Questo sito contribuisce alla audience di

Matrix

Welcome to the real world.

The Matrix, 1999 USA
Regia e sceneggiatura: The Wachowski Brothers
Fotografia: Bill Pope
Montaggio: Zach Staenberg
Musica: Don Davis
Cast
Keanu Reeves
Laurence Fishburne
Carrie-Anne Moss
Hugo Weaving
Joe Pantoliano

Il film
Thomas Anderson (Reeves), programmatore di computer e hacker con lo pseudonimo di Neo, sospetta che qualcosa non funzioni nel mondo che lo circonda. Sarà Morpheus (Fishburn) a svelargli la verità sulla vita che crede di vivere.

Un fumetto. Cominciò tutto con un fumetto. Andy Wachowski e Larry Wachowski, due sceneggiatori, dopo aver diretto il loro primo lungometraggio (Bound - Torbido inganno), avevano iniziato a sviluppare un’ idea per un fumetto di fantascienza, una storia tra uomini e macchine, di realtà, vera e fittizzia, di azione e filosofia post-moderna. Ben presto i due fratelli si convinsero che il mezzo migliore per il loro progetto era quello cinematografico. Da questi eventi è nato Matrix, una pellicola che è esplosa sulla scena cinematografica e nell’immaginario collettivo, consacrandosi come il film di fine millennio, dando vita ad un mondo, a personaggi, destinati ad entrare nella storia del cinema moderno.

Matrix ha dato un immenso scossone all’industria cinematografica e al genere fantascientifico (che si dovrà considerare ormai come “prima” o “dopo” Matrix), da tutti i punti di vista, arrivando ad influenzare la moda e il costume moderno. Alle incredibili invenzioni visive che il film introduce (su tutti l’uso del Bullet Time, mezzo tecnico usato oggi in tutti i campi della comunicazione visiva), va aggiunto un incredibile spessore a livello di storia, con una fusione tra filosofie orientali e classici della fantascienza come Philip K.Dick.

Al contrario della maggior parte degli action movie moderni, Matrix affianca a scene d’azione mozzafiato, una storia davvero accattivante e colma di sfaccettature, in grado di creare una vera e propria discussione globale tra appassionati di fantascienza, critici, scrittori e filosofi. Tutto questo per decifrare, decodificare, capire che cosa è Matrix.

Un mondo illusorio, una realtà virtuale che cela un vero e proprio incubo, in cui le macchine, i computer, hanno sprofondato la razza umana. Temi già visti nella storia del cinema (basti pensare, ad esempio, a classici come “Terminator” o “Essi vivono”), che, attraverso l’occhio e l’immaginazione del fratelli Wachowski, assumono una nuova forza, grazie al notevole impatto visivo del film.

Oltre ai notevoli effetti speciali visivi, colpiscono le coreografie delle scene di combattimento, ideate e dirette dal maestro hongkongese Yuen Woo-Ping, divenute un modello da seguire, copiate, imitate e parodiate da moltissimi film successivi a Matrix (basti pensare a parodie come “Scary Movie” o a film d’animazione come “Shrek”).

Notevole il cast, su cui spiccano i quattro protagonisti: Carrie-Anne Moss (bellissima e molto sexy nel suo attillato costume, vera e propria eroina del nuovo millennio), Lawrence Fishburne (dalla notevole presenza scenica), Hugo Weaving (diabolico come solo una macchina potrebbe essere) e, ovviamente, Keanu Reeves. Specialmente quest’ultimo è divenuto un’icona, un simbolo del cinema d’azione del 2000, incarnando un personaggio dalla mitica aurea, un vero e proprio “eletto” che va ad affiancarsi ad altri grandi personaggi della storia del cinema fantastico, come Luke Skywalker di Star Wars o Indiana Jones dell’omonima trilogia. Davvero impressionante la preparazione atletica che dimostrano avere tutti e quattro i protagonisti nelle molte scene d’azione, abilità che hanno raggiunto dopo mesi di duro allenamento (guardatevi il documentario nel secondo DVD del cofanetto che mostra il loro allenamento e mi darete ragione).

Ai tempi della sua uscita nelle sale (1999) il film ottenne un successo di pubblico planetario, arrivando in seguito a vincere ben quattro premi oscar: miglior montaggio, miglior sonoro, migliori effetti speciali sonori e migliori effetti speciali visivi.

Il più grande merito di “Matrix” è quello di, oltre ad aver rivoluzionato il modo di girare film d’azione e di fantascienza, aver creato una storia, una saga, un mito, che ha conquistato la fantasia di milioni di spettatori, creando un mondo in grado di brillare di luce propria, un mondo che nasce in questo primo film, che in un batter d’occhio ci catapulta nel nuovo millennio, catapultandoci nel mondo di Matrix.
Benvenuti nel mondo reale.

Il DVD
La prima versione di “Matrix” in DVD usci nel 1999 e fu uno dei primi film capaci di mostrare le (immense) potenzialità di questo supporto. Una realizzazione tecnica audiovisiva per i tempi clamorosa ed un ricco comparto di extra, mantennero il DVD nelle prime posizioni di vendita per ben tre anni. In occasione dell’uscita di questo cofanetto, la Warner, ha deciso di rieditare il film in una nuova versione rimasterizzata digitalmente. Il video è presentato in widescreen e, pur essendo di qualità superiore alla prima versione DVD del film, non regge comunque il confronto con alcune ultime produzioni di alto livello come “Star Wars” o la trilogia de “Il signore degli anelli”. Altra nota stonata del DVD è l’audio del film. Pur essendo presentato in un ottimo Dolby Digital 5.1, era lecito aspettarsi qualcosa di più, magari un audio in DTS o in Dolby Digital EX.

Gli extra del primo film della saga sono raccolti in un apposito DVD (“Matrix: La creazione di un mito”) incluso nel cofanetto che trovate recensito nello speciale di questa guida. L’unica novità di questo DVD di “Matrix” è rappresentata dai due nuovi commenti audio, davvero originali ed interessanti. Nel primo, troviamo due filosofi, il Dr. Cornel West e Ken Wilber, che ci offrono una chiave di lettura al film e al mondo di Matrix. Il secondo commento audio è affidato a tre critici cinematografici (Todd McCarthy di Variety, John Powers di Vogue e David Thomson, autore di The New Biographical Dictionary of Film) assolutamente contro “Matrix” che si divertono a demolire il film. Purtroppo i due commenti, ripeto, davvero molto interessanti e godibili, sono presentati senza alcun sottotitolo, ne italiano ne inglese. Questo rende molto difficoltoso seguire i commenti a meno che non siate dei perfetti madrelingua inglesi.

GIUDIZIO FINALE
Film: 9

Il film che ha cambiato un genere inventando un mondo fantastico e molto complesso. Un film che è già un cult.
Video: 8
Molto curato, nonostante le parecchie scene buie presenti nel film.
Audio: 8
Ottimo, anche se sorprende (negativamente) la scelta di non presentare delle tracce in DTS o in Dolby Digital EX.
Extra: S.V.
Gli extra del film sono raccolti in un DVD a parte presente nel cofanetto (vedi apposita recensione).

Signori e signore, ecco a voi il cinema fantascientifico del nuovo millennio, in cui realtà (virtuale) e irrealtà (reale) si mescolano creando un incubo ad occhi aperti dal maestosi impatto visivo. Da vedere.