Questo sito contribuisce alla audience di

I micronutrienti - I sali minerali, preziosi ed indispensabili

I minerali sono sostanze inorganiche che svolgono nell'organismo basilari funzioni di struttura, di controllo e di regolazione dei processi vitali.

 

 

I minerali sono sostanze micronutritive: non forniscono direttamente energia, ma la loro presenza è necessaria perché possano aver luogo reazioni chimiche.

Si classificano in macroelementi, microelementi ed elementi traccia.
  

Macroelementi

· Sodio
Svolge un’azione di regolazione dell’equilibrio acido-base e del bilancio idrosalino ed è fondamentale per il funzionamento del sistema nervoso.

·  Potassio
Interviene nella trasmissione nervosa e nella regolazione dell’equilibrio acido-base e del bilancio idrosalino.

·  Calcio
Stimola muscoli e nervi e realizza la coagulazione del sangue; inoltre svolge attività di tipo enzimatico, ed è un elemento strutturale di ossa, denti e cellule.

·  Fosforo
Rappresenta il componente dei legami di fosfato ricchi di energia, ed è un elemento strutturale di ossa, denti e cellule.

·  Cloro
Regola il bilancio idrico e produce acido cloridrico nello stomaco.

·  Magnesio
Funge da attivatore enzimatico e agisce da modulatore dell’attività elettrica della muscolatura.

 

Microelementi

·  Ferro
Compito principale del ferro è legare l’ossigeno nella molecola di emoglobina e in altri trasportatori.

·  Zinco
È coinvolto nella produzione, deposito e secrezione dell’insulina.

·  Rame
È un costituente fondamentale degli enzimi coinvolti nel metabolismo del ferro e nella produzione di sangue.

·  Manganese
È indispensabile per il funzionamento di alcuni enzimi.

·  Iodio
È il componente degli ormoni tiroidei.

·  Cromo
Costituente di alcuni enzimi, viene coinvolto nel metabolismo del glucosio e in generale nel metabolismo energetico.

·  Selenio
Svolge la sua funzione in associazione con la vitamina E, proteggendo le cellule dai danni dell’ossidazione ed ostacolando la formazione dei radicali liberi.

·  Molibdeno
È un cofattore di enzimi coinvolti in reazioni di ossidoriduzione.

Elementi traccia

Altri minerali sono definit elementi traccia perché presenti in concentrazione inferiore al microgrammo per grammo di dieta (litio, vanadio, silicio, nichel, arsenico, piombo).

L’organismo non è in grado di sintetizzare alcun minerale: è quindi necessario introdurli con alimenti e bevande.

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • giovanni1982

    21 Jan 2011 - 11:13 - #1
    0 punti
    Up Down

    Salve, gradirei una rassicurazione e una delucidazione in merito alla correlazione negativa che intercorre fra il processo di potabilizzazione dell’acqua (noto come osmosi inversa) e gli elementi chimici inorganici ivi contenuti.
    Sono venuto a sapere che questo processo abbatte enormemente sia vettori infettivi ma anche la concentrazione di elementi minerali inorganici.

    Nei miei anni di studio mi è stato ribadito più volte che l’uomo (appartenente al Regno animale) non è in grado di sfruttare - a livello di metabolismo - minerali inorganici e per tale ragione si rifucilla attraverso materiale organico da cui trae nutrimento (carne, verdure, latticini etc.)
    Difatti, le piante hanno questa peculiarità (basta vedere che i concimi chimici di base contengono P K e N inorganico).

    L’acqua, è inutile a dirsi viene richiamata dall’organismo in quanto ha bisogno di idratarsi e rendere attuabili tutti i processi metabolici.Non assumiamo acqua perchè necessitiamo di elementi inorganici.

    Inoltre, se l’acqua derivante dal processo di osmosi inversa ha un residuo fisso molto basso non è qualitativamente migliore (stando almeno a ciò che ci viene perennemente propagandato da multinazionali dell’acqua in bottiglia)? Attraverso una alimentazione sana ed equilibrata si possono compensare tali carenze iniflue?

    Gradirei vivamente un suo parere al riguardo. In attesa di risposta Le invio i miei saluti più cordiali.

Le categorie della guida