Questo sito contribuisce alla audience di

Chung Eun-Mo

Napoli - dal 17 ottobre 2010 al 14 ottobre 2011

L’incontro di Chung Eun-Mo con la Fabbrica delle Arti è un incontro importante. Le geometrie e profondità di Eun-Mo si accompagnano a una morbidezza nella scelta di forme e cromatismi inconsueti che, partendo dai colori primari, mutuano verso colori naturali. I suoi lavori a olio lasciano trasparire una conoscenza dell’architettura Coreana e Italiana che talvolta si esprime, come dagli inizi degli anni ’80, in una ricerca della tridimensionalità attraverso sagome assai interessanti. Il suo straordinario rigore rinnova l’astrattismo geometrico evocando spazi reali e immaginari attraverso stratificazioni di colori, forme e sfumature di luce.
Da subito, un incontro importante del suo lavoro è stato quello con la manifattura del Cotto Rufoli di Ogliara. I colori scuri delle sue pitture trovano una corrispondenza quasi naturale nella materia e nelle sperimentazioni con pigmenti colorati del cotto fatto a mano. Come avviene alla Fabbrica delle Arti, i progetti si sono concretizzati attraverso il dialogo e la conoscenza delle potenzialità dei materiali.
Opere a pavimento e tavoli: alcuni riproducono i lavori di Chung Eun-Mo nei colori del cotto; in altri casi, vi è la necessità del dipinto smaltato per riprodurre progetti sviluppati in acquerello dall’artista. Infine, si presenta una nuova sperimentazione per un tavolo, di più grande dimensione, in cotto lavorato a mano: qui un intarsio della stessa materia, in cromatismo diverso, riproduce il disegno dell’artista. Per la realizzazione dei tavoli, è stata importante la collaborazione dei designer Salvatore Cozzolino e Bruno Cimmino che, sin dall’inizio, hanno seguito il progetto, disegnando supporti ai piani che completassero in maniera armonica l’idea dell’opera. Per far questo, sono state coinvolte la GMA per le produzioni in alluminio e officinemanganiello per il ferro. La manifattura Santella Graniglie inizia, invece, la sua collaborazione con l’artista realizzando un’opera a pavimento con l’inserimento di un mosaico eseguito da Federica Castro.
Gli spazi della Fabbrica delle Arti sono diventati, nell’ultimo mese, un felice cantiere dove Eun-Mo, insieme a collaboratori volontari, ha dato vita a pitture murali che reinterpretano alcuni interni delle sale espositive con la voglia di rileggere, nel linguaggio dell’arte, forme e materie preesistenti.
In mostra saranno presenti le prime tirature realizzate da Chung Eun-Mo con marchio Fabbrica delle Arti e una sintesi dei progetti in fase di studio: le pitture murali in cotto smaltato e dipinto per un forte segnale estetico in ambiente urbano o le vetrate nei colori e forme dell’artista che possono farci rivivere le antiche suggestioni del Gotico.
Chung Eun-Mo è nata a Seoul e ha conseguito nel 1980 il titolo del Master in Fine Arts presso il Pratt Institute di New York. Vive in Italia dal 1987 e ha organizzato una serie di mostre tra Italia, Europa, Stati Uniti d’America, Giappone e Corea.

Fabbrica delle Arti
Piazzetta San Carlo all’Arena
Via Annibale De Gasperis, 24
80137 Napoli
www.fabbricadellearti.com
info@fabbricadellearti.com