Questo sito contribuisce alla audience di

L'Uomo è Dio dell'Uomo

Homo homini Deus

L’Uomo è Dio dell’Uomo
L’interrogativo che mi pongo, leggendo e scrivendo su questo forum da tempo: ma l’alternativa è solo quella tra religioni neopagane, tradizionaliste o new age, qui da taluni propugnate, e la tradizione critiana cattolica tipica del nostro paese, oppure, come di fatto avviene nella società italian, c’è uno spazio crescente per posizioni laiche, atee, agnostiche, geenricamente umansitiche, che privilegino l’uomoa qualunque dio, cristiano o pagano, e magari amino rintracciare traccie di questa visione del mondo disincantata anche nel pensiero antico, ad esempio Democrito, Epicuro, Lucrezio ecc.?

Intanto a Voi uno spunto di riflessione, col pensiero di un grand efilosofo:
Supremo principio è “Homo homini Deus”: è errato ritenere che l’uomo debba sacrificare tutto a Dio, il quale per definizione non ha bisogno di nulla. Inoltre, come la storia ha dimostrato, la morale fondata sulla teologia giustifica tutti gli abusi, perché in questo modo essa viene sottratta al controllo della ragione.

L. Feuerbach, L’essenza del cristianesimo
Se l’essere umano è per l’uomo l’essere sommo, anche nella pratica la legge prima e suprema sarà l’amore dell’uomo per l’uomo. Homo homini deus est: questo è il nuovo punto di vista, il supremo principio pratico che segnerà una svolta decisiva nella storia del mondo.

[…] Al di sopra della morale sta Dio, riguardato come un essere distinto dall’uomo a cui appartiene tutto il meglio, mentre all’uomo spettano soltanto i rimasugli. Tutti i sentimenti che dovrebbero essere rivolti alla vita e all’uomo, tutte le migliori energie, l’uomo le spreca per l’Essere che di nulla ha bisogno. La causa reale diviene un mezzo indifferente; la causa puramente immaginaria diviene la causa vera e reale. L’uomo ringrazia Dio per i benefizi che l’altro uomo gli apporta anche a prezzo di mille sacrifici. La gratitudine che egli esprime al suo benefattore non è che apparente, non è rivolta a lui, bensí a Dio. È riconoscente verso Dio, sconoscente invece verso l’uomo. Cosí il sentimento morale soccombe nella religione. Cosí l’uomo sacrifica l’uomo a Dio! I sacrifici umani cruenti non sono in realtà che una espressione brutale e sensibile della piú intima essenza della religione.

[…] Quando la morale viene fondata sulla teologia e il diritto su un’autorità divina, le cose piú immorali, piú ingiuste e piú vergognose possono avere il loro fondamento in Dio e venir giustificate.

L. Feuerbach, L’essenza del cristianesimo, Feltrinelli, Milano, 1971, pagg. 286-288

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • frala

    17 Dec 2010 - 01:06 - #1
    0 punti
    Up Down

    se quello che dice feuerback fosse vero dovrebbe il mondo laico celebrare una schiera di uomini spirituali del calibro di San Francesco d’Assisi!!….tra gli uomini senza Dio non c’è uno solo grande come quest’uomo rapito dall’amore di Dio.