Questo sito contribuisce alla audience di

Argomenti correlati

  • Intervista esclusiva a Massimo Corvo

    " ... Doppiare Bruce Willis é sempre un piacere, amo molto la sua recitazione perché è semplice, essenziale e al tempo stesso mai banale. Devo fare sempre molta attenzione a tenere una voce leggera per non alterare l'originale ... ho iniziato a doppiare all'età di vent'anni perché ho sempre amato il cinema e le sue voci storiche. Ma la mia vera fortuna è stato il corso di doppiaggio del Gruppo Trenta. Ho avuto l'opportunità di crescere vicino a nomi quali Renato Izzo, Peppino Rinaldi, Fede Arnaud ... Per almeno due anni l'emozione mi ha paralizzato, ma devo ringraziare Renato Izzo per avermi "maltrattato" insegnandomi il mestiere ... Attualmente sto scrivendo "La Pensione Silla II". Spero di poterla mettere presto in scena a teatro con l'aiuto di Francesca Draghetti. Penso spesso alle persone non vedenti e al loro sviluppato senso dell'udito. Penso a una telefonata che mi fece una ragazza; disse di aver "sentito" il film attraverso la mia voce. Non vivevo un buon momento, ma quei complimenti rinnovarono in me l'entusiasmo per fare sempre meglio ... "