, Finlandia

Tino Brugos, Gruppo XEGA, Qijon, Spagna

Belen Molinuevo, COGAM, Madrid, Spagna

Nigel Tart, progetto Schools Out, Londra, UK

Amanda Stephens, YouthNet NI, shOut Project, Belfast, Northern Ireland

 

ore 13 pausa

 

ore 14,30 – 4° sessione - coordina Carla Bonino, dirigente del Settore Integrazione Educativa della Città di Torino

Luca Pietrantoni, Università di Bologna, Margherita Graglia psicologa e psicoterapeuta, Stefania Zaccherini Marangoni, formatrice Oppi, un docente dell’ Università degli Studi di Torino

 

ore 16,30 – 5° sessione - coordina Maria Teresa Martinengo, giornalista

Un rappresentante del Ministro della Pubblica Istruzione

Membri della Commissione Istruzione Camera dei Deputati

Giovanna Pentenero, Assessore alla Istruzione della Regione Piemonte

Umberto D’Ottavio, Assessore all’Istruzione della Provincia diTorino

Luigi Saragnese, Assessore alle Risorse Educative della Città di Torino

 

Intervento di chiusura di Gigi Malaroda per il Coordinamento TorinoPride

 

La segreteria organizzativa è in attesa di alcune conferme (individuate nel programma con l’asterisco *). Il programma aggiornato sarà disponibile sul sito www.meltingbox.it non appena possibile e distribuito ai partecipanti.

 

Il Convegno ha ottenuto il patrocinio di Regione Piemonte e della Città di Torino, ed è in attesa del patrocinio della Provincia di Torino. Il convegno è riconosciuto ai fini della formazione e dell’aggiornamento in servizio. L’iniziativa è organizzata e attestata da ente accreditato alla formazione in base al DM 270/2001. Secondo le norme contenute nel vigente CCNL è consentita la partecipazione degli insegnanti in orario di servizio.

 Per motivi organizzativi è necessario segnalare la propria presenza in anticipo, attraverso l’invio di una mail o di un fax ai recapiti che seguono:

 

 Segreteria organizzativa:

 Regione Piemonte, Assessorato alle Pari Opportunità

 Via Avogadro 30, 10121 Torino

 Tel: 011.8126730 - Fax. 011.8178123

 iscrizioni@meltingbox.it

 

In occasione del Convegno, sarà in distribuzione una bibliografia curata dal Settore Pari Opportunità e Politiche di Genere della Città di Torino e dalle Biblioteche civiche torinesi. La bibliografia comprende sia opere di narrativa a tematica omosessuale rivolte all’infanzia e all’adolescenza sia pubblicazioni e video a carattere educativo-didattico per gli insegnanti. I testi segnalati saranno esposti presso lo stand della Città di Torino, mentre i video saranno visionabili nelle apposite aree.

 

 Nello spazio espositivo di Melting box saranno presentate le Campagne di sensibilizzazione promosse dai Comuni di Torino, Roma e Venezia, dall’Agedo di Bologna e la mostra curata dall’Istituto Statale G. Bodoni di Torino nell’ambito del Progetto Comenius.