Questo sito contribuisce alla audience di

Studi di settore

Cosa sono

Intervento redatto da www.blustring.it

Chi esercita un’attività commerciale, assieme alla presentazione della dichiarazione dei redditi, è generalmente soggetto alla presentazione degli studi di settore.

Gli studi di settore consistono in un questionario predisposto dall’agenzia delle entrate.

Il questionario richiede sia dati contabili (es.: volume acquisti di materie prime, valore delle rimanenze, valore dei beni strumentali), sia dati extracontabili (es: n° di ore lavorate dai dipendenti, tipologia di materie prime acquistate, etc.)

Le risposte a detto questionario vanno inserite in un apposito software prodotto dall’agenzia delle entrate chiamato Ge.Ri.Co. (Gestione Ricavi Compensi), il quale fornirà un responso circa la CONGRUITA’ e la COERENZA del contribuente.

Il contribuente è CONGRUO se il volume di ricavi dichiarato (cioè il volume di ricavi risultante dalle scritture contabili) risulta non inferiore al volume dei ricavi presunto dal Ge.Ri.Co.

Il contribuente è COERENTE se il Ge.Ri.Co. non rileva “anomalie” dei dati dichiarati (es.: produttività media per addetto troppo alta o troppo bassa).

Se il contribuente dovesse risultare NON CONGRUO o NON COERENTE corre il rischio di subire un accertamento induttivo da parte dell’amministrazione finanziaria.

Elementi che influenzano il responso degli studi di settore.

Il responso degli studi di settore è influenzato sia dagli elementi contabili, che dagli elementi extracontabili.

Gli elementi contabili che influenzano maggiormente il responso degli studi sono:

volume acquisti di materie prime;

differenza tra rimanenze finali ed iniziali;

costo del personale dipendente;

valore dei beni strumentali;
Gli elementi extracontabili che influenzano maggiormente il responso degli studi sono:

n° ore lavorate dai dipendenti;

percentuale di lavoro prestato dai soci o dai collaboratori dell’imprenditore.

Ne deriva che per non essere penalizzati dagli studi di settore non conviene caricare la contabilità con costi eccessivi.

continua