Questo sito contribuisce alla audience di

Intervista esclusiva a Francesca Guadagno

" ... I ricordi di quando ero piccola sono allegri e spensierati, ho iniziato a lavorare a quattro anni con un film come attrice per la regia di Vittorio De Sica accanto a Mariangela Melato e Nino Manfredi, certo forse la mia infanzia è stata diversa, ma ho sempre mantenuto i piedi per terra e sono cresciuta sana ... almeno credo ... Sicuramente da bambina recitare è stato un bel gioco ... che continua anche da adulta! Per recitare bisogna usare la fantasia ... è reinventarsi in ogni ruolo che ci viene proposto. E' divertente interpretare una regina , o credersi di essere Cameron Diaz, o Marisa Tomei per qualche ora e poi tornare alla propria vita di tutti i giorni ... Domenico Modugno ... è stato per me come un secondo papà, ho un ricordo molto bello di quel periodo. "Tutti pazzi per Mary" è un film geniale e le risate quando lo doppiammo non finivano mai ... In campo artistico sogno tanto. Recitare, recitare e recitare, affrontare sfide nuove, nuovi personaggi, è questo il bello del nostro lavoro. Come donna mi piacerebbe avere un grande amore, quello con la A maiuscola, ma lo sognano in tante e quindi bisogna rispettare la fila! ... "

DANIELA: Francesca, lei è una stimata attrice doppiatrice, reinteprete di
tantissimi lavori al doppiaggio ma non dimentichiamoci che è stata anche
una bambina prodigio…

FRANCESCA: I ricordi di quando ero piccola sono allegri e spensierati, ho iniziato a lavorare a quattro anni con un film come attrice per la regia di Vittorio De Sica accanto a Mariangela Melato e Nino Manfredi, certo forse la mia infanzia è stata diversa, ma ho sempre mantenuto i piedi per terra e sono cresciuta sana … almeno credo!

DANIELA: Che ricordi ha di quel periodo? Cosa ha voluto dire
per una bambina poter recitare ,era solo un gioco oppure c’era già una
sorta di fascino verso questo difficile mestiere e cosa vuol dire da
adulti poter recitare?

FRANCESCA: Sicuramente da bambina recitare è stato un bel gioco … che continua anche da adulta! Per recitare bisogna usare la fantasia … è reinventarsi in ogni ruolo che ci viene proposto. E’ divertente interpretare una regina , o credersi di essere Cameron Diaz, o Marisa Tomei per qualche ora e poi tornare alla propria vita di tutti i giorni.

DANIELA: Che ricordi ha del grande Domenico Modugno,
ricordiamo che cantò insieme a lui “Piange il telefono” … può raccontarci, può
descriverci qualche emozione, qualche aneddoto legato a questa importante
esperienza?

FRANCESCA: Mimmo è stato per me come un secondo papà, ho un ricordo molto bello di quel periodo. Volle a tutti i costi insegnarmi le sue canzoni che non conoscevo, e ricordo che quando cantavamo in diretta era terrorizzato che io sbagliassi.

DANIELA: Leggendo un’intervista di Alessandro Germani, in riferimento al suo doppiaggio in “Tutti pazzi per
Mary”, doppiava Cameron Diaz, lei racconta: “Tante le risate che ci siamo
fatti durante il doppiaggio, ci fecero fermare fino a quando non ci passò
questa ventata di allegria.” Ci può raccontare qualche scena
particolarmente esilarante legata a questo lavoro, qualche aneddoto … ?

FRANCESCA: “Tutti pazzi per Mary” è un film geniale e le risate quando lo doppiammo non finivano mai. Sicuramente la scena del “Gel” sui capelli … fu la più divertente anche perchè non la vedemmo e la incidemmo direttamente, la sorpresa fu tanta che dovemmo interrompere l’incisione e aspettare alcuni minuti che ci passò la ridarella.

DANIELA: Quali attrici straniere sente più vicine al suo modo di recitare e per
quale motivo?

FRANCESCA: Dalle brave attrici si può solo imparare, cerco di prendere e conservare da ognuna di loro qualcosa e di farlo mio. Poi gioco … davanti allo specchio … agli amici propongo le imitazioni …

DANIELA: Se la sentirebbe, se le venisse proposto, di reinterpretare in video un ruolo da lei doppiato tratto da qualche film americano o
straniero, nel caso di risposta affermativa quale ruolo sceglierebbe?

FRANCESCA: “Le nozze di Muriel” ma anche “Truman Show”.

DANIELA: “The House of Chicken” (2001), lei nel ruolo della moglie dell’ispettore.
Qualche mese fa abbiamo avuto l’onore di intervistare Ilaria Stagni,
Roberto Pedicini, Christian Iansante … tutti questi attori , e molti
altri, hanno partecipato a questo film che uscirà a Gennaio in Dvd. Cosa
ci può raccontare a tal proposito?

FRANCESCA: Una produzione rischiosa, voluta fortemente dalla produttrice del film: Ilaria Stagni. Visto che tra i doppiatori ci sono attori bravissimi ci ha riuniti in questo progetto e … i risultati si vedono. Abbiamo lavorato tutti con grande slancio per questa piccola produzione indipendente.

DANIELA: Possiamo chiederle di spendere qualche parola per il grande Cesare
Barbetti recentemente scomparso?

FRANCESCA: Cesare è stato un grande, mi ha insegnato a muovere i primi passi nel doppiaggio e da bambina … ero segretamente innamorata di quell’uomo pieno di fascino.

DANIELA: Un curriculum artistico molto lungo, una esperienza nata sin dalla sua
tenera età seppur ancora molto giovane. Cosa si aspetta ancora da se
stessa, cosa sogna ancora Francesca in campo artistico e come donna?

FRANCESCA: In campo artistico sogno tanto. Recitare, recitare e recitare, affrontare sfide nuove, nuovi personaggi, è questo il bello del nostro lavoro. Come donna mi piacerebbe avere un grande amore, quello con la A maiuscola, ma lo sognano in tante e quindi bisogna rispettare la fila!

VALENTINA: Ultimamente l’abbiamo vista nel ruolo della cuoca nello sceneggiato Mediaset ‘La freccia nera’ in cui tra l’altro ha recitato a fianco di Martina Stella e Riccardo Scamarcio. Che cosa ci può dire di questa esperienza?

FRANCESCA: Girare ‘La freccia nera’ è stato il sogno che diventa realtà. Ringrazio Fabrizio Costa, il regista che riuscivo a capire con uno sguardo, e la persona di Andrea Rizzoli che è stato sempre disponibile con gli attori. La fatica è stata tanta e il freddo si è fatto sentire in mezzo ai boschi ma la sera, quando tornavo in albergo, ero contenta come una Pasqua. Sono stata ospite di puntata di “Nati ieri”, una serie che uscirà prossimamente e per il momento sto vagliando alcune proposte.

VALENTINA: Ultimamente la stampa e la tv si sono interessati a Lei anche come attrice, dalle pagine di giornale al simpatico servizio su Sipario apparso proprio pochi giorni fa su rete 4. Cosa ne pensa?

FRANCESCA: E’ curioso sapere che c’è qualcuno interessato a te e quando esce un articolo sono sempre contenta e poi c’è la vecchietta che abita sopra me che mi chiede sempre : ” Ma è proprio lei quella in televisione? “.

DANIELA: Ci scrivono molti aspiranti attori o attrici desiderosi di specializzarsi
nel doppiaggio, magari anche con anni di teatro alle spalle. Quali
consigli vorrebbe donare a questi ragazzi? In qualche caso, tra questi,
non desistono neppure persone ancora giovani ma non più diciottenni , anche di
cinquant’anni magari con una voce estremamente giovane, in questo caso cosa
si sentirebbe di consigliare, di desistere, di rinunciare comunque ad una
passione, ad un sogno?

FRANCESCA: Se è una passione, un sogno bisogna continuare a rincorrerlo fino a cento anni. Non esistono limiti di età ma soltanto di testa. Purtroppo molte persone si avvicinano a questo mondo pensando solo ad essere riconosciuti per strada o pensando ai soldi. Beh sappiate che per uno conosciuto ce ne sono mille che fanno la fame e sappiate anche che questo è un mestiere, che va fatta la gavetta, che bisogna essere umili e se c’è talento alla lunga verrà fuori.

DANIELA: Siamo giunti a Lei attraverso il suo sito ufficiale “francescaguadagno.it” ( link attivo tra i correlati a questa intervista ). Può dirci cosa si aspetta da questo
nuovo progetto?

FRANCESCA: Di rispondere a tutti coloro che vorranno contattarmi ( e lo farò personalmente ). Di sentire critiche ed elogi che potranno solo migliorarmi, e di soddisfare le persone che mi cercano in internet … ma non mi hanno trovata racchiusa in un solo click!

DANIELA: La ringraziamo infinitamente per la sua disponibilità e concludendo le
chiediamo , se vorrà, di anticiparci qualche suo imminente futuro progetto
artistico e di lasciare un messaggio per tutti gli ammiratori che la
seguono con affetto.

FRANCESCA: Il futuro e i progetti sono legati, ancora una volta, al “Telefono”! Se squillerà vorrà dire che ci sarà interesse per la mia persona, e che potrei ritrovarmi su un set tra due giorni. Me lo auguro, perchè mi manca tanto !!! Nel frattempo venite a salutarmi su “francescaguadagno.it”. Baci a tutti!!!

Le domande sono state realizzate da Daniela Sgambelluri e da Valentina Miccichè (Ad Hoc Solution s.r.l. Comunicazione, eventi, web design). Si ringrazia Francesca Guadagno per la sua grande disponibilità e Valentina Miccichè il cui contributo è stato fondamentale per la realizzazione di questa intervista.