Questo sito contribuisce alla audience di

Bioetica al femminile

Una rivista di Bioetica accetta contributi (in inglese) su studi di donne con disabilità

Ancora un’opportunità di inviare contributi a riviste specializzate. Questa volta l’invito arriva dall’ International Journal of Feminist, che si occupa di Bioetica e invita gli autori/autrici a inviare contributi per il prossimo volume che sarà pubblicato nel 2010. Il filo conduttore di questo interessante numero si svolgerà attorno agli studi sulla disabilità femminile e su argomenti che riguardano la bioetica sempre declinata su questo tema.

I cambiamenti degli ultimi anni hanno attirato l’attenzione di moltissimi studiosi, in particolare gli avvenimenti relativi alla disabilità femminile. Un nuovo punto di vista, o meglio particolarissimo punto di vista, che coinvolge la ricerca scientifica e l’impegno delle istituzioni su un tema che va al di là della atavica discriminazione tra sessi.

I contributi possono partire da alcuni spunti come per esempio la critica alla moderna bioetica e alle sue ricerche; si possono anche considerare gli studi femminili che su questa tematica si fanno nei diversi paesi più industrializzati o sviluppati; si possono anche considerare gli aspetti che ancora non sono stati messi in evidenza, e considerato che l’interesse su questi argomenti è ancora all’inizio, saranno moltissimi; l’analisi delle prospettive all’interno della società da parte delle donne con problemi di disabilità, o ancora è possibile domandarsi a che punto è l’integrazione nella vita politica di queste donne.

I contributi che devono arrivare in redazione entro il 30 aprile, la loro lunghezza deve essere compresa tra le 3000 e le 8000 parole, con un abstract di 150 parole al massimo. Per qualsiasi informazione è possibile contattare l’editor Shelley Tremain s.tremain@yahoo. ca