Questo sito contribuisce alla audience di

Intervista esclusiva a Rosaria Renna

" ... A Roma ho frequentato due corsi che mi hanno avvicinata al doppiaggio, uno dei quali con Teo Bellia, che è un mio caro amico. Continuo a seguirlo quando dirige per cercare di rubare i segreti del mestiere ... Intervisto spesso dei doppiatori per la mia rubrica su RDS dedicata al cinema ed è sempre utile ascoltare quello che hanno da dire. E' stato così che ho conosciuto Francesco Pannofino ... Il fatto che sulla rete le cose siano diverse mi riconcilia con l'umanità. E' bello scoprire tutto l'interesse per il mondo del doppiaggio, ad esempio, perchè lì c'è gente vera, che ha sudato sul serio per darci delle vere emozioni ... Il Telegatto ... ogni tanto me lo vado a guardare e penso con grande gioia che me lo sono proprio meritato e che qualunque cosa accada nessuno me lo potrà togliere mai! ... "

DANIELA: Rosaria, leggendo la tua scheda sul sito ufficiale di RDS , che consigliamo a tutti di visitare , leggiamo un pensiero di Nietzsche da te ricordato “Occorre avere un po’ di caos in se’ per partorire una stella danzante” . Come mai la scelta di questa frase e cosa vorresti aggiungere a tal proposito?

ROSARIA: Sono una lettrice accanita da quando avevo 5 anni ( la mia elevata miopia è la conferma…), ma poche cose mi hanno colpita come quella frase. La trovo meravigliosa e vera: del resto la vita degli artisti, da Picasso a Caravaggio, da Mozart a Oscar Wilde ci confermano che per regalare capolavori all’umanità è necessario vivere fino in fondo, non certo seguire la mentalità borghese. Con questo non vorrei autorizzare nessuno ad infrangere la legge! Non è di quello che parlo.

DANIELA: Crediamo di non offendere nessuna ribadendo il fatto che sei sicuramente tra le voci femminili più amate. Ci racconti qualcosa dei tuoi esordi ? Cosa sognavi e soprattutto desideravi fare la speaker alla radio ?

ROSARIA: Ho cominciato a frequentare il mondo delle radio libere da adolescente nella mia Monopoli, in Puglia. Ma anche se mi divertivo e lo trovavo un ambiente confortevole per me, a quei tempi adoravo la Jo di Piccole donne e andavo pazza per Jane Austen. Quindi sognavo di fare la scrittrice o in alternativa l’attrice. E così ho cominciato a studiare dizione e recitazione, mentre continuavo a fare la radio … ed eccomi qua!

DANIELA: Ti sei mai cimentata come doppiatrice in una sala di doppiaggio ? Cosa ne pensi del doppiaggio italiano ?

ROSARIA: A Roma ho frequentato due corsi che mi hanno avvicinata al doppiaggio, uno dei quali con Teo Bellia, che è un mio caro amico.Continuo a seguirlo quando dirige per cercare di rubare i segreti del mestiere: penso di provare a fare il salto prima o poi, ma solo quando mi sentirò pronta. Perchè i doppiatori italiani sono fantastici, bravissimi in modo incredibile ed è difficile sentirsi alla loro altezza! E soprattutto perchè contrariamente a quello che si potrebbe pensare non basta avere una bella voce…

DANIELA: Come è risaputo il doppiatore è principalmente un attore specializzato al doppiaggio. Talvolta però si preferisce impiegare al doppiaggio personaggi molto popolari provenienti dal mondo dello spettacolo o addirittura “pescati dallo sport”. Queste persone , spesso e volentieri , non hanno alle spalle studi di recitazione e di tecnica del doppiaggio e quindi ci verrebbe da chiederti ma il doppiaggio è un’arte che si può improvvisare ?

ROSARIA: Il doppiaggio non si improvvisa. I doppiatori ci regalano emozioni, e queste nascono da anni e anni di dura gavetta. Capisco la logica commerciale che fa scegliere a volte persone celebri, ma non sempre queste scelte si rivelano felici in sala. A parte alcune eccezioni, come Fiorello o Paola Cortellesi, ma anche qui siamo in presenza di professionisti seri con anni di preparazione alle spalle.

DANIELA: Ancora giovanissima ma annoveri tantissime esperienze non solo radiofoniche ma anche televisive , in discoteche … quali esperienze pensi ti abbiano arricchita maggiormente ?

ROSARIA: In assoluto le esperienze che ti fanno crescere di più sono quelle meno “protette”, che ti mettono senza filtro a contatto con la gente. Per esempio lo scorso Capodanno ero in piazza a Palermo a presentare e animare di fronte a 50.000 persone: ecco, vi assicuro che in occasioni del genere o ci sai fare o la folla ti sbrana come una belva del Colosseo! Per non parlare dell’adrenalina e dell’eccitazione nel sentire la responsabilità di far divertire tutta quella gente! Meglio, molto meglio delle ospitate tv che si fanno solo perchè sembra che se non ti fai vedere non esisti professionalmente. E’ triste, ma è la realtà.

DANIELA: Nel 1997 hai ottenuto il telegatto come voce più sexy della radio… che emozione è stata?

ROSARIA: Quando ho vinto il Telegatto ero molto giovane e ingenua, credevo che tutto mi fosse dovuto perchè ero brava e avevo talento. Credevo che il mondo fosse lì a mia disposizione e che sarebbe bastato allungare la mano per coglierlo come una mela succosa…In pratica non me la sono goduta come farei oggi che so quanto sia difficile farsi largo nel mondo dello spettacolo ( e non solo) senza essere fidanzata con un calciatore e senza avere padrini politici che ti spingono. Se ripenso a quei momenti mi sembra incredibile che da sola sia riuscita a battere la concorrenza agguerita di fior di conduttrici come Paoletta, Anna Pettinelli o Manuela Doriani, tutte bravissime nel loro genere. Adesso però ogni tanto me lo vado a guardare e penso con grande gioia che me lo sono proprio meritato e che qualunque cosa accada nessuno me lo potrà togliere mai!

DANIELA: A tuo avviso per quale motivo , eccetto ” Voci nell’ombra ” di Finale Ligure dove ogni anno viene assegnato l’”Anello d’oro” ai migliori attori doppiatori … non è prevista una categoria riservata al miglior doppiaggio televisivo , ad esempio tra i Telegatti , o a Venezia per quanto riguarda il cinema. Come mai questa sorta di “omertà” sul doppiaggio , eppure qui sulla rete la cosa è ben diversa : i doppiatori sono molto amati , nascono ogni giorno siti a loro dedicati , forum , newsgroup … basterebbe dare solo un’occhiata ai links che abbiamo raccolto al momento e che figurano nella nostra homepage ?

ROSARIA: In realtà mi sembra che oggi l’omertà da parte degli organi di informazione sia in generale nei confronti di quelli bravi che sanno fare il loro lavoro a vantaggio di nullità che diventano celebrità fasulle grazie ad una abbondante ed immeritata esposizione televisiva. Insomma, ci sarà un motivo per cui Costantino è piu’famoso di Toni Servillo che considero il più grande attore italiano! Le persone sembrano più interessate al labbro della Lecciso o a quante volte allatta la moglie di Totti che non al riconoscimento dei meriti reali di chi fa un mestiere legato alla tv, al cinema, alla musica. Il fatto che sulla rete invece le cose siano diverse mi riconcilia con l’umanità. E’ bello scoprire tutto l’interesse per il mondo del doppiaggio, ad esempio, perchè lì c’è gente vera, che ha sudato sul serio per darci delle vere emozioni. Ma una giustizia, in fondo, c’è: le Lecciso passano, le cose belle fatte con amore (come può essere il doppiaggio di un film) restano. Anche nel nostro cuore.

DANIELA: Siamo perfettamente concordi con te! Ti è mai capitato di intervistare alla radio qualche doppiatore?

ROSARIA: Intervisto spesso dei doppiatori per la mia rubrica su RDS dedicata al cinema ed è sempre utile ascoltare quello che hanno da dire. E’ stato così che ho conosciuto Francesco Pannofino con cui ho intrecciato una bella amicizia: adesso ogni volta che lo riconosco in qualche film ( e lui ne doppia tanti, bravo com’è!) sono felice come una bambina a cui hanno regalato dei dolci e mi vanto con tutti di conoscerlo. Di quest’ultima cosa non vado fiera, ma che ci volete fare: nessuno è perfetto!

DANIELA: Ti ringraziamo infinitamente per la tua disponibilità e simpatia infine ti chiediamo di anticiparci , qualora lo vorrai , qualche tuo imminente progetto artistico e di lasciare un simpatico messaggio a tutti i tuoi ammiratori sparsi per la rete .

ROSARIA: Nel mio immediato futuro c’è la nascita del sito personale. E’ in allestimento e quando sarà pronto, spero nel giro di poche settimane, mi farà piacere se vi farete un giro! L’indirizzo è “www.rosariarenna.it”
Un bacio a tutti voi, Rosaria

( Nella foto in alto Rosaria - cliccare per ingrandire l’immagine - la brava e bella Rosaria ci ha inviato questa foto che la ritrae durante il Capodanno 2006 in Piazza Politeama a Palermo )