Questo sito contribuisce alla audience di

Donna Radiosa

Poema lirico del Sec. IX






































Donna Radiosa
1 A Bé Find, in rega lim,
i tír n-ingnad hi fil rind?
Is barr sobairche folt and;
is dath snechtai corp co ind.
Donna radiosa, vuoi venire con me
nella magica terra dove sono le stelle?
Petali di primula son là le chiome
e il corpo tutto è color della neve
2 Is and nád bí muí ná taí;
gela dét and; dubai braí;
is lí súla lín ar slúag;
is dath sion and cech grúad.
Là non c’è mio né tuo;
bianchi i denti, nere le ciglia.
Là è delizia per gli occhi la folta assemblea
e ogni guancia ha il colore della digitale.

3
Is corcur maige cach muin;
is lí súa ugae luin;
cid caín déicsiu Maige Fáil
annam íar n-gnáis Maige Máir.


Porpora il dorso di ogni pianura.
Delizia per gli occhi le uova del merlo.
Se bella da guardare è la piana di Fál
è desolata per chi ha goduto il Mág Mór.

4 Cid mesc lib coirm Inse Fáil,
is mescu coirm Tíre Máir;
amra tíre tír as-biur;
ní tét oac and ré siun.
Se inebriante è la birra dell’isola di Fál
più inebriante la birra del Tír Mór.
Terra incantata è quella che racconto,
non vi muoiono i giovani prima dei vecchi.

5
Srotha téithmilsi tar tír,
rogu de mid ocus fhín,
doíni delgnaidi cen on,
combart cen peccad, cen chol.

Dolce, gentile, a ruscelli sul terreno,
il vino migliore e l’idromele.
Nobile popolo senza macchia
concepisce senza colpa né peccato.

6 Ad-chiam cách for cach leth,
ocus níconn-acci nech:
teimel imorbais Ádaim
dodon-aircheil ar áraim.

Vediamo ciascuno ed ovunque
e nessuno ci vede.
La tenebra della colpa di Adamo
è impedimento ad essere scorti.

7 A ben, día rís mo thúaith tind,
is barr óir bias fort (chind);
muc úr, laith, lemnacht la lind
rot-bía lim and, a Bé Find.
O donna, se vieni tra la mia gente altera
ti si porrà sul capo una corona d’oro;
fresca carne di porco, birra, latte e bevande
accanto a me avrai, mia radiosa signora.