Questo sito contribuisce alla audience di

Che cosa sono le "search friction"?

Le frizioni dei mercati in particolare del mercato del lavoro sono l'argomento centrale della vittoria del Premio Nobel per l'Economia 2010.

Domanda e offertaLe frizioni dei mercati è l’argomento per cui i professori Peter Diamond del MIT, Dale Mortensen della Northwestern University e Christopher Pissarides della London School of Economics hanno vinto il premio Nobel 2010 per l’Economia.

Molti mercati presentano “search friction“, ma il mercato del lavoro è l’esempio più evidente ed importante.
La teoria della “search friction” è considerata una spiegazione fondamentale delle determinanti del tasso di disoccupazione e le dinamiche del mercato del lavoro.

Il mercato del lavoro, in prima approssimazione, si comporta come tutti i mercati: da un lato la domanda di lavoro (le imprese domandano forza lavoro), dall’altro i lavoratori (che offrono la propria attività lavorativa alle imprese). L’incontro tra domanda ed offerta determina l’equilibrio su questo mercato. Da ciò però non si riesce a spiegare come mai permangano spesso livelli anche abbastanza elevati di disoccupazione contemporaneamente a dei posti di lavoro vacanti.

Secondo gli studi di Diamond, Pissarides e Mortensen, la risposta a questo fatto è proprio nella teoria delle frizioni di mercato.
I lavoratori, infatti, cercano un posto di lavoro che li soddisfi e questo richiede tempo. Contemporaneamente anche le imprese cercano lavoratori adeguati alle loro esigenze e necessità ed anche questo richiede tempo e ricerche. Questo tempo e le difficoltà che esistono nel far incontrare chi offre lavoro con chi richiede esattamente quel tipo di lavoro si chiamano “frizioni del mercato”.

Può per esempio capitare che un lavoratore ed una impresa non si incontrino per problemi informativi (uno non viene a sapere dell’altro) oppure perchè si trovano in luoghi fisici diversi o ancora perchè non coincidono altri elementi. In tutti questi casi, tuttavia, accade che permane un lavoratore disoccupato e contemporaneamente un posto di lavoro libero.

Proprio Pissarides ha spiegato come ha iniziato i suoi studi a riguardo interessandosi all’esplosione del tasso di disoccupazione in Europa durante gli anni Settanta. Chiedendosi perchè accadeva tale fenomeno, ha iniziato a studiarlo in profondità elaborando, per l’Europa questa teoria, che i suoi colleghi hanno poi sviluppato anche al di là dell’Oceano.

—————————–

> Il Nobel per l’Economia 2010
> La disoccupazione e le sue misurazioni

Ultimi interventi

Vedi tutti