Questo sito contribuisce alla audience di

Intervista esclusiva a Fabio Bonini

" ... Ogni spettacolo è come rinascere, una nuova vita nei panni di un nuovo personaggio a volte , anzi spesso , così diverso da come sei tu, ogni spettacolo, ogni interpretazione è un montare di sensazioni, emozioni, paure, felicità, incertezze che prendono forma già dalle prove a tavolino sino ad esplodere durante la rappresentazione ... L'Italia è uno dei pochi paesi al mondo dove si doppia e devo dire che il grande cinema doppiato dai nostri attori è davvero straordinario anche se personalmente sono per la presa diretta e la lingua originale magari sottotitolata ... esperienze straordinarie come straordinario è il nostro mestiere ... prestare la tua voce ad una importante campagna pubblicitaria è una grande responsabilità basti pensare che in pubblicità conta più la voce che la musica o il film stesso! ... "

DANIELA: Attore teatrale e
televisivo, presentatore , speaker , voce fuori campo di vari commercials
… Fabio , ci racconta qualcosa dei suoi esordi ? Citando il suo sito
ufficiale riguardo a lei si dice : ” … nel 1984 fu chiamato a Radio Rai da
Arnaldo Bagnasco, all’epoca responsabile dei programmi della sede di Genova,
e capisce che quello dello spettacolo sarà il suo mondo … “

FABIO: Intanto
diamoci del tu considerando che sono anche giornalista e tra colleghi ci si
dà del tu sempre che non ti dispiaccia. Gli esordi in realtà risalgono
ancora prima della chiamata di Bagnasco. Siamo nel 1976 e con un amico , Luca
De Gennaro, DJ , musicista e oggi anche uno dei boss di MTV, decidiamo di
presentarci ad una delle primissime radio “libere” della Liguria e così che
inizia l’avventura del Sig. Bonaventura !!!

DANIELA: Ti dò del tu molto volentieri ma ci terrei anche a sottolineare che non sono una giornalista professionista ma una semplice Webmistress/Filmaker appassionata di cinema , teatro, doppiaggio , arte … e proprio il teatro , come
accade per molti tuoi colleghi da noi intervistati , rimane una costante
nella carriera di un attore . Ricordiamo che hai recitato in “Coppia
Aperta” di Dario Fo con Franca Rame, “Gigì” con Grazia Migneco, “Camille
Claudel” al fianco di Elisabetta Ratti, “Tre Uomini e una culla” con Corrado
Tedeschi, “La Vita è mia” di Brian Clark, “La ballata per la festa dei
bambini morti di mafia” di Luciano Violante per la regia di Ginella
Bertacchi …
cosa ci puoi raccontare di queste esperienze teatrali?

FABIO:
Ogni spettacolo è come rinascere, una nuova vita nei panni di un nuovo
personaggio a volte , anzi spesso , così diverso da come sei tu, ogni
spettacolo, ogni interpretazione è un montare di
sensazioni, emozioni, paure, felicità, incertezze che prendono forma già dalle
prove a tavolino sino ad esplodere durante la rappresentazione.

DANIELA:
Quali esperienze ti hanno arricchito maggiormente come artista e perchè?

FABIO:
Senza
ombra di dubbio “Camille Claudel” dove interpretavo il suo maestro e amante
August Rodin così diverso da me anche fisicamente, credo sia stata la mia
più impegnativa prova di attore. Da un punto di vista umano e di feeling con
la compagnia, “Tre Uomini e una Culla” con Corrado Tedeschi ha superato
tutti … ci siamo davvero divertiti ed ogni sera era uno spettacolo diverso e
anche il pubblico si è davvero divertito tanto.

DANIELA: Ti sei mai
cimentato in una sala di doppiaggio come attore ?

FABIO:
Ho provato all’inizio
con i cartoni animati giapponesi che sono stati un pò la specialità dei
doppiatori milanesi ma mi sentivo molto “impiegato” e poco artista.

DANIELA:Cosa
pensi del doppiaggio italiano ?

FABIO: L’Italia è uno dei pochi paesi al
mondo dove si doppia e devo dire che il grande cinema doppiato dai nostri
attori è davvero straordinario anche se personalmente sono per la presa
diretta e la lingua originale magari sottotitolata.

DANIELA: Tra passato e
presente, quali attori doppiatori ti emozionano maggiormente quando ti
rechi al cinema o guardi un film alla tv ?

FABIO: Per non fare torto a
nessuno, visto che i romani sono tutti bravi, ne scelgo uno che non c’è più:
Pino Locchi.

DANIELA: Sei anche conduttore tv, ricordiamo la trasmissione
settimanale “Programma Italia News”, prima esperienza di successo di TV
aziendale italiana, oggi “Mediolanum Business News” di Banca Mediolanum,
trasmessa via satellite ad oltre 3.000 consulenti finanziari in tutta
Italia. Hai collaborato con Patrizia Rossetti nella conduzione della
rubrica “Casa per Casa” , con Paolo Limiti nella trasmissione “Ci vediamo
in tv” in onda su Rai2. Tue conduzioni anche per Mbn su Mediolanum Channel.
Per la tv , come attore , nel cast “Don Luca” la fortunata Sit Com di cui è
protagonista Luca Laurenti e nel ruolo del perfido Carlo Mantegna della soap
“Vivere”.
Che tipo di esperienze sono state queste?

FABIO: Sono state tutte
esperienze straordinarie come straordinario è il nostro mestiere. Un
mestiere che ci permette di essere sempre in fermento quasi mai monotoni,
noiosi o annoiati, non dimenticarti che nel mio quotidiano sono anche una
voce della pubblicità e anche questo è un aspetto assai particolare della
vita professionale di un attore; prestare la tua voce ad una importante
campagna pubblicitaria è una grande responsabilità basti pensare che in
pubblicità conta più la voce che la musica o il film stesso!

DANIELA: Quali
doti , a tuo avviso , dovrebbe avere un bravo presentatore televisivo ?

FABIO: La spontaneità, essere se stesso; Edith Piaf ha detto ” Usa la tua
forza, i tuoi difetti e allora diventerai una stella ”

DANIELA: Nel 2004 , autore e conduttore della trasmissione televisiva “Gente di Mare” in onda
su Mediolanum Channel (Sky canale 803).
Come autore che esperienza è stata?

FABIO: Ho avuto la fortuna di essere stato scelto come conduttore e autore
di un programma che mi fa sentire a “casa”. Io adoro il mare, vado per mare
navigando e anche sott’acqua e avendo anche un pò di dimestichezza con la
scrittura non è stato difficile anzi …

DANIELA: Ti ringraziamo per la tua
cortesia e infine ti chiediamo di anticiparci , se vorrai , qualche altro
tuo futuro progetto in campo artistico.

FABIO: Tanta carne al fuoco come
sempre per fortuna, uno spettacolo in teatro e anche qualcosa in ambito
fiction e se sono rose ….. comunque sul mio sito “www.fabiobonini.it” ( link attivo tra i correlati a questa intervista ) sono
costantemente pubblicate le novità. Grazie a te e a superEva.