Questo sito contribuisce alla audience di

Il tè, la bevanda più amata nel mondo!

Il tè è apprezzato sia per la gradevolezza dell’aroma sia per le molteplici virtù salutari.

800px-Cup_of_Earl_Gray
La bevanda maggiormente consumata al mondo, rinfrescante d’estate, caldo intervallo d’inverno, da sorseggiare con piacere in ogni stagione e momento della giornata, è contemporaneamente nobile (per tradizione e per il pregio di alcune varietà) e popolare (per il consumo, che investe tutti gli strati sociali).

La pianta del tè, la Camellia sinensis, appartenente alla famiglia delle Teaceae, è sempreverde con piccoli boccioli bianchi, originaria dell’Assam, stato federato dell’Unione Indiana, e coltivata in India, Ceylon, Cina, Giappone, Giava, Sri Lanka, Turchia, Kenya.

I giardini migliori sono quelli che si trovano ad altezze inferiori ai 1800 metri.

Le parti scelte per la raccolta sono le ultime 2 foglie e la gemma apicale, staccate con le unghie compiendo con le dita un movimento verso il basso, quando i germogli stanno per spuntare.

Le varietà di tè commercializzate sono il risultato di differenze relative alle zone di crescita, al suolo e alle condizioni climatiche, al metodo di lavorazione e al periodo o al tipo di raccolta.

Il tè verde è tè non fermentato, che conserva il colore verde, producendo un infuso chiaro e profumato.

Il tè bianco si ottiene raccogliendo i germogli prima che si schiudano, lasciandoli appassire ed essiccare, senza sottoporli a calore diretto: l’infuso è chiarissimo e delicato.

Oolong, definiti la giada dei tè cinesi, sono i tè che subiscono un parziale processo di ossidazione: hanno un colore più o meno scuro e producono infusi più corposi e dal sapore più intenso di quelli verdi.

La lavorazione del tè nero richiede quattro fasi: appassimento, arrotolamento, fermentazione ed essiccazione.

I tè aromatizzati si ottengono attraverso due procedimenti:
- tradizionale cinese, consistente nell’aggiungere alle foglie di tè petali o boccioli di fiori tolti alla fine, chiamati Hua Cha (tè ai fiori) o Hsiang Pien (Frammenti Profumati). Le essenze più usate sono il gelsomino, il crisantemo dolce, il loto e i petali di rose;
- aggiunta alle foglie di tè di olii essenziali.

In Cina è tradizione millenaria preparare il tè pressato in panetti di varie forme: a nido, a mattonelle, in palline e a tazza per conservarlo rendendolo più idoneo al trasporto.

I benefici dell’aromatico tè sono innumerevoli:
- proprietà toniche, digestive, diuretiche, diaforetiche (stimolanti la sudorazione)
- promozione delle funzioni benefiche delle piastrine del sangue
- miglioramento delle funzioni dell’endotelio vascolare
- riduzione dei rischi di malattie cardiache e ictus
- effetto antiossidante
- azione anticarie
- riequilibrio della pressione alta
- riduzione di grassi, di acido urico, di colesterolo HDL, di alcool nel sangue
- azione battericida, antinfiammatoria
- azione drenante ed anticellulite
- riduzione dell’aumento di insulina in seguito all’ingestione di amidi
- regolarizzazione della flora batterica intestinale
- elisir di bellezza (usato in cosmesi)
- rallentamento della formazione e della crescita delle cellule tumorali
- riduzione delle dimensioni dei tumori della pelle
- longevità

Le categorie della guida