Questo sito contribuisce alla audience di

Classificazione dei Bisogni

I Bisogni possono essere classificati in primari e secondari, individuali, collettivi, indotti e comuni.

mangiare bisogno primarioOltre alla distinzione tra bisogni primari e bisogni secondari, i bisogni dell’uomo possono essere anche classificati in altri modi. In particolare, ci possono essere:

a) BISOGNI INDIVIDUALI, cioè quei bisogni che ogni uomo avverte, indipendentemente dal contesto sociale, culturale, politico, religioso in cui è inserito. E’ evidente che rientrano tra i bisogni individuali tutti i bisogni primari connessi alla sopravvivenza fisica. Il bisogno di mangiare, infatti, è avvertito da ogni uomo, di ogni razza, di ogni epoca, di ogni condizione personale e sociale, sia che viva da eremita sia che abiti in una grande metropoli.

b) BISOGNI COLLETTIVI sono quei bisogni che un individuo avverte in quanto membro di una certa collettività. Questi bisogni si distinguono dai precedenti in quanto sorgono nell’uomo solo ed esclusivamente in relazione alla comunità in cui l’individuo vive ed opera. Nelle società e nelle comunità normalmente sorgono dei bisogni che l’individuo isolato non avverte. Un esempio tipico riguarda la necessità dell’ordine pubblico (o dell’amministrazione della giustizia). Se un individuo vivesse isolato, evidentemente, non avvertirebbe il bisogno di forze dell’ordine, di giudici, ecc… Molti bisogni pubblici vengono soddisfatti dallo Stato e, da alcuni autori, sono considerati sinonimo di “bisogni pubblici”, proprio in quanto avvertiti dall’intera collettività in quanto tale.

c) BISOGNI INDOTTI sono una categoria di bisogni che solo recentemente è diventata oggetto di particolari attenzioni. Si dicono indotti tutti quei desideri che non sono nati spontaneamente nell’individuo, ma sono fatti sorgere nella mente del soggetto dall’azione della pubblicità o da particolari pressioni derivanti dall’esterno. Un esempio tipico riguarda il desiderio, comune a molti giovani, di acquistare o desiderare prodotti visti ripetutamente in spot pubblicitari.

A volte si aggiunge a questi una ulteriore categoria di bisogni, cosiddetti COMUNI, in quanto percepiti da TUTTI gli individui. Spesso questi bisogni sono considerati sostanzialmente un sinonimo di FISIOLOGICI, cioè quei bisogni strettamente collegati alle caratteristiche fisiche dell’uomo. In questo caso, tali bisogni si sovrapporrebbero parzialmente sia ai bisogni primari quanto a quelli individuali. Tutti i bisogni comuni, in altre parole, sono anche bisogni primari e, al tempo stesso, individuali. Tuttavia, ci possono essere dei bisogni primari che non sono necessariamente comuni. Ad esempio, il bisogno di insulina per un malato di diabete è assolutamente un bisogno primario (in quanto senza di essa morirebbe), ma non può essere certo definito un bisogno comune all’intera umanità.

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • Orizon95

    03 May 2010 - 08:19 - #1
    0 punti
    Up Down

    state bene…io nce vado a scola ahahahahhahaah

Ultimi interventi

Vedi tutti

Link correlati