Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

prossimi 10 »
  • Intervista a Claudio Di Leo , speaker di Radio Centro Suono

    " ... La passione per la radio nasce chiaramente con la passione per la musica quando sin da piccolo ascoltavo già musica un po' più "adulta" rispetto ai miei coetanei. A 16 anni ho cominciato a fare il Dj e ascoltavo con ammirazione i programmi dance dell'epoca come il "Deejay Time" o "Club Dance nation", un programma di musica house di una radio di Roma, Radio Centro Suono, condotto da uno dei personaggi che più mi ha influenzato e fatto innamorare questo lavoro: Andrea Torre ... La mia passione per il doppiaggio è nata quando ho cominciato a frequentare corsi di recitazione e quindi anche le sale di doppiaggio, ma purtroppo non sono mai riuscito a realizzare il mio sogno di doppiare un film; sembra quasi che ognuno debba avere un doppiatore in famiglia per poter fare questo lavoro...una gran delusione davvero. Una grande soddisfazione però la ebbi quando in uno studio di doppiaggio incontrai uno dei miei doppiatori preferiti: Oreste Rizzini ... Come speaker al momento lavoro per Radio Centro Suono 101e3 di Roma e conduco un programma dalle 14 alle 17 che si chiama "MySpace 101e3" nel quale mi piace molto raccontare cosa ci succede intorno, parlare di tecnologie, internet e interagire con le persone che ascoltano la radio ... "

  • Intervista a Mario Cagol ... speaker amante del doppiaggio

    Sono uno speaker radiofonico, attore di teatro e cabaret ... Da piccolo facevo le voci di Titti e Silvestro visto che il proiettore "Super 8" che avevo non riproduceva l'audio :-) ... Oreste Rizzini ... Grandissimo professionista, voce straordinaria capace di essere ironica e divertente, quanto toccante e seducente....mancherà.....

  • Intervista a Capitan B , speaker radio, ricordando Del Giudice

    " ... Facevo il DJ presso la radio locale della mia città: Vigevano, nel palinsesto avevo creato un programma: Pianeta B. dove da “molti” anni mi occupavo di Anime, Manga e tutto ciò che gira intorno a questo stupendo universo. Infatti facevo ascoltare musiche e canzoni di cartoni animati, non solo italiane, ma anche giapponesi con tanti angoli curiosi sempre inerenti a questa materia. La mia passione per il doppiaggio nasce con i cartoni animati della mia infanzia ... Putroppo Roberto Del Giudice è scomparso da poco, ma sicuramente resterà con noi per sempre. Ogni risata di Lupin sarà il suo saluto e tutte le volte che vedremo un personaggio da lui doppiato sarà come averlo nuovamente accanto. Lo ricordo come una persona molto disponibile, simpatica e molto professionale. Quando lo intervistai io, non era ancora scoppiato il BOOM del doppiaggio, e ricordo che un pò si stupì della mia intervista, il suo saluto per i ragazzi, poiché ogni intervista si concludeva con il doppiatore che salutava con la voce di un personaggio, fu il classico saluto con risata alla Lupin, che ancora custodisco gelosamente ... " Dopo l'intervista a Capitan B, i link alle interviste dello stesso Capitan B ad altri attori doppiatori amatissimi e non solo ... Antonella Baldini, Cinzia De Carolis, Clara Serina, Cristina D'Avena, Debora Magnaghi, Donatella Fanfani, Douglas Meakin, Emanuela Pacotto, Enzo Draghi, Fabrizio Manfredi, Lidia Costanzo, Fabrizio Mazzotta, Manuel De Peppe, Massimo Corizza, Massimiliano Alto, Riccardo Zara, Roberto Del Giudice

  • Intervista a Carmen Pica

    " ... Provengo da una famiglia di artisti, quasi tutti attori tra cui ricorderete la famosa Tina Pica (una mia prozia), quindi credo di avere, non per presunzione, una vena artistica innata. Oltre alla recitazione ed il canto mi piace molto giocare con la voce, imitare,e sarei molto felice se un giorno potessi doppiare un cartoon ... "

  • Intervista esclusiva a Maurizio DiMaggio

    " ... Tutte le culture sono affascinanti ... Forse il Vietnam è il posto con la cultura più diversa e per questo più interessante ... Ho seguito il corso di doppiaggio e sincronizzazione labiale, oltre che di recitazione, della FORMAT di Torino. Per un po’ ho doppiato facendo piccole parti in telenovelas. Poi è arrivata l’occasione di trasferirmi all’estero e ho lasciato l’attività che comunque si svolge prevalentemente tra Roma e Milano. Torino aveva poche possibilità di sviluppo del mercato del doppiaggio. Un futuro di doppiatore mi piacerebbe a livello di soddisfazione personale. Ormai non sono più pagati come un tempo ed è una vita al buio, sempre in studio davanti ad uno schermo… Tra i grandi del passato Pino Locchi senza dubbio. Un grande 007. Oggi mi piacciono Luca Ward e Alessandro Rossi per la pasta della voce, ma credo che se potessi scegliere vorrei essere Roberto Pedicini per la grande capacità interpretativa e per l’emozione che sa mettere nelle parole quando pronuncia le battute che gli piacciono ... Ho scritto le parole di “Fly to America” guardando la scia lasciata nel cielo al tramonto dai jet diretti a ovest, sulle rotte atlantiche. Io vivevo in un paesino all’imbocco della Valle d’Aosta. Quello è stato il disco che ci ha fatto andare a Discoring in RAI e a Drive IN su Italia Uno quando ancora avevano due ospiti musicali a puntata. In quel caso fummo noi (la Red Gang) ed una certa Gianna Nannini, che cantò “Fotoromanza”. Era l’estate del 1984 ... Radio Monte Carlo è arrivata al secondo tentativo. Con un primo provino c’ero andato vicino, ma non mi avevano preso. Cambiata la gestione, al secondo tentativo è andata bene. Da allora sono passati 19 anni ... "

  • Intervista a Thomas Agostini

    " ... Le mie esperienze nel campo sono state molte, e vanno dal doppiaggio alla realizzazione di spot e jingles, e ogni volta che presto la mia voce per una di queste cose cerco di metterci tutto me stesso per tirare fuori un ottimo prodotto in modo che soddisfi me, ma soprattutto il cliente che chiede la mia voce ... quando affronto una diretta radiofonica cerco di metterci tutta la mia buona volontà ... Tutti gli speaker sono modelli da imitare, perchè ogni speaker è unico e speciale e si contraddistingue per qualcosa che gli altri non hanno ... In Italia abbiamo degli speaker eccezionali con delle voci da paura, basta ascoltare la voce di Marco Zanni (grande voce maschile) ... io stimo molto e cerco di ispirarmi a Marco Mazzoli di Radio 105 ... Del doppiaggio italiano sono veramente soddisfatto e sono tutti magnifici. In Italia abbiamo dei doppiatori stupendi che riescono a rispettare i tempi perfettamente, e poi giustamente un ringraziamento anche agli adattatori italiani che cercano di adattare al meglio un testo al film in modo che il doppiatore non incontri difficoltà durante il doppiaggio. Il doppiaggio è una cosa stupenda e mi piacerebbe cimentarmi ... magari chi lo sà ... se qualche bravo direttore di doppiaggio si innamora della mia voce ... "

  • Intervista esclusiva a Sandra Di Meo

    " ... Avrò l'onore di essere accanto a grandi colleghi della radio e pensare di far parte di questa rosa privilegiata mi risulta ancora incredibile, a distanza di alcuni mesi dall'invito ricevuto da Alessandro Sorrentino e Tonino Luppino. Sarà per me una grandissima emozione, e un onore ancora maggiore poter essere presente ... Ad Alessandro Sorrentino e Tonino Luppino ... grazie di cuore per la fiducia e la stima dimostrata. A Scario a "DJ sotto le stelle", avrò modo di sottolineare quanto mi abbiano fatta sentire importante ... col tempo mi sono accorta che l'orecchio teso alla radio da tutta una vita mi ha insegnato tutto quello che , poi , sono oggi. Dopo 10 anni penso di poter davvero fare ancora tanta strada, se ci sarà sempre qualcuno disposto a darmene la possibilità, ma sono anche orgogliosa di dove sono arrivata da sola. Solo da poco ho avuto finalmente la possibilità di frequentare qualche sala di doppiaggio, conoscere dei grandi doppiatori ... Il mondo del doppiaggio respira a Roma , e un pò a Milano; non essere presente in maniera fissa in queste città mi impedisce, per ora, di bussare ad oltranza a quelle porte che potrebbero darmi una chance. E questo è ciò che dovrei fare ... insistere ... insistere ... insistere ... I professionisti che preferisco? Tanti ... troppi ... Luca Ward, l'indimenticato Ferruccio Amendola, Cristina Boraschi, Roberto Chevalier, Simone Mori, Sergio Matteucci ... A tutti i miei amici, perchè i miei ascoltatori sono per me amici, ribadisco un concetto sottinteso in ogni puntata di programma alla radio: farò di tutto per non deludere voi e la mia passione per questo lavoro ... "

  • Intervista ad Alex Intermite

    " ... Ho iniziato facendo la Radio ... sono uno dei pochi Speaker-giornalisti in Italia ... mi piacerebbe doppiare un cartone animato !! Siii, adoro fare le vocine proprio da cartone ... Attualmente dicono che il doppiaggio sia in crisi ... forse è in crisi l'intero mondo! Ma sono convinto che le produzioni che sanno fare il loro lavoro non hanno problemi di questo genere ... tornerò da settembre ancora in radio, poi beh seguitemi sul mio sito: "www.intercontatto.it" ... "

  • Intervista a Simone Agosti di Radio SNJ

    " ... I doppiatori sono un pò contrariati per il fatto che c'è sempre più lavoro da fare e non ricevono una retribuzione adeguata all'impegno. Avendo parlato a lungo con molti di loro mi sento di dire che il doppiaggio italiano non ha eguali nè rivali, è il migliore: pensiamo agli anni '50 o '40, quando si era all'inizio e i mezzi erano scarsi, le voci degli attori americani erano fantastiche ( Greta Garbo, Gary Cooper, James Stewart ...). L'anno scorso durante il Festival, c'è stata una conferenza intitolata " La Crisi del Doppiaggio: un fenomeno irreversibile?”, dove sono intervenuti diversi doppiatori e direttori del doppiaggio dicendo che ora c'è una specie di " menefreghismo " nei confronti di questo mestiere, che ha dato all'Italia un gran prestigio ... "

  • Intervista esclusiva ad Alessandro Sorrentino

    " ... Nei paesini piccoli come il nostro, la radio era anche un motivo di aggregazione per la promozione di altre iniziative. Anche per scioglierci con l'italiano, visto che tra di noi si parlava sempre in dialetto! Si ascoltava la dizione perfetta solo in Rai ... Mia Martini, l’indimenticabile Mia, la intervistammo davanti ad una bellissima tavola imbandita… Mia ci trattò come se ci conoscessimo da sempre. Era contenta, gioviale ... "