Questo sito contribuisce alla audience di

I sogni della "nostra Meryl Streep" si avverano

Abbiamo incontrato Maria Pia Di Meo, una donna bellissima quanto brava, Francesco Pannofino durante la premiazione del Leggio D'Oro 2007 la definì la "Lady del doppiaggio italiano" ma oltre a Carrara l'abbiamo incontrata un anno prima a Finale Ligure, l'anno scorso, era il 30 Settembre 2006 durante la manifestazione "Voci nell'ombra" ... parte della videointervista è presente in quello che è stato il nostro primo documentario dedicato al mondo del doppiaggio dedicato proprio ai premiati della decima edizione di questa manifestazione ... quanto segue sono le battute inedite di Maria Pia ... non inserite nel Doc

” Io penso che … forse quello che manca nel doppiaggio è proprio la caratterizzazione , cioè la diversità dei personaggi, un tempo c’erano attori come Carletto Romano , come Gazzolo ect che creavano dei personaggi , naturalmente adeguandosi a quello che era già stato fatto però  inventavano allora secondo me il doppiaggio … è anche questo per cui pur seguendo quello che gli attori stranieri  hanno fatto in orginale ha bisogno di un attore che riesca a trasmettere poi al pubblico le stesse sensazioni , la stessa verità, ma in modo personale , da attore , forse a volte aggiungendo qualcosa invece di togliere  …  il doppiaggio è un mestiere molto particolare , dove è necessaria una grossa tecnica però è necessario anche un grande talento , non mi vergogno proprio di dirlo , perchè se no si finisce per fare un doppiaggio doppiaggese , dove c’è un sinc perfetto, dove le voci sono buone, dove tutto funziona ma manca quel quid , quel qualcosa in più quell’emozione, quel qualcosa che arriva al pubblico, e che magari lo commuove, magari lo fa sorridere , ed è molto dipendente dalla qualità dell’attore doppiatore … fino ad alcuni anni fa il doppiaggio era molto svilito , proprio nell’ombra …  ecco torniamo alla nostra manifestazione,  non c’erano mai ad esempio i nomi dei doppiatori nei titoli di coda ( poi Claudio G. Fava , durante la serata di premiazione dirà che è grazie a lui che ad un certo punto sono comparsi i titoli di coda alla fine dei film ) … adesso da un pò di anni a questa parte la situazione è un pò cambiata , si dà un pò più di peso a questo nostro lavoro …. penso che ci sia un buon doppiaggio in Italia e speriamo che migliori sempre più , questo è il mio augurio  ( ci fa un radioso sorriso ).

Volevo dire una ultima cosa … io ho iniziato a recitare a cinque anni , non sapevo leggere, ero figlia d’arte e ho iniziato proprio così da bambina e non mi sono mai fermata , facendo anche teatro, televisione ect , in tutti questi anni, non dico quanti perchè sono veramente un pò troppi , io di premi ne ho ricevuti veramente pochissimi , credo che questo sia il secondo o il terzo  ( si riferiva al 2006 ) … non mi ricordo ed è un premio conclusivo, quindi un premio , importante ma è comunque un premio conclusivo di un arco di vita … non per me perchè io  lavoro e non penso di concludere ancora niente penso di avere ancora molte cose da fare ma mi sarebbe piaciuto ricevere un premio anche per il doppiaggio di un determinato film , cosa che non è mai avvenuta però come dire , c’è sempre tempo, speriamo di fare in tempo (ride) … stasera riceverò il premio per la carriera e naturalmente ne sono molto orgogliosa e vorrei ringraziare gli organizzatori di questa bella manifestazione , per aver scelto me e vorrei anche , come già detto prima, fare in tempo a ricevere anche un altro premio , sono un po’ avida, sorride , vorrei il premio alla carriera e anche un premio per una interpretazione … tra poco uscirà l’ultimo film di Meryl  Streep “Il diavolo veste prada” e chissà mai che non riuscirò a prendere un premio anche per un doppiaggio di un film … comunque sono molto contenta e ringrazio veramente tutti per avermi scelta …. così concludeva la grandissima Maria Pia Di Meo durante la nostra intervista del 2006 e qualche mese dopo il suo sogno, ossia quello di ricevere un premio su interpretazione , sarebbe stato esaudito infatti Maria Pia verrà premiata a Carrara , riceverà il Leggio D’oro 2007 a Carrara il 19 Maggio 2007  per la sua interpretazione doppiando la Streep ne “Il diavolo vesta Prada” e verrà premiata un mese dopo a Roma al Gran Premio del doppiaggio come miglior attrice doppiatrice protagonista per ” Il diavolo veste Prada “.

 

 

Foto intervento tratta dal Doc “Voices voci in action - Speciale Voci nell’ombra” andato in onda su RomaUno - riprese e montaggio dell’intervista alla Di Meo Fabrizio D’Amico, Regia e intervista Daniela Sgambelluri