Questo sito contribuisce alla audience di

La scomposizione del PIL

Per analizzare cosa determina il livello della domanda di un paese si è soliti scomporre la produzione aggregata, cioè il PIL del paese, secondo le tipologie di beni prodotti e i gruppi di acquirenti[...]

Prodotto Interno Lordo Per analizzare cosa determina il livello della domanda di un paese si è soliti scomporre la produzione aggregata, cioè il PIL del paese, secondo le tipologie di beni prodotti e i gruppi di acquirenti di tali beni.

Normalmente, secondo una impostazione di derivazione keynesiana, si è soliti affermare che la domanda aggregata (che determina la produzione) è sintetizzabile nell’equazione:

Y = C + I + G + (E - M)

dove con Y si indica la produzione,
con C la domanda di beni di consumo,
con G la spesa pubblica,
con E le esporazioni e con M le importazioni.

Questa equazione esprime il fatto che la domanda di beni in un paese ha una componente che deriva dalla domanda di beni di consumo (C) effettuata dalle famiglie del sistema economico, una componente che deriva dalla domanda delle imprese di beni di investimento (I), una parte che proviente dal settore pubblico e si chiama spesa pubblica (G) e una parte relativa all’estero (E-M). Le esportazioni (E) sono la domanda di beni e servizi rivolta verso il paese proveniente dall’estero, mentre le importazioni (M) sono la parte di domanda nazionale che viene soddisfatta all’estero (ed è per questo che ha segno negativo).

————————–

LINK PER APPROFONDIRE
> La produzione di un Paese: PIL, RNL e RNLD
> Gli operatori del sistema economico
> Il PIL e la sua misurazione
> Il consumo
> Le esportazioni

Ultimi interventi

Vedi tutti