Questo sito contribuisce alla audience di

Intervista esclusiva a Loris Loddi

" ... Vinsi il provino e pare che piacqui a Liz Taylor … ricordo che lei, come tutte le donne amanti dei bambini, mi voleva sempre baciare ... Ho iniziato a doppiare nel 1965 con “ L'isola del tesoro” diretto da Giulio Panicali , venni scelto per doppiare Mowgli ne “ Il libro della giungla” , già facevo i protagonisti ... un giorno , mentre stavo doppiando Mowgli mi accorgo che accanto a me c’era Walt Disney ... L'APPUNTAMENTO COME ATTORE E' SULLA SESTA PUNTATA DELLA NUOVA SERIE per RAI UNO "UNA MADRE DETECTIVE" regia CINZIA TH TORRINI ... Riguardo al doppiaggio ... “Prison break” dove doppio l'attore piu' straordinario che abbia mai doppiato, ovvero ROBERT KNEPPER T BAG Bagwell ... Da ottobre su Sky parte la nuova serie DEXTER dove doppio lui: Dexter Morgan , Michael C. Hall ... "

Il nostro inviato per superEva Dada.net , Marco Bonardelli, ha incontrato a Sanremo l’attore Loris Loddi . Come avevamo preannunciato in un articolo, un video diviso in due parti è presente su YouTube ai link:

www.youtube.com/watch?v=rM8ihSbelpo

www.youtube.com/watch?v=L0GMHoSdMeQ

Successivamente la sottoscritta ha avuto il piacere e l’onore di reintervistare questo grande e poliedrico artista al ritorno dal prestigioso Teatro Ariston di Sanremo dove è stato premiato con l’ Anello d’oro in occasione del Festival nazionale del doppiaggio “Voci a Sanremo” ( meglio conosciuto come “Voci nell’ombra” ). Ecco un piccolo frammento audio della straordinaria interpretazione di Loris in questo film. Ringraziamo lo stesso Loris per averci fornito questo mp3:

www.vocinaction.com/loris.mp3

Tuttavia Loris non ci appare molto entusiasta per l’esperienza sanremese e alla nostra domanda riguardo all’ Anello d’oro di Voci a Sanremo , Loris Loddi miglior caratterista per il suo lavoro su Ben Foster in “Alpha Dog” , facendogli i complimenti e chiedendogli di regalarci qualche emozione della serata … con schiettezza ed educazione risponde: “ Ti assicuro che mi sono svegliato di ottimo umore ma la rabbia di questa allucinante trasferta a Sanremo voglio dimenticarla. Pertanto del premio non ho assolutamente niente da dire in quanto l’ho trovato un Festival molto disorganizzato”.

Lasciando Sanremo e i suoi Festival , comunichiamo ai nostri utenti che sono presenti sulla rete i bellissimi siti ufficiali di Loris che consigliamo di visitare :

www.lorisloddi.it

www.lorisloddi.com

e a tal proposito gli chiediamo come nasce l’idea del sito : L’idea del sito è unicamente perchè ERO stufo di passare .. AH !IL DOPPIATORE LORIS LODDI.. Solo perchè il buon Antonio Genna con il suo sito parla di doppiaggio.. io DEVO ESSERE CLASSIFICATO “IL DOPPIATORE?” NO PLEASE! FACCIO E SONO UN ATTORE CHE FA ANCHE IL DOPPIAGGIO, E’ UN PO’ DIVERSO NO? Il sito nasce per far capire la differenza di chi chiede al sito di Genna qualcosa … e gliene arriva un’altra.. mi spiego: è mai possibile che presto la voce da due anni a Robert knepper in Prison break T BAG e google evidenzia solo le pagine di altri miei colleghi e Loris Loddi ? MA DICO TI PARE GIUSTO? Sono due anni che lo doppio … I miei siti servono anche per far capire alle/ai casting che non sono solo un doppiatore o un semplice attore di “belle speranze” .

Loris è così: apparentemente molto crudo o troppo schietto ma in realtà una persona molto vera che non ha paura di dire ciò che pensa e che non ama il buonismo, dobbiamo dire che forse è la prima volta che ci troviamo ad intervistare una persona così aperta al dialogo, così desiderosa di raccontarsi e “senza peli sulla lingua” ma non crediamo per stupire o per polemizzare ma per raccontare semplicemente la propria verità ed esperienza : “ In inghilterra direbbero FUCK OFF ma certo noi in Italia tanto buonisti, sempre pronti a perdonare, a riabilitare, a guardare “avanti” … tanto sono sempre io quello che passa per pazzo .. è un pazzo, ti diranno solo questo su di me ..bravissimo, ma è un pazzo! Francamente sono stufo di farmi giudicare da gente del mio ambiente che dovrebbe badare ai propri affari ”.

Loris è un artista che ha trovato la propria strada ed intende perseguirla senza paura di nulla e di nessuno. Loris ha una carriera lunghissima alle spalle e proiettata anche verso il futuro , tenteremo di ripercorrere non seguendo la cronologia degli eventi , una carriera nata sin da bambino. Ricordando però anche i lavori più recenti televisivamente parlando , ad esempio Loris è la voce degli spot dell’ l’8‰ alla Chiesa Cattolica , voce confermata sin dal 2000 dalla CEI , Conferenza Episcopale Italiana, e non appena tocchiamo l’argomento Loris aggiunge :TI ASSICURO CHE NON HO CONOSCENZE IN VATICANO.. SONO BEN 16 SACERDOTI ! TEOLOGI (gente con dei crani… parlano ognuno almeno 5 lingue, una volta li ho conosciuti , volevano incontrarmi) menti che studiano il significato dell’animo … e si riservano ogni anno di sostituirmi … se ero così pazzo, secondo te, cos’è che li porta a confermarmi da 7 anni? La mia vocazione? O quello che loro sentono uscire dalla mia voce? Dalla mia sconfinata esperienza d’attore, no, invece è stata LA MIA SERIETA’ , IL MIO MODO DI METTERE E METTERMI IN DISCUSSIONE CONTINUAMENTE … BEH, QUELLO SI … TUTTI FANNO IL DOPPIAGGIO … TUTTI HANNO UNA BELLA VOCE… MA SONO VOCI CHE POI.. DIMENTICHI.. PERCHE MOLTE NON HANNO UN’ ANIMA.. DI ME NON SI PUO’ CERTO DIRE QUESTO.. E TUTTE LE STRONZATE… ALLE MIE SPALLE…NON LE SENTO PIU’. Nel 2000 il regista che gira gli spot per la Chiesa Cattolica mi contatta e mi dice che era rimasto colpito dal modo con cui recitavo i salmi della Bibbia quando doppiavo James Caviezel ne “La sottile linea rossa” e così venni scelto … “.

Viene spontaneo chiedere a Loris cosa realmente non vada nell’ambiente del doppiaggio e lui ci risponde: ” Cara Daniela , troppo lunga sarebbe la lista da fare … riguardo alle cose che non vanno … purtroppo esiste anche il sentimento dell’invidia , è capitato che ti sostituissero per stupide gelosie … PERO’ MI SEMBRA CHE IO VADA AVANTI LO STESSO, EH? O SBAGLIO? Io voglio vivere tranquillo, il più possibile, altri invece pare che amino complicarsi la vita. Il doppiaggio italiano non viaggia piu’ così alto , i direttori italiani sono solo poveri servi dei supervisori americani O PEGGIO, DEI SOTTOPOSTI/STE DI CHI E’ A CAPO DELLE DISTRIBUZIONI IN ITALIA. LE SOCIETA’ DI DOPPIAGGIO , INVECE, SONO SOLO RELEGATE A CONTENERE I COSTI PENSANDO UNICAMENTE A NON COMPROMETTERE I RAPPORTI CON LE DISTRIBUZIONI CHE FANNO IL BELLO E IL CATTIVO TEMPO. LA REGOLA CHE IMPERA ORMAI E’ CHE COSTI POCO….POI.. CHI LO DOPPIA LO DOPPIA. I DIRETTORI DI DOPPIAGGIO AVALLANO DECISIONI IMBARAZZANTI PRESE DALLA DISTRIBUZIONE, O SE SI TRATTA DI TELEVISIVO DA FUNZIONARI DI RETE. BASTA SENTIRE QUELLO CHE E’ SUCCESSO IN FILM COME “300″ della Warner, si è scatenata l’ Italia sul web… i talent poi ah ah ah guarda cosa è successo su Eragon della Fox dove io doppiavo Robert Carlyle e il drago veniva doppiato da una presentatrice sportiva .. uno scandalo!! Sotto gli occhi di tutti poi si leggono i malumori del pubblico e questi sono i risultati quando non mi fanno fare, per citarne uno, Cillian Murphy … basta leggere le critiche ad esempio su questo blog ”:

http://percorsidiversi.blogspot.com/2007/05/la-colazione-di-candide.html

Spesso e volentieri succede che doppiate per anni un attore straniero e poi di colpo si decida di cambiare voce italiana …

A me ad esempio non hanno fatto doppiare Val Kilmer in “Alexander” , la motivazione è stata quella che Kilmer doveva invecchiare la voce … e allora io non potevo appesantire la voce ? Kilmer lo può fare ed io no?

Quali sono i direttori di doppiaggio che stimi maggiormente?

“ Il Meraviglioso Mario Maldesi, Filippo Ottoni, Marco Mete, Teo Bellia, Flavio De Flavis, Lesli James La Penna, Rodolfo Bianchi, Maura Vespini … un direttore secondo me dovrebbe essere anche attore, solo un attore conosce il mestiere al leggio e può suggerire e dirigere meglio gli attori quando si trova a dirigere”.

Quali altri aneddoti puoi raccontarci ?

Ricordo con piacere quando conobbi James Caviezel , che doppiai ne “La sottile linea rossa” , a Roma , per la prima, fu molto carino con me. Ricordo con piacere anche Mickey Rourke , abbiamo lavorato in “Francesco” di Liliana Cavani … ma la scena con lui è stata inspiegabilmente tagliata nonostante avessi un ruolo chiave nella dinamica degli eventi … Rourke è simpatico ed è anche lui un professionista, conservo un buon ricordo … e poi vorrei menzionare anche Kubrick , in “Full metal Jacket” doppiai Vincent D’Onofrio , kubrick amava seguire anche la fase di doppiaggio dei suoi film … inizialmente Kubrick scelse me per doppiare il protagonista Matthew Modine ( il soldato Jocker) ma alla conclusione del mio lavoro al leggio un giorno arriva una telefonata di Kubrick in persona , Mario Maldesi curava la direzione e mi passò al telefono il regista in quanto egli voleva parlarmi. Con molto garbo mi chiese se potevo invece doppiare “Palla di lardo” … a malincuore io gli risposi “No problem” cos’altro puoi dire a Kubrick? Probabilmente, dal momento che Mario ogni sera gli mandava a Londra i nastri con gli anelli doppiati in italiano … aveva cambiato idea su chi farmi doppiare … lui avrebbe anche potuto scegliere di non chiamarmi , di non dirmi nulla e di decidere, il film era il suo invece … mi telefonò … una grande sensibilità e un grande professionista … “

Lasciando il mondo del doppiaggio e parlando di teatro Loris ha lavorato con grandi registi come Visconti, Albertazzi … teatro, cinema, fiction, doppiaggio ma gli chiediamo quando si sente totalmente libero di esprimere se stesso: in tutte queste specializzazione dell’attore o in particolare in una di queste: “ Ogni settore mi gratifica perché mi fa esprimere come attore … Non faccio teatro da molto tempo perchè lì purtroppo c’è una corporazione di pseudo registi o di un’ intelighenzia troppo settaria e io non essendo mai stato a “corte” dei grandi registi o di quelli .. che fanno andare avanti solo i loro improbabili “talenti” TUTTO QUESTO PERCHE’ MI SONO RIFIUTATO IN PASSATO DI PARTECIPARE AI LORO SEMINARI O LABORATORI CHE DIR SI VOGLIA… ERO GIA’ UN ATTORE! PERCHE’ AVREI DOVUTO RICOMINCIARE CON GENTE CHE AVEVA SOLO LA VOCAZIONE? Ma questo loro non l’hanno mai capito e mi hanno fatto fuori, pazienza sono andato avanti lo stesso.. Io ho imparato con Visconti , uomo molto rigoroso, cosa volesse dire fare l’attore “.

Loris, come sei approdato al doppiaggio e quale attore straniero doppiato pensi si avvicini maggiormente al tuo modo di recitare ? Ho iniziato a doppiare nel 1965 con “ L’isola del tesoro” diretto da Giulio Panicali , venni scelto per doppiare Mowgli ne “ Il libro della giungla” , già facevo i protagonisti, altri , oggi affermati, a malapena qualche brusio… pensa che un giorno , mentre stavo doppiando Mowgli mi accorgo che accanto a me c’era Walt Disney in persona , un tipo molto simpatico che amava fare schizzi , mi regalò anche un topolino disegnato sul retro del copione. L ‘attore che credo si avvicini più a me penso sia Timothy Hutton che doppiai nel 1980 in “ Gente comune “ regia di Robert Redford - Oscar miglior interpretazione maschile, ero io la voce e l’interpretazione italiana” .

Tra le varie interpretazioni hai prestato la voce a Val Kilmer in “The Doors” (Jim Morrison). Degli appassionati ci hanno scritto alcune email proprio su questo tuo doppiaggio, definendolo appropriato e apprezzando la tua voce ed interpretazione vocale che si incolla bene al volto di Kilmer … cosa ricordi di questo lavoro, il direttore del doppiaggio era Francesco Vairano …

“ Non è stata una ardua interpretazione , utili sono state alcune esperienze personali ma indirette di persone trasgressive e carismatiche come Morrison con le quali sono entrato in contatto “.


Teo Bellia e Loris Loddi alla VideoSound


Spesso la tv propone attori o pseudo tali solo perché popolari ma senza nessuna passione per questa arte e i risultati sono sotto gli occhi di tutti: “CERTO E’ PIU’ IMPORTANTE FINIRE SU UN’ISOLA O IN QUALCHE REALITY CHE AVERE IL MIO PASSATO ALLE SPALLE O IL MIO PRESENTE DI TUTTO RISPETTO…ORMAI SI CERCA SOLO IL MASCELLONE DI TURNO O IL PUPETTO DA SVEZZARE.. CHE FA TANTO TENERO… LORIS LODDI? SII BRAVO MA INQUIETANTE TI SENTI RISPONDERE.. NON SO’ CHE ALTRO DIRE… ORMAI SAPER FARE L’ATTORE E’ SOLO D’INTRALCIO ALLA BASSISSIMA MEDIA DI PSEUDO ATTORI/TRICI CHE POPOLANO LE NOSTRE FICTION PERCHE’ ALLA FINE SONO SEMPRE GLI/LE STESSI/E , CANI. DIRETTI DA REGISTI DI PARTITO O DA GIOVANI AQUISITI O COME DICO IO DA ABUSIVI A CUI VIENE IMPOSTO DALLA RETE IL TORSO O LA POLLA DI TURNO.”

Sul tuo sito sono presenti diversi filmati di tuoi lavori sia televisivi , in fiction , sia cinematografici. Molto emozionante un documentario per Rai3, dove ti si vede in una intervista di qualche anno fa, quando eri bambino e parlavi del film “Cleopatra” (1963), con Elizabeth Taylor filmati inframmezzati a una intervista con te più maturo, ripercorrevi la tua vita sia professionale sia come uomo. Ti piacerebbe ritornare a quando eri bambino e recitavi con la Taylor , hai nostalgia di qualche cosa di quel periodo? Come vive un bambino così piccolo il palcoscenico e il set cinematografico e come vive il set un attore adulto?: “ Mah , sai, il vivere da bambino il set era solo un grande gioco, lo dico chiaramente anche sul sito, da grandi tutto cambia IN UN ITALIA CHE E’ CAMBIATA. I SET ADESSO SONO ALTRA COSA.., NONOSTANTE LA GENTE COMUNE LI VIVA DA FUORI, esiste una grande differenza poi se parliamo di set di fiction o di cinema il palcoscenico poi.. io sono ben 7 anni che non faccio teatro … RIMPIANGO TROPPE COSE DEL MIO PASSATO.. ORMAI QUANDO ARRIVI SU UN SET DEVI SOLO CONFRONTARTI CON DELLE REALTA’ ALLUCINANTI: DALLA RACCOMANDATA DI TURNO CHE SI PREOCCUPA SOLO DI STARE DUE ORE AL TRUCCO CON L’AVALLO DELLA PRODUZIONE O DEL “REGISTA” INVECE CHE PROVARE SERIAMENTE UNA SCENA PER LA RECITAZIONE , AL PERFETTO IDIOTA DI TURNO CHE NON VUOLE NEANCHE PROVARE PERCHE’ TANTO LUI E’ IL FISSO DELLA SERIE E NON GLIENE FREGA NIENTE FACCIO UN ‘ ECCEZIONE PER RAOUL BOVA CHE AVENDOLO AVUTO COME COMPAGNO DI LAVORO IN PRODUZIONI DIVERSE E DISTANTI NEL TEMPO HO VISTO CON QUANTA SERIETA’ E RISPETTO PER TUTTI SA’ AFFRONTARE E CONFRONTARSI LE DIFFICOLTA’ GIORNALIERE DI QUANDO SI GIRA MA SOLO LUI DI ALTRI NON POSSO DIRE ALTRETTANTO” .

Cosa ti rende veramente felice e cosa ti dà veramente fastidio come uomo, nella vita di tutti i giorni?

“ NELLA VITA DI TUTTI I GIORNI C’E’ POCO DA ESSERE FELICI.. A MENO CHE SI VIVA DISTANTI DALLA REALTA’ FACENDO USO DI DROGHE O DI PSICOFARMACI…o schiavi di qualche relazione “sentimentale” . OGNI MATTINA C’E’ SEMPRE UN TORO DA PRENDERE PER LA CODA O UN COBRA (sempre per la coda) . Sono felice quando riesco a stare lontano da una città impossibile come Roma, dal traffico, dall’ inquinamento acustico e non …. per me che quasi sempre amo spostarmi in moto le difficoltà che qualsiasi motociclista deve affrontare quotidianamente neanche una Parigi Dakar può darti…. da una qualsiasi parte di Roma a un’altra…. seppur con una regolare licenza piloti rilasciata dalla federazione…. non sono il motociclista della domenica ma non serve a niente… “.

Sei anche uno sportivo …

“ Si sono molto sportivo MA NIENTE SPORT ESTREMI..MI FANNO SOLO RIDERE QUELLI… PESCO ANCORA IN APNEA A 15 / 20 metri nonostante i miei 50 anni e fumo regolarmente. Non bevo alcolici forse questo mi ha aiutato, bevo solo acqua” .

Ritornando alla tua carriera, Loris , quando hai esordito nel cinema? “ Ho esordito ne “Gli invasori “ , facevo un piccolo vichingo … ebbi la parte perché mio padre, tuffatore professionista, era amico di piattaforma dell’attore americano Jack Palace , l’attore stava girando a Roma “Barabba” con Anthony Quinn . Un giorno ero con mio padre e Palace notò che ero piccolo ma già bravo a nuotare e che ero biondissimo … e così , col consenso dei miei genitori, fui preso per quella parte perché la produzione stava cercando proprio un bambino con le mie caratteristiche … “

Il piccolo Loris con la Taylor in una scena tratta da “Cleopatra”:

Che ricordi hai di “Cleopatra” e di Liz Taylor?

“ Vinsi il provino e pare che piacqui alla Taylor , ho un ricordo vago … ricordo che lei, come tutte le donne amanti dei bambini, mi voleva sempre baciare … frequentavo la figlia Liza, mia coetanea e che amavo corteggiare … “ .

Loris Loddi ne “L’Apocalisse”

Siamo giunti , purtroppo, alla conclusione di questa lunga chiacchierata con Loris, è piacevole parlare con lui, ma prima di congedarlo gli chiediamo di lasciare un messaggio per i tanti appassionati che lo seguono con affetto e di anticiparci qualche suo lavoro imminente …

“ L’APPUNTAMENTO COME ATTORE E’ SULLA SESTA PUNTATA DELLA NUOVA SERIE per RAI UNO “UNA MADRE DETECTIVE” regia CINZIA TH TORRINI . Mi scoprirete come Sergio Cremona, un detenuto con due ergastoli da scontare. Riguardo al doppiaggio potrete seguire il mio lavoro già da questo settembre in “Prison break” dove doppio l’attore piu’ straordinario che abbia mai doppiato, ovvero ROBERT KNEPPER T BAG Bagwell . Io punterei molto su di lui se fossi un produttore, in un’intervista che ha fatto Mediaset su di lui (rifacendo io il suo voice off) dalle sue risposte si capisce chiaramente che ..tra un pò lo vedremo svettare nei grandi film. Da ottobre su Sky parte la nuova serie DEXTER dove doppio lui: Dexter Morgan , Michael C. Hall. Dexter sarà una bella lezione per la Rai o per Mediaset di come si confeziona un prodotto televisivo di altissima qualità, basterà che entriate su Dexter official site per rendervi conto da soli di quanto successo e di quanti premi è degna questa serie:

www.sho.com/site/dexter/home.do

Nel mondo non solo in USA, le nostre serie al massimo si fermano al confine con la Francia o vengono svendute a 1000 us.dollars a puntata a qualche republica dell’ Uzbekistan.

Il saluto e il messaggio per i lettori è:

NON CREDETE MAI ALLE DICHIARAZIONI CHE RILASCIANO RAI O MEDIASET SULLA QUALITA’ O SUL SEGUITO DEI LORO PRODOTTI O LO STATO DI SALUTE DEL CINEMA ITALIANO, SONO MORTI..E NON CI HANNO INVITATO NEANCHE AL FUNERALE. IL MARCHIO ITALIA NEL MONDO SI E’ FERMATO PURTROPPO ALLA MODA (tra un pò daremo una cattedra ad Armani o a Valentino) AGLI SPAGHETTI, ALLA PIZZA, AL MANDOLINO E ALLA MAFIA. CI SIAMO DISTINTI IN MORTI AMMAZZATI, TRUFFE LEGALIZZATE MAI PUNITE, GOVERNI CHE SI SONO SUSSEGUITI NEGLI ANNI MA CHE NEANCHE PIU’ IN SUDAMERICA ESISTONO, DA TUTTI CI SIAMO FATTI SUPERARE. E SIAMO AL GRAN FINALE, CON L’EUROPA , CHE TROVATA, L’ EURO … CHE HA CONDANNATO I POVERI AD ESSERE SEMPRE PIU’ POVERI E I RICCHI SEMPRE PIU’ RICCHI, QUINDI NON MERAVIGLIAMOCI SE DOVRETE VEDERVI LE SOLITE RIFATTE, O PEGGIO , VELINE TUTTE MUTANDE PRONTE A FAR SBAVARE L’IDIOTA DI TURNO, O PER LE SIGNORE , IL GIORNALISTA TANTO RASSICURANTE CON ” lo sguardo perso nel vuoto” PER ARRIVARE A CHI SARA’ IL PROSSIMO DISSOCIATO MENTALE SULL’ISOLA … I NOSTRI PRODOTTI TELEVISIVI SONO LO SPECCHIO DI UNA NAZIONE CORROTTA CIALTRONA REPUBBLICA DELLE BANANE . VI SALUTO LORIS LODDI “

Infine vi proponiamo il video dello spot con Loris Loddi su Fox Crime:

www.vocinaction.com/foxcrime.mov

e l’ultima battuta di Loris , prima del concludersi di questa intervista è stata, in merito a questa pubblicità : ” … e non venirmi a dire pure tu, certo la calza dalla faccia … come te la togli tu , non se la leva nessuno … come dicono sempre i miei amici per prendermi in giro … “.

Ringraziamo di cuore Loris per la sua franchezza e per la sua simpatia e per tutti coloro che volessero scambiare due chiacchiere con lui, ecco l’email, Loris Loddi sarà lieto di rispondervi personalmente: info@lorisloddi.it

Si ringrazia per le immagini e per il materiale multimediale Loris Loddi - Nella Photogallery allegata troverete le immagini ingrandite.