Questo sito contribuisce alla audience di

Scoperto villaggio neolitico costruttori di Stonhenge

A poco più di 3 chilometri da Stonehenge, in Inghilterra, sono stati trovati i resti di un villaggio neolitico databili fra il 2600 e il 2500 avanti Cristo

Scoperto villaggio neolitico costruttori di Stonhenge
http://www.galileonet.it/images/425.jpg

30 gennaio 2007 alle 18:07 — Fonte: repubblica.it
A poco più di 3 chilometri da Stonehenge, in Inghilterra, sono stati trovati i resti di un villaggio neolitico databili fra il 2600 e il 2500 avanti Cristo.

Si ritiene che sia stato abitato dai costruttori del più famoso monumento britannico dell’antichità. Un gruppo di archeologi della ‘National Geographic Society’ statunitense e dell’organizzazione responsabile della cura del patrimonio storico-artistico inglese, ‘English Heritage’, ha trovato a Durrington Walls, nella contea del Wittshire, una vasta area delimitata da un fossato, con i resti di alcune case contraddistinte dalla presenza di un focolare al centro. Si tratta del più grande villaggio di epoca neolitica mai scoperto nel Regno Unito. Alcuni insediamenti più piccoli furono localizzati negli anni passati sulle isole Orcadi, in Scozia.

La coincidenza tra la datazione delle vestigia del villaggio neolitico e l’epoca in cui fu costruita Stonehenge ha portato i ricercatori a concludere che si tratti proprio delle case degli artefici del suggestivo monumento megalitico. La scoperta dà nuovo vigore all’ipotesi secondo cui Stonehenge non fu eretta in una zona del tutto disabitata, ma avrebbe in realtà fatto parte di un più ampio complesso religioso, usato per riti funebri. In totale sono stati riportati alla luce i resti di tredici abitazioni. Di queste, sei conservano ancora le tracce dell’originale pavimentazione in argilla. Gli archeologi di ‘English Heritage’ “hanno scoperto decine di focolari, da cui si può dedurre che tutta la valle (tra Stonehenge e Durrington Walls; ndr) fosse abitata”, ha spiegato Mike Parker Pearson, docente di Archeologia presso l’Università di Sheffield.

da [www.kataweb.it]

Ecco chi ha messo quelle pietre
Più di cento case di cinque metri quadrati, con un letto, un guardaroba, una credenza a tre chilometri da Stonhenge. Il ritrovamento, sulle sponde del fiume Avon nella zona di Durrington Walls, del più esteso villaggio neolitico fino a oggi conosciuto in Gran Bretagna, potrebbe contribuire a chiarire l’origine e la funzione del noto sito megalitico eretto tra il 3000 e il 1600 a.C nella piana di Salisbury.

Gli archeologi della Sheffield University che hanno condotto gli scavi sono infatti convinti di avere individuato finalmente gli artefici dei misteriosi cerchi di pietra. In quel villaggio, di cui finora sono state portate alla luce le rovine di otto case, alcuni resti di ossa animali e delle pietre bruciate databili al 2500 a.C circa, avrebbe vissuto una comunità dedita a feste rituali che culminavano durante il tramonto del solstizio d’inverno. Gli affollati e gaudenti raduni, testimoniati da inequivocabili avanzi di banchetti, si svolgevano dall’altra parte del fiume, dove sorgeva un complesso simile a Stonehenge, ma realizzato in legno.

Un duplicato dell’originale con funzioni complementari. Mentre infatti Durrington Walls, ipotizano gli scienziati, era teatro di riti propiziatori e cerimonie religiose per celebrare la vita, Stonhenge rappresentava il luogo sacro per la sepoltura e venerazione dei morti. Alla fine della cerimonia i corpi dei defunti venivano affidati alle acque del fiume Avon fino al punto di incontro con la via sacra che conduceva al grande complesso megalitico.Una volta giunti a Stonhenge venivano cremati o sepolti, a seconda del ruolo sociale ricoperto in vita. La complementarità tra i due luoghi sacri, quello della vita e quello della morte, sarebbe confermata dal loro simmetrico orientamento astronomico.

La via principale lungo la quale sorgevano le abitazioni di Durrington Walls è infatti allineata con l’alba del solsitizio di inverno, mentre le costruzioni di Stonhenge sono allineate secondo le coordinate del tramonto del solstizio d’estate. (g.d.o.)

[www.galileonet.it]

Argomenti