Questo sito contribuisce alla audience di

Intervista a Germano Di Mattia

" ... Ricordo tutti i lavori fatti con enorme nostalgia , sono sempre dei periodi di vita condivisi anche con altri colleghi , in particolare forse ricordo la lavorazione del film in Grecia di Captain Corelli's Mandolin , tre mesi nell'isola di cefalonia con Nicholas Cage e P. cruz, I.Papas , J.Hurt e tanti amici attori italiani, non sono mesi che si dimenticano facilmente ... Sono entrato in sala doppiaggio. Mi sono doppiato. E' molto utile. Credo che i doppiatori italiani siano i migliori al mondo. Anche perche' questo è uno dei pochi paesi al mondo dove i films vengono doppiati e non seguiti in lingua originale. Ci sono aspetti positivi e negativi in questo. Dipende dal punto di vista soggettivo. Io penso che a volte molti attori italiani e stranieri guadagnino col doppiaggio. Oltre al cinema italiano mi piace il cinema europeo , sudamericano e un certo genere indipendente americano ... Girero' come regista "La rosa blu" prodotto dalla Cinesalento e Luigi Campanile. Locations in Puglia e prima internazionale il prossimo anno a Los Angeles. Il film fa parte di un progetto di rilancio del salento , una terra bellissima ... "

DANIELA: Germano , dando uno sguardo al suo lungo curriculum presente sul sito “database.it” leggiamo di alcune sue esperienze come attore , sia teatrali sia cinematografiche sia in fiction citiamo “Distretto di Polizia” nel ruolo di Angelo (2003), “Orgoglio” Titanus prod. nel ruolo di un Sergente di Libia, Regia De Sisti-G.Serafini (2003), 100 episodi come cooprotagonista della serie tv “Love me Licia”, nel ruolo di Jim Dei Bee Hive ( lei è stato doppiato da Luigi Rosa ) Regia F.Vicario prod. Merak film 1987-88 … Cosa ci può raccontare di queste esperienze ? Tra gli altri suoi lavori , quale ama ricordare particolarmente e per quale motivo?

GERMANO: Ricordo tutti i lavori fatti con enorme nostalgia , sono sempre dei periodi di vita condivisi anche con altri colleghi , in particolare forse ricordo la lavorazione del film in Grecia di Captain Corelli’s Mandolin , tre mesi nell’isola di cefalonia con Nicholas Cage e P. cruz, I.Papas , J.Hurt e tanti amici attori italiani, non sono mesi che si dimenticano facilmente. Per l’esperienza lavorativa fatta con J. Madden il regista , la produzione e l’aspetto umano di trovarsi su un’isola per 3 mesi e quindi condividere spazi e vita con persone che conosci appena e che poi lascerai.

DANIELA: Ci racconta qualcosa di lei , dei suoi esordi , delle speranze degli inizi e di quelle del momento?

GERMANO: Gli esordi furono particolarmente felici. Con la fortuna dei debuttanti ebbi subito dei contratti di lavoro con Mediaset e con compagnie private. All’epoca lavoravo anche come modello e cantante.
Oggi sono decisamente piu’ un regista.

DANIELA: Si è mai cimentato in una sala di doppiaggio come attore ? Cosa pensa del doppiaggio in genere ? Tra passato e presente chi la emoziona maggiormente quando si reca al cinema o guarda un film alla tv ?

GERMANO: Sì, sono entrato in sala doppiaggio. Mi sono doppiato. E’ molto utile. Credo che i doppiatori italiani siano i migliori al mondo. Anche perche’ questo è uno dei pochi paesi al mondo dove i films vengono doppiati e non seguiti in lingua originale.
Ci sono aspetti positivi e negativi in questo. Dipende dal punto di vista soggettivo. Io penso che a volte molti attori italiani e stranieri guadagnino col doppiaggio.
Oltre al cinema italiano mi piace il cinema europeo , sudamericano e un certo genere indipendente americano.

DANIELA: Per la pubblicità ricordiamo “J&B”whisky regia S.Leone 1986 e “Bossini” Hong Kong 1991 . Che esperienze sono state?

GERMANO: Quella con sergio leone è una esperienza lontanissima ma forte. Leone era una grande regista ed un perfezionista ci fece girare la scena credo 14 volte , eravamo in Abruzzo in gennaio con molti gradi sotto lo zero, girammo fino alle 4 del mattino.
Della esperienza con Bossini ho bei ricordi. Ai cinesi piaceva il mio sorriso non facevano altro che chiedermi di ridere
girammo a Roma a Caracalla , non ho mai visto quella pubblicita’ anche se so che andò in onda per mesi ad Honk kong!

DANIELA: La ringraziamo per la sua cortesia e infine le chiediamo di anticiparci qualche altro suo futuro progetto in campo artistico.

GERMANO: Il mio film doc “Valigie di cartone the italian dream” è stato pluripremiato nel 2005 , Salento film festival , premio Flaiano e premio emigrazione italiani nel mondo. Nei 3 festival ha vinto come miglior documentario. E’ stata una grande soddisfazione
dopo mesi di duro lavoro.

Girero’ come regista “La rosa blu” prodotto dalla Cinesalento e Luigi Campanile. Locations in Puglia e prima internazionale il prossimo anno a Los Angeles. Il film fa parte di un progetto di rilancio del salento , una terra bellissima.

Sto lavorando su delle sceneggiature di films e documentari. Mantengo però il segreto su questi nuovi progetti. Ringrazio voi davvero.