Questo sito contribuisce alla audience di

Adempimento obbligazioni

Cosa prevede il codice civile

adempimento obbligazioniL’adempimento è l’effetto normale dell’obbligazione. Esso rappresenta, cioè, il modo con il quale normalmente si estingue l’obbligazione.

Con l’adempimento il debitore esegue la prestazione di dare, fare o non fare, in modo da far ottenere al creditore quanto gli è dovuto e da liberarlo completamente.

Il debitore, che è il soggetto passivo dell’obbligazione, deve adempire esattamente quanto stabilito con la diligenza del buon padre di famiglia, come prevede l’art.1176 del codice civile. Con questa espressione si è soliti intendere la diligenza di un uomo medio.
Lo stesso articolo prevede che, se l’obbligazione è inerente l’attività professionale, la diligenza deve valutarsi con riferimento alla natura dell’attività svolta.

L’adempimento deve essere effettuato dal debitore, ma può essere effettuato anche da un suo rappresentante legale (ad esempio nel caso di un minorenne) o volontario.

Ad adempiere può essere anche un terzo, anche contro la volontà del creditore, se questi non ha interesse che il debitore adempia personalmente l’obbligazione (art.1180 codice civile).

L’adempimento deve essere fatto al creditore o ad una persona autorizzata dal creditore o dalla legge o dal giudice.

Leggi anche:
Le prestazioni e i diritti di obbligazione
Quietanza liberatoria
Quietanza liberatoria rilasciata dal dipendente