Questo sito contribuisce alla audience di

L'attività economica più importante: il consumo

Il consumo è l'attività economica principale.

Il consumo è la principale delle attività economiche.

Consumare, in economia politica, significa “utilizzare risorse per soddisfare uno o più bisogni”. Nell’atto del consumo, quindi, l’uomo che possiede delle risorse (beni e servizi) le utilizza per i suoi bisogni.

Nel linguaggio comune, consumare è spesso inteso in una accezione negativa, come sinonimo di “spreco” (si dice spesso non consumarlo tutto! oppure hai consumato tutta l’acqua).

In economia, invece, non solo il consumo non va inteso in termini negativi, ma anzi occorre riconoscergli il ruolo di “motore dell’economia”. Senza il consumo, cioè senza l’utilizzo di beni e servizi per soddisfare i bisogni, non ci sarebbe economia. Infatti tutte le attività economiche (produzione, risparmio, investimento, ecc…) dipendono direttamente o indirettamente dal consumo. Non si deve mai dimenticare che, in un sistema economico corretto e sano, “si produce perchè c’è consumo e non viceversa”. Le imprese, cioè, producono beni e servizi perchè questi siano consumati e non viceversa (cioè non si consumano beni e servizi semplicemente perchè questi sono stati prodotti).

Il consumo, inoltre, è l’atto con cui l’uomo, soddisfacendo un bisogno, si crea una “utilità“, cioè aumenta il proprio benessere.

Con l’atto del consumo il bene consumato può essere “distrutto” totalmente o parzialmente: totalmente se il bene è a fecondità semplice cioè non è durevole (ad esempio un panino), parzialmente se si tratta di beni a fecondità ripetuti o durevoli (ad esempio un macchinario).

Ultimi interventi

Vedi tutti