Questo sito contribuisce alla audience di

Il kiwi, amico del cuore!

Una recente scoperta scientifica, frutto di una collaborazione internazionale, mette in luce nuove proprietà nutrizionali del kiwi per la profilassi e la terapia delle malattie cardiovascolari.

Gli effetti antiossidanti,

dati dal consumo di ortofrutta,

sono da tempo noti,

ma il kiwi sembra avere in più

la capacità di mantenere

fluido il sangue

riducendo l’aggregazione piastrinica

e, di conseguenza, l’arteriosclerosi.

A.K.Duttaroy

Una recente ricerca condotta in Norvegia dall’equipe del prof. A.K.Duttaroy, pubblicata su Platelets, mette in luce una correlazione positiva tra il regolare consumo di kiwi e la prevenzione di malattie cardiovascolari.

I trigliceridi possono essere tenuti sotto controllo consumando da due a tre frutti di kiwi al giorno.

La dr. Alessandra Bordoni del Centro Ricerche sulla Nutrizione dell’Università di Bologna ha pubblicizzato le notizie in occasione di un Convegno sull’actinidia tenutosi a Faenza nell’ambito del Fruttiflor.

La coltura del kiwi è prosperata molto negli ultimi anni soprattutto in Italia.

La tavola rotonda sui temi economici ha posto l’accento su:

nuovi strumenti di governo dell’offerta resi disponibili grazie agli accordi interprofessionali;

necessità di conquistare nuovi consumatori attraverso l’introduzione di nuove varietà.
Sono da aprire nuovi bacini di esportazione, come il Giappone, o altri paesi, come gli Stati Uniti, dove il kiwi non è ancora incluso nel panel dei frutti più richiesti e noti.

All’ultimo incontro IKO, International Kiwifruit Organization, i principali paesi produttori hanno assunto l’impegno di “dedicare sforzi particolari nelle rispettive attività promozionali”, ha dichiarato Valtiero Mazzotti direttore del CSO.

Un mega-studio condotto su oltre centomila persone, tenute sotto osservazione dal 1980 al 1998, ha confermato che cinque o più porzioni di frutta e verdura (seguita dalle verdure a foglia verde come gli spinaci) si traducono in una notevole diminuzione dei rischi cardiovascolari (Chs/Adnkronos Salute).

Le categorie della guida