Questo sito contribuisce alla audience di

Conferenza sul digiuno

La dottoressa Mercedes Salimei, esperta in digiuno terapeutico da più di trentanni, in una Conferenza sul digiuno, il giorno 22 marzo 2000, ha presentato i suoi preziosi consigli.

Il digiuno fornisce un’autodiagnosi:
è una terapia orientativa ed educativa.
Mercedes Salimei

L’Azienda Servizi Farmaceutici e l’Associazione Kinesis, nell’ambito di un programma di Educazione al movimento e alla salute, ha organizzato una Conferenza sul tema del digiuno, quale stimolo alla divulgazione, all’approfondimento e alla conoscenza dell’argomento trattato.

Il materiale consiste di:

un estratto dei punti significativi della conferenza;
domande e risposte sul digiuno;
un’appendice sul digiuno terapeutico tratta da “Notiziario Weleda”, nella quale il medico Dr. Leopold Felbermayer analizza gli aspetti storico-culturali e medici di una pratica sottovalutata nel suo significato terapeutico e per le possibilità che dà di potenziare le facoltà umane.

La dottoressa Mercedes Salimei inquadra il digiuno nel contesto generale dell’alimentazione, inserendolo tra la dieta a base di calorie ed un regime alimentare estremamente personalizzato per tolleranze alimentari.

Il sistema linfatico è il sistema di fognatura del corpo, quello che si porta via tutte le tossine:

il digiuno ha il compito di eliminare completamente questi intasamenti e solitamente riesce a farlo nel giro massimo di 15 giorni.

Il digiuno non è terapeutico in modo definitivo:

ha effetto sul corpo per i primi sei mesi e poi va ripetuto.

Il digiuno fornisce un’autodiagnosi: è una terapia orientativa ed educativa.

Durante il digiuno sarebbe opportuno ascoltare della musica classica, in modo particolare quella di Mozart, la quale aiuta a recuperare la sicurezza in se stessi ed è un’ottima cura ricostituente per il sistema nervoso.

Gli esercizi, le camminate o le pratiche vanno praticate solo a livello fisico senza ricorrere a ideologie di tipo religioso oppure di tipo filosofico, perché in fase di digiuno si è molto sensibili da un punto di vista psicologico.

L’unica meditazione consigliata è la programmazione di ciò che si vuole realizzare addirittura per un intero anno, oppure mese per mese, fino al digiuno successivo.

Le categorie della guida