Questo sito contribuisce alla audience di

L’attività ispettiva del CTMBC

L’attività ispettiva è la più delicata: ecco i dati aggiornati al 15 dicembre 2004.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’attività ispettiva è la più delicata tra quelle svolte dal Consorzio tutela Mozzarella di Bufala Campana DOP, in quanto si tratta di assicurare al consumatore:

 

l’integrità del prodotto finale;
l’osservanza delle norme del disciplinare di produzione relative alla preparazione (a cominciare dall’utilizzo del 100% latte di bufala da area DOP), all’incarto, all’utilizzo della denominazione e del marchio DOP.
Fino al 15 dicembre 2004, il servizio ispettivo del Consorzio ha effettuato 215 prelievi di mozzarella DOP in attività commerciali.

 

Di questi, 207 sono stati sottoposti ad analisi per riscontrare l’eventuale presenza di latte non bufalino: solo 21 campioni sono risultati positivi (10%), quest’ultimo dato in calo rispetto al 2003.

 

Nel corso del 2004, l’attività ispettiva si è così distribuita:

141 campioni (66%) sono stati prelevati in punti vendita dell’area DOP;
64 (34%) nel resto d’Italia.
Nel corso del 2004 sono stati elaborati 41 verbali di constatazione e/o di accertamento.

 

Sono stati invece 8 gli interventi della sezione ispettiva coordinati con l’Ispettorato Centrale Repressione Frodi del MIPAF, relativi al sequestro di incarti irregolari.

 

Complessivamente, in seguito a non conformità gravi riscontrate, sono stati tre i caseifici revocati ed altrettanti quelli sospesi - per 2 mesi - dall’utilizzo del logo della DOP, mentre sono undici i caseifici che hanno ottenuto nuove autorizzazioni a produrre MBC DOP.

Le categorie della guida