Questo sito contribuisce alla audience di

4.2 Pratica e filosofia druidica di Caitlin Matthews

Continua il corso.

4.2 Pratica e filosofia druidica di Caitlin Matthews

Come in qualsiasi università moderna dove uno studente assiste a conferenze tenute da professori diversi, anche gli aspiranti druidi venivano spesso mandati da maestri e maestre in tutto il paese, e di frequente attraverso l’acqua ad Alba o in Irlanda, come in questo esempio:

«Adna mac Uthidor di Connacht era un ollamh di grande dottrina e poesia. Egli aveva un figlio, Nedc, e lo mandò ad Alba, nella scuola di Eochu Echbcl, dove rimase fnchè non tu del tutto istruito.
«Allora Eochu disse: “Torna a casa ora; la nostra erudiziene unita non deve occupare lo stesso posto, perché lo splendore della tua cultura dimostra che sei un ollamh di conoscenza”.
«Nede parti con i suoi tré fratelli, Lugaid, Cairbrc e Crnttine.
Lungo il cammino, trovarono una digitale. Uno di essi domandò:
“Perche si chiama digitale?” E poiché nessuno di loro lo sapeva, essi ritornarono da Eochu e rimasero con lui per un mese. Ripresero poi la strada e trovarono una canna. Nessuno sapeva perche si chiamasse così, quindi essi tornarono dal loro maestro. Lo lasciarono al termine di un altro mese, e trovarono uno stelo di brunella, ma non sapendo perché fosse chiamala così, trnarono nella casa del loro maestro per un altro mese».

L’usanza di mandare via i figli ad imparare è legata a quella dell’allevamento fuori di casa. La ballata scozzese «TheWife of Usher’s Well» racconta come la vecchia megera avesse mandato i suoi tré tìgli oltremare ad apprendere la loro «grammatica», ossia le arti magiche. In una tradizione diversa, i genitori irlan esi mandavano i figli in Spagna perché diventassero preti, nel eriodo della proscrizione cattolica. Il metodo d’insegnamento asato sul dialogo erudito si trova oggi in molte parti del ondo, in specie nei paesi musulmani, ma anche in Etiopia e nel Nepal.