Questo sito contribuisce alla audience di

Esercizio di arti e professioni

Normativa IVA e IRPEF a confronto

arti e professioniAi fini IVA, l’art.5 del DPR 633/1972 stabilisce che per esercizio di arti e professioni si intende l’esercizio per professione abituale, ancorché non esclusiva, di qualsiasi attività di lavoro autonomo da parte di persone fisiche ovvero da parte di società semplici o di associazioni senza personalità giuridica costituite tra persone fisiche per l’esercizio in forma associata delle attività stesse.

Per quanto riguarda le imposte sul reddito, l’art.53 del TUIR, definisce redditi di lavoro autonomo quelli che derivano dall’esercizio di arti e professioni. Per esercizio di arti e professioni si intende l’esercizio per professione abituale, ancorché non esclusiva, di attività di lavoro autonomo diverse da quelle di impresa.

Entrambe le norme, dunque, richiedono, affinché si possa parlare di esercizio di arti e professioni, il requisito della abitualità, mentre non è necessario che l’attività sia effettuata in maniera esclusiva.

Leggi anche: Esercizio di arti e professioni