Questo sito contribuisce alla audience di

Ennio Coltorti ricorda Renato Izzo

Ennio Coltorti, raffinato attore di teatro, stimato attore di doppiaggio tra i suoi lavori voce di Marlon Brando, Ben Kinsley, Michael Caine, Harvey Keitel, Depardieu, Hugo Weaving nei tre Matrix, Billy Bob Torthon ... Direttore artistico al Teatro Stanze Segrete di Roma, attore in fiction e insegnante di recitazione ... il suo incontro con Renato e le sue care parole per lui

” Renato era Il doppiaggio. Quando fui diretto per la prima volta da lui, io, che avevo cominciato tardi poiché venivo dal teatro pensai: “Ora conosco anch’ io il grande doppiaggio. Renato era un puro artista. Ho sempre pensato che le sfumature e la semplicità siano essenziali al fine di rendere l’ arte il mezzo più diretto per entrare in contatto con il profondo dell’ anima. Lui, con la più disarmante semplicità, ti faceva concentrare su un particolare, una sfumatura, sino a farti raggiungere il massimo della tua sensibilità. Renato possedeva una raffinata cultura. Quando andai per la prima volta nella sede della sua Pumais per ragioni amministrative, lui dal suo ufficio mi vide passare e mi chiese di sedermi e fare due chiacchiere. Parlammo per un’ora. E divenne una abitudine, un muto appuntamento. Parlavamo di cinema, teatro, letteratura, pittura, filosofia e… vita. Renato era un grande uomo. Chiunque abbia avuto la fortuna di conoscerlo lo sa. ENNIO COLTORTI”.

Queste le parole di Ennio Coltorti per Renato Izzo.

Intervistai Ennio nel maggio del 2006: Intervista esclusiva a Ennio Coltorti

I siti di Ennio Coltorti: www.enniocoltorti.it

STANZE SEGRETE

Proseguiranno domani i pensieri e i messaggi d’affetto per Renato Izzo e la sua famiglia da parte del mondo del doppiaggio, da parte di chi lo ha conosciuto e gli ha voluto bene.

Altri inediti messaggi dedicati a Renato Izzo su Inside the dubbing curato da Marco Bonardelli, appassionato ed esperto di doppiaggio. Sul blog di Marco troverete anche un filmato dedicato ai premiati del Leggio D’oro 2009, ringrazio pubblicamente Marco per la citazione.