Questo sito contribuisce alla audience di

Studio in casa

Non è dovuta l'IRAP

studio in casaSecondo la Corte di Cassazione (sentenza n. 15110 del 26 giugno 2009) il professionista che svolge la propria attività in casa non è tenuto al pagamento dell’IRAP.
Il piccolo professionista che utilizza una stanza della propria abitazione, un personal computer, un fax e una libreria per il proprio lavoro, non è un soggetto passivo dell’imposta regionale sulle attività produttive.

Leggi anche:
Agenti e promotori
IRAP e attività di sindaco
IRAP e autonoma organizzazione
IRAP: compensi a terzi
Notai e IRAP
Corso gratuito on line – L’IRAP

(Foto: www.flickr.com)