Questo sito contribuisce alla audience di

Intervista a Francesco Serra

" ... La mia passione per il doppiaggio è nata da qualche anno ed è legata a una riscoperta dei cartoni animati della mia infanzia. Ho rivalutato il grande lavoro che vi è dietro alla realizzazione di un anime e mi ha fortemente affascinato il doppiaggio. Troppo spesso i doppiatori rimangono nell'ombra e ancor di più pochi sanno quanto lavoro vi è alle loro spalle, un lavoro fatto di umiltà, passione e grande professionalità. Dietro al lavoro del doppiatore vi è spesso una lunga gavetta, con alla base il teatro. Perché in effetti il lavoro di doppiatore è una specializzazione di quello dell'attore. E Emanuela Pacotto, che io chiamo Manu, esemplifica senz'altro tutto ciò che ho detto. Ho avuto la fortuna e l'onore di conoscere Manu e di diventare suo amico circa 9 mesi fa ... Ero inizialmente affascinato da quella voce che aveva dato vita a tanti personaggi dei cartoni della mia infanzia e così ho scoperto il suo sito internet. E col sito ho scoperto tanti lati della sua carriera, una carriera a 360°, fatta di teatro, cinema, giornalismo, pubblicità, conduzione televisiva, canto e tanto altro ... amo la poesia ... scrissi una poesia in rima appositamente per Emanuela, dedicata alla sua bravura ... mi decisi a fare il grande passo ... scrissi il libro "Frammenti di vita" ... Erika curò le illustrazioni, disegnò tutte le immagini e la copertina, un lavoro enorme. Inoltre la stessa Erika scrisse l'introduzione ... Emanuela accettò di scrivere la prefazione! Una prefazione struggente, molto intensa, che ha svelato un altro lato artistico di Manu, quello letterario ... "

DANIELA: Francesco, ci parli un po` di te e della tua passione per il doppiaggio in particolare per Emanuela Pacotto?

 

 

FRANCESCO: Volentieri! Io ho 26 anni, vivo in Sardegna e sono laureato in scienze politiche, attualmente specializzando nel medesimo ramo. Nonostante la mia formazione storico-politologica, ho una grande passione per l’arte: da fruitore, amo la musica, la pittura, la scultura e ovviamente il doppiaggio. Inoltre scrivo anche poesie, ma di questo parleremo più in là!  La mia passione per il doppiaggio è nata da qualche anno ed è legata a una riscoperta dei cartoni animati della mia infanzia. Ho rivalutato il grande lavoro che vi è dietro alla realizzazione di un anime e mi ha fortemente affascinato il doppiaggio. Troppo spesso i doppiatori rimangono nell’ombra e ancor di più pochi sanno quanto lavoro vi è alle loro spalle, un lavoro fatto di umiltà, passione e grande professionalità. Dietro al lavoro del doppiatore vi è spesso una lunga gavetta, con alla base il teatro. Perché in effetti il lavoro di doppiatore è una specializzazione di quello dell’attore. E Emanuela Pacotto, che io chiamo Manu, esemplifica senz’altro tutto ciò che ho detto. Ho avuto la fortuna e l’onore di conoscere Manu e di diventare suo amico circa 9 mesi fa. Ero inizialmente affascinato da quella voce che aveva dato vita a tanti personaggi dei cartoni della mia infanzia e così ho scoperto il suo sito internet. E col sito ho scoperto tanti lati della sua carriera, una carriera a 360°, fatta di teatro, cinema, giornalismo, pubblicità, conduzione televisiva, canto e tanto altro. Complice un’email che le inviai, inziammo a scriverci e così diventammo amici. Devo dire che inzialmente non mi aspettavo mi rispondesse, ma mi sono ricreduto quando ho trovato il suo messaggio nella mia casella email! Ma soprattutto ho trovato una grande amica e una persona fantastica dal lato umano. Poi ho conosciuto un’altra amica straordinaria che è Erika Antoniazzi. Infatti era sua la gestione del vecchio sito del fan club di Manu e mi ha concesso di attuare un restyling che ha portato all’attuale veste grafica. Sono infatti appassionato d’informatica e ho realizzato diversi siti web, pur non essendo ovviamente un professionista! Erika è un’aspirante doppiatrice e ha alle spalle diversi anni di scuola di teatro, è stata allieva della bravissima Federica Valenti, a Torino.

 

 

DANIELA: Come e ` nata l`idea del fan club dedicato ad Emanuela e cosa puoi raccontarci circa questa stimata attrice doppiatrice, quali aneddoti, nel rispetto della privacy ovviamente?

 

 

FRANCESCO:  L’idea del fan club è nata tanti anni fa, esattamente nel 1998, da una fan sfegatata di Manu, Alessandra Pentrella che ora risiede in Giappone per motivi di studio. Tuttavia si trattava di una fanzine, il sito venne dopo grazie a Erika, che lo inaugurò nel 2004. In effetti la nascita del fan club, nel lontano 1998, stupì più di tutti Manu, che rimase a bocca aperta quando ricevette la tessera n. 00! Direi che siamo stati dei pioneri riguardo questa attività: sia noi per quanto riguarda il fan club (non sono molti i doppiatori ad averne uno), sia Manu per quanto riguarda il suo sito, aperto già dal 2001, a testimonianza di quanto lei tenga ai suoi fans. Ci sarebbero tanti aneddoti da raccontare su Manu. Mi preme però evidenziare la sua grande vitalità ed energia. E’ una persona che ti trasmette gioia e coraggio solo con lo sguardo. Ha un grande cuore e tiene moltissimo agli amici. Inoltre ha una dedizione al lavoro ammirevole. Mi piace anche ricordare l’incontro organizzato a Milano con me e Erika, una grande emozione, durante il quale abbiamo inaugurato il nuovo sito del fan club e passato assieme una stupenda giornata! Per me è stata una grande sorpresa sapere che conosceva benissimo la mia Sardegna e che l’aveva visitata da cima a fondo! Il mondo è davvero piccolo! Poi lei è una grande viaggiatrice e ti assicuro che è un pozzo di saggezza sulle varie località che ha visitato! Ti posso anche raccontare che sentirla parlare dal vivo, cioè senza che reciti, è molto diverso da come la senti in tv. Io all’inizio pensavo che sarebbe stato come avere davanti tutti i personaggi che ha doppiato, un po’ come parlare coi cartoni animati, mentre invece è assolutamente diversa, naturale, tutto ciò mi ha fatto subito sentire a mio agio e ha mi ha dato conferma che è davvero una grande artista, perché i veri artisti sanno quando è il momento di recitare e quando è il momento di essere sé stessi. Mi fermo qui, nel rispetto della sua privacy!

 

DANIELA:  Ci hai accennato ad un tuo libro di poesie , con una prefazione della stessa Emanuela … cosa puoi raccontarci? Inoltre sappiamo che il sito ufficiale di Emanuela Pacotto presentera` diverse novita` prossimamente, cosa puoi anticiparci?

 

 

FRANCESCO: Come già accennato, amo la poesia e da qualche anno ne ho scritto diverse. Tuttavia fino a un mese fa, le mie poesie giacevano nell’hard disk del mio computer. Venne un giorno in cui mi sentii ispirato e scrissi una poesia in rima appositamente per Manu, dedicata alla sua bravura. Lei si commosse addirittura e mi ringraziò. Poi le feci leggere le altre e mi disse: “Ma scusa, perché non le pubblichi?” E allora mi decisi a fare il  grande passo! Erika curò le illustrazioni, disegnò tutte le immagini e la copertina, un lavoro enorme. Inoltre la stessa Erika scrisse l’introduzione. E, ciliegina sulla torta, Manu accettò di scrivere la prefazione! Una prefazione struggente, molto intensa, che ha svelato un altro lato artistico di Manu, quello letterario. Da quella prefazione si capisce tutta la sensibilità d’animo che c’è in lei e per me è stato un grande regalo. Erika e Manu hanno creduto in me e ne è venuto fuori un libro, che finora ha incontrato il parere positivo non solo dei miei amici, ma anche degli
“addetti ai lavori”. Il libro si chiama “Frammenti di vita” (Cispiri edizioni) e può essere acquistato on-line all’indirizzo:

http://www.stampalibri.it/ecommerce/index.html?target=dept_19.html&lang=it

ma forse.. non posso fare pubblicità!!!  Le mie poesie sono fortemente legate alle emozioni e ai sentimenti della vita quotidiana, con parallelismi col mondo della natura. Prediligo versi brevi, aggettivi e sostantivi ricercati che evidenzino e condensino il mio messaggio e utilizzo spesso figure retoriche come l’allitterazione. Un’esperta del settore le ha classificate nell’alveo del romanticismo decadente e di ciò ne sono lusigato. Ora sono più ispirato che mai e ho in cantiere un altro libro di poesie, col quale spero di migliorarmi ulteriormente. Ma altre cose bollono in pentola e spero di aver il tempo per realizzarle tutte! Veniamo al sito ufficiale di Manu. Come dicevo poc’anzi, è online dal 2001 e bisogna ammettere che è molto ben fatto, sia dal punto di vista grafico, che da quello dei contenuti. E’ davvero la sua finestra sul mondo. Tuttavia la stessa Manu mi ha anticipato che l’intero sito è in fase di completo rinnovamento e sono sicuro che permetterà di far conoscere ancora meglio la sua attività, con contenuti multimediali e notizie più dettagliate. In effetti questo 2007 sta portando molte novità su questo fronte, dopo il rinnovamento del sito del fan club, ora arriverà anche quello del suo sito ufficiale. In effetti è una specie di lavoro di squadra, ci sosteniamo a vicenda e ci scambiamo consigli e opinioni.

 

.

DANIELA: Puoi descriverci le emozioni che ti trasmette Emanuela Pacotto come attrice doppiatrice? Quali suoi lavori ami particolarmente?

 

 

FRANCESCO: Questa è una bella domanda! Manu mi trasmette le emozioni che si vivono nella vita reale, o meglio, dando un carattere ai suoi personaggi li fa sembrare tali e quali quelli che si incontrerebbero nella vita di tutti i giorni. Ha davvero innumerevoli caratterizzazioni, d’altronde lei nasce artisticamente come attrice, a 19 anni infatti coseguì il diploma all’Accademia dei Filodrammatici di Milano. Il fatto di saper sapientemente “animare” i personaggi che interpreta è un grande dono. Ma ricordate che non c’è solo il doppiaggio, dovreste davvero sentirla cantare o presentare! Lei considera il canto come un completamento della sua formazione artistica, anche perché gli è utile per migliorare la sua voce. Tra i suoi lavori amo molto un personaggio che è entrato nel cuore di milioni di persone, cioè Bulma di Dragon ball! Ma mi è piaciuta tantissimo anche Anna in Shaman King, Nami in One piece e Sakura in Naruto. Questi sono i suoi principali personaggi doppiati negli ultimi anni, ma non dimenticate che Manu cominciò a doppiare già a metà degli anni ‘80! E che dire della sua interpretazione, nel ruolo di Marika, nelle 4 serie di “Licia”, telefilm che fece un enorme successo? A quei tempi io ero solo un bambino di 5/6 anni, ma pensa, già la vedevo sugli schermi! Inoltre lei doppia tantissime pubblicità sia in radio che in tv.

 

DANIELA: Ti ringraziamo per la tua gentilezza e infine ti chiediamo di rivelarci qualche eventuale anticipazione in merito al fan club e di  lasciare un messaggio per tutti i vostri utenti e per tutti gli
appassionati di doppiaggio ed estimatori di Emanuela Pacotto.

 

 

FRANCESCO: Vorrei fermarmi per un importante appello, ti ringrazio per darmi questa opportunità. Come potete vedere, nell’homepage del fan club è presente una petizione per Mediaset. Con questa petizione, chiediamo ai dirigenti dell’emittente televisiva di far cantare a Manu e le altre doppiatrici le canzoni dell’ultimissimo cartone in fase di doppiaggio , Mermaid melody. Infatti pare che Mediaset voglia “reclutare” altre cantanti, ma sarebbe più giusto far cantare le canzoni alle stesse doppiatrici, dal momento che sanno cantare bene. Nella petizione troverete il link per effettuare la vostra richiesta.  Noi come fan club non potevamo tirarci indietro e in un momento come questo è nostro dovere starle vicini. Più appelli arriveranno, più sarà probabile che Mediaset cambi idea. L’intervista giunge al termine, mi sono un po’ dilungato e certamente non mancherebbero altre cose da dire. Vorrei concludere ringraziando tutti i fans di Manu, Erika e la stessa Manu. Ai fans e agli estimatori di questa grande doppiatrice vorrei dire che siete importantissimi per lei, non immaginate quanto ci tenga a voi! Ricordate che dietro questa grande professionista c’è una persona buona e sensibile come poche. Ringrazio Daniela e lo staff di superEva Dada.net per questa bella intervista e invito tutti all’Emanuela Pacotto Fan club!!! Ciao!!

 

 

Nella foto in alto una sorridente Emanuela Pacotto, immagine inviataci dallo stesso Francesco che ringraziamo nuovamente per la sua simpatia e gentilezza