Questo sito contribuisce alla audience di

I predatori dell'arca perduta

L'esordio cinematografico dell'archeologo più famoso della storia del cinema: Indiana Jones.

Raiders of the Lost Ark, USA 1981
Regia: Steven Spielberg
Sceneggiatura: Lawrence Kasdan
Fotografia: Douglas Slocombe
Montaggio: Michael Kahn
Musica: John Williams
Cast
Harrison Ford
Karen Allen
Paul Freeman
Ronald Lacey

Il film
Il Professor Jones, soprannominato “Indiana” (Ford) è un archeologo/avventuriero alla ricerca dell’ Arca della sacra alleanza, contenente le tavole di Mosè. A contendere questo prezioso oggetto storico ci sono però alcuni spietati ricercatori nazisti.

Agli inizi degli anni ottanta Spielberg decise che era il momento giusto per dare vita ad una avventurosa saga cinematografica. Durante una vacanza alle Hawaii, l’amico George Lucas gli aveva confidato di avere in mente un grande progetto, un film sulle avventure di un archeologo, alle prese con la ricerca di alcuni leggendari manufatti religiosi. Spielberg si innamorò subito dell’idea e decise di concentrarsi subito sulla regia del primo film di una saga destinata a dare vita ad uno dei più grandi e famosi personaggi di culto della storia del cinema: Indiana Jones.

“I predatori dell’arca perduta” fu il primo film dalla collaborazione di due veri e propri colossi del cinema statunitense come Spielberg e Lucas; il risultato fu l’inizio di una fortunata saga che riscosse consensi e successi su scala mondiale, creando un fenomeno ancora oggi, alle soglie di un quarto episodio, vivo e forte.

Molteplici i punti di forza del film, a partire dal recupero da parte di Spielberg e Lucas di generi cinematografici minori, andando a mescolare alcuni stereotipi dell’horror con caratteristiche tipiche di avventure e western, il tutto spruzzato da una giusta dose di ironia. Spielberg fa sentire il suo tocco e il suo talento donando al film un ritmo travolgente ed una perfetta coreografia delle sequenze d’azione (si pensi alla scena iniziale nelle caverne o a quella in cui Indy insegue un camion a cavallo). Un ruolo fondamentale nell’ottimo ritmo del film lo giocò la colonna sonora composta da John Williams, che, tutt’oggi, è uno dei temi più celebri della storia del cinema.

Rimasto nella memoria collettiva è senz’altro l’attore che diede un volto a Indy, Harrison Ford che, con questo ruolo, raggiunse un successo a livello mondiale, creando un personaggio che gettò le base per i moderni eroi cinematografici.

“I predatori dell’arca perduta” riscosse un grande successo di pubblico e di critica, conquistando 4 premi Oscar (miglior scenografia, montaggio, suono ed effetti speciali) e creando una saga di culto, uno dei più grandi successi degli anni ‘80.

Il DVD
La Paramount ha raccolto in un bellissimo cofanetto da collezione i tre film della saga di Indiana Jones, includendo un quarto disco relativo al materiale extra.
Buona la qualità tecnica del DVD, nonostante presenti alcune scelte davvero incomprensibili circa l’aspetto audio. Infatti, il DVD presenta una traccia in italiano in un semplice Dolby Surround 2.0, di qualità elevata ma inferiore alla traccia inglese presentata in un ottimo Dolby Digital 5.1. Molto buono il lavoro svolto sulle immagini, ripulite in maniera perfetta tenendo conto dell’anzianità della pellicola.

I contenuti extra del film sono racchiusi in un disco a parte presente nel cofanetto.

GIUDIZIO FINALE
Film: 8

Un film in grado di divertire ed appassionare dal primo all’ultimo minuto, grazie ad un ritmo travolgente e ad un personaggio entrato nella storia del cinema.
Video: 8
Ripulito dai segni del tempo, presenta una luminosità ed un contrasto di una qualità più che buona.
Audio: 7
Molto buono, peccato per la scelta di non includere una traccia italiana nell’ottimo Digital 5.1 con cui è presentata la traccia inglese.
Extra: S.V.
Tutti gli extra relativi alla saga sono raccolti nel quarto disco presente in questo cofanetto.

Una dei film di maggior successo degli anni ‘80, per l’inizio di una saga di culto rimasta impressa nella storia del cinema. Un cofanetto da collezione da non perdere.

Argomenti