Questo sito contribuisce alla audience di

Prove di leggibilità dell'iPad usato come eReader

Due documenti video reperibili in rete che presentano altrettanti test di lettura in pieno sole concernenti l'iPad.

L'iPad utilizzato come eReader.
Una delle situazioni più estreme per i maniaci della lettura è senz’altro quello di starsene a leggere in pieno sole, per esempio in spiaggia d’estate.

Il riverbero della luce solare sulle pagine bianche finisce alla lunga per stancare la vista, e questo dopo solo pochi minuti, soprattutto se non si usano degli occhiali da sole con un filtro di categoria 3 o 4 e magari polarizzanti, in grado cioè di filtrare adeguatamente anche i riflessi.

Un problema analogo, e anche più grave, per via dei riflessi di luce sullo schermo o di una illuminazione insufficiente del display, attanaglia molti dispositivi mobili digitali, alcuni dei quali finiscono per essere inutilizzabili in ambienti open air.
Come si comporta a tal riguardo l’iPad della Apple?

Ho scovato per voi sulla rete un paio di video con altrettante prove di lettura con l’iPad in pieno sole.
Il primo test sembra “assolvere” l’iPad tirando in ballo, senza però darcene una conferma diretta, una sua presunta comodità di lettura nei confronti del convenzionale libro cartaceo.
Ma provate in pieno sole a mettere accanto al vostro iPad un libro su carta (possibilmente opaca) e impaginato con un carattere graziato, un’interlinea ariosa e un kerning elegante. Se non si tratta di un volume dell’Enciclopedia Britannica, finirà per essere meno stancante alla vista e più leggibile dell’iPad, seppur di poco.

Ma è il secondo test a ridimensionare drasticamente l’iPad.
Qui il confronto è con un normale eReader. E i dubbi si sciolgono come neve al sole (perdonate la boutade ) non appena si affianchino i due dispositivi in modalità lettura. Credo che ogni commento sia decisamente superfluo.